PlayStation 4

Death Stranding, Hideo Kojima svela qualche dettaglio

In un'intervista con IGN, Hideo Kojima ha spiegato in maniera molto approfondita – almeno rispetto al solito – svariati aspetti di Death Stranding, primo prodotto in arrivo su PlayStation 4 di Kojima Production, la casa di sviluppo fondata da Hideo dopo aver chiuso i rapporti con Konami.

"I giochi sono iniziati 40 anni fa con gli arcade. Quando i giocatori muoiono, è game over. Si continua, e il tempo torna indietro prima della morte. Si può morire quante volte si vuole, ma si torna sempre indietro un po' prima della morte. È una meccanica creata appositamente per far mettere dentro monetine, e non è cambiata da allora".

Come intuibile dai trailer, dal nome del gioco, e come spiegato da Kojima stesso, Death Stranding è un titolo che parla di vita e morte, "Voglio che la gente capisca che quando muoiono nel gioco, quella non è la fine".

Anche dopo la morte in gioco, è comunque possibile proseguire, in un luogo che Kojima definisce un "purgatorio", che può essere esplorato direttamente in prima persona. Questa zona è presente nel trailer mostrato ai The Game Awards. 

"In quel momento non siete né vivi né morti. È l'equivalente della schermata che dice 'Continua?' con un timer che scorre verso lo zero"

Una volta che si è pronti a continuare, stando alle parole di Kojima, si può tornare a giocare nel mondo reale. A differenza della maggior parte dei titoli però, Death Stranding riconosce la sconfitta del giocatore, e lo riporta in un mondo con le conseguenze legate ad essa. "A seconda del giocatore, potreste avere un sacco di crateri ovunque – dipende dal giocatore" spiega Hideo, riferendosi a quello comparso nel trailer di 9 minuti.

Hideo ha anche parlato del "Timefall", la pioggia mostrata nei vari video di Death Stranding. È veramente particolare, e possiede lo straordinario potere di modificare il tempo. Può far crescere le piante in pochi secondi, oppure far invecchiare e deteriorare un corpo umano alla stessa velocità.

"La maggior parte delle persone in gioco sa cos'è la pioggia – e beh, Norman è speciale in questo senso… Credo di dovermi fermare qui. Sto rivelando troppo".

Kojima continua spiegando l'importanza del bambino mostrato nei trailer, confermando che è sempre lo stesso. Non sarà solamente uno "strumento" per far avanzare la trama, ma avrà anche un ruolo rilevante nel gameplay, così come il braccio robotico presente nel gioco.

anzqzatuldbtok6tdh0k
Il robot ovviamente ha un nome: noi scommettiamo su "Claptrap"!

Kojima ha poi ripreso il vecchio discorso del "bastone e corda", parlando anche dei problemi legati all'anno 2017 che ha visto la SAG-AFTRA protagonista di un lungo e tumultuoso sciopero. Il futuro di Death Stranding pare però radioso, e gli elementi di gameplay cominciano a emergere in maniera evidente. Oltre a questo ci sono le reazioni entusiaste dei fan, sempre pronti a far divertire lo sviluppatore con le loro teorie.