10 0 7 Naruto to Boruto: Shinobi Striker
Tom's Hardware Italia
PlayStation 4

Naruto to Boruto Shinobi Striker Recensione, il credo ninja!


Naruto to Boruto: Shinobi Striker
Genere
Azione
Piattaforma
PS4, Xbox One, PC
Sviluppatore
Soleil
Editore
Bandai Namco Entertainment
Data di Uscita
30/08/2018
Naruto rappresenta senza ombra di dubbio l’infanzia di moltissimi videogiocatori e appassionati di anime del mondo intero. Questo iconico personaggio è riuscito a fare breccia nel cuore degli interessati grazie alla sua impressionante crescita (dall’età pre-adolescenziale fino ad arrivare ai vertici della società) durante l’intera narrazione dell’opera di Masashi Kishimoto. Lo shinobi in questione è divenuto un […]

Naruto rappresenta senza ombra di dubbio l’infanzia di moltissimi videogiocatori e appassionati di anime del mondo intero. Questo iconico personaggio è riuscito a fare breccia nel cuore degli interessati grazie alla sua impressionante crescita (dall’età pre-adolescenziale fino ad arrivare ai vertici della società) durante l’intera narrazione dell’opera di Masashi Kishimoto.

Lo shinobi in questione è divenuto un brand incredibilmente forte, tanto da creare una serie di videogiochi che godono di un gameplay incredibilmente divertente e adrenalinico. Il mercato videludico, infatti, ha potuto ossevare innumerevoli giochi di questo franchise.

Naruto to Boruto: Shinobi Striker abbandona completamente le meccaniche della celebre saga di Naruto Shippuden: Ultimate Ninja Storm per abbracciare un sistema multigiocatore che ricorda apertamente quello visto in Dragon Ball Xenoverse. L’unica differenza rispetto a quest’ultimo videogioco è l’assenza di una campagna in cui (ri)scoprire i passi di Naruto e i primissimi di Boruto.

Il Villaggio della Foglia in multigiocatore…

La primissima interazione con questo gioco coincide con la creazione del proprio personaggio personalizzato. La modalità in questione è semplice, basilare e include pochi contenuti estetici. Gli utenti, infatti, hanno la possibilità di modificare alcune parti del corpo dell’alter-ego come viso, corporatura e capigliatura. Dopo questa piccola fase, il gioco entra nel vivo dell’azione con la scoperta dell’hub centrale: il Villaggio della Foglia.

NARUTO TO BORUTO SHINOBI STRIKER 20180904214816
NARUTO TO BORUTO SHINOBI STRIKER 20180905212538
NARUTO TO BORUTO SHINOBI STRIKER 20180905211237
NARUTO TO BORUTO SHINOBI STRIKER 20180904214747

In questa particolare location i giocatori possono prendere parte alle varie modalità congegnate dagli sviluppatori. La prima presentata dai protagonisti del gioco è denominata Arena VR e consente di intraprendere le missioni (in singolo oppure con l’aiuto dei propri amici sfruttando l’infrastruttura multigiocatore) divise in base alla difficoltà.

L’accesso a questo videogioco – per tutti i futuri acquirenti della versione console – è consentito a tutti i possessori di abbonamento dei servizi di Microsoft e Sony.

Le attività nell’Arena VR permettono di iniziare una serie di attività molto caratteristiche per tutti gli appassionati di questo anime – l’obiettivo è quello di concludere nel minor tempo possibile. Gli sviluppatori hanno quindi puntato sulla massima fedeltà e le missioni presenti riguardano principalmente azioni di salvataggio, difesa e altro ancora. L’unica defezione di questa modalità è rappresentata dal numero molto limitato delle attività presenti.

Girovagando per il Villaggio della Foglia, i giocatori saranno in grado di dialogare con Naruto per catapultarsi nelle battaglie multigiocatore in partite amichevoli e, naturalmente, quelle classificate. Le modalità presenti sono quattro: deathmatch a squadre, cattura la bandiera, trasporto di oggetti e l’immancabile conquista del territorio. La ricerca degli altri giocatori non ci ha particolarmente convinti e lo stesso discorso vale per il net-code, infatti non è difficile ritrovarsi con una squadra di giocatori veterani.

NARUTO TO BORUTO SHINOBI STRIKER 20180904145425

L’hub sviluppato dal team di Soleil presenta anche la Biblioteca delle Arti Ninja gestita da Sasuke. In questo particolare edificio è possibile scegliere il proprio mastro per apprendere le migliori tecniche del videogioco. I maestri disponibili sono molti e per acquisire i ninjutsu è necessario compiere tutte le attività presenti nel videogioco – sia nella Arena VR sia nelle partite multiplayer.

Nell’Arena VR, il maestro prescelto accompagnerà l’alter-ego per l’intera missione. La progressione, quindi, non è lineare e questo dona la massima libertà a tutti gli aspiranti ninja.

Il nostro maestro è nientemeno che il protagonista assoluto del brand: Naruto. Le prime tecniche che insegna sono il Rasengan e il Rasen Shuriken.

Il Villaggio della Foglia, infine, si compone anche di due ulteriori edifici completamente amministrati da Sakura e TenTen. Il primo permette di modificare a tutto tondo il proprio personaggio (con le relative classi diversificate per genere) con gli oggetti sbloccati durante l’avventura; il secondo edificio non è altro che un semplice negozio in cui aprire le pergamene premio oppure acquistare armamenti e oggetti cosmetici.

Sistema di combattimento e Comparto Grafico

Naruto to Boruto: Shinobi Striker, innanzitutto, include quattro classi ciascuna delle quali gode di ruoli e attacchi differenti. Il giocatore può infatti scegliere le combinazioni presenti tra Attacco, Ranger, Distanza e Cura. Come tutti i videogiochi che presentano tali meccaniche, la scelta implica anche una certa strategia nel curare il proprio personaggio. Inoltre, è necessario anche scegliere con parsimonia il proprio maestro – per esempio Naruto e Kakashi hanno attacchi prevalentemente attacchi ravvicinati, mentre Sakura gode di ninjutsu medici.

NARUTO TO BORUTO SHINOBI STRIKER 20180905211422

Il sistema di combattimento sviluppato da Soleil è certamente divertente, adrenalinico e soprattutto fedele all’opera di Masashi Kishimoto. Le meccaniche, inoltre, sposano pienamente la struttura delle ambientazioni del gioco – ovvero Villaggio della Foglia, Roccia, Sabbia, Nebbia e Nuvola -, di conseguenza gli utenti possono camminare sugli edifici in verticale per compiere le tecniche più potenti.

La telecamera rappresenta uno dei difetti più grossi di questo titolo perché essa non è particolarmente sveglia nel seguire il personaggio di gioco, soprattutto nel passaggio tra superficie verticale e orizzontale.

I comandi di gioco sono semplici da apprendere e si caratterizzano da due tipologie di attacchi – leggero e pesante -, da due tecniche – sfruttabili con la pressione dei dorsali del proprio controller – e infine l’attacco supremo. Il giocatore, infine, può anche lanciare gli oggetti ninja e infine compiere salti.

Il comparto grafico di questo videogioco raggiunge la sufficienza perché gli sviluppatori non sono riusciti a tirare il meglio dall’Unreal Engine 4. La realizzazione di ambientazioni e personaggi è di qualità, ma manca quel tocco di classe che ha sempre contraddistinto il brand.

Naruto to Boruto: Shinobi Striker

Naruto to Boruto: Shinobi Striker abbandona completamente le meccaniche della celebre saga di Naruto Shippuden: Ultimate Ninja Storm per abbracciare un sistema multigiocatore che ricorda apertamente quello visto in Dragon Ball Xenoverse. L’unica differenza rispetto a quest’ultimo videogioco è l’assenza di una campagna in cui (ri)scoprire i passi di Naruto e i primissimi di Boruto.

7
7

Verdetto

Naruto to Boruto: Shinobi Striker è un progetto idealmente superlativo ma non è convincente su tutti i punti di vista. La mancanza di una modalità in singolo non rappresenta una defezione, anzi potrebbe risultare una mossa vincente se gli sviluppatori riuscissero a introdurre nuove modalità nei prossimi mesi. Il suo ingresso nel mercato videoludico ricorca quello di Dragon Ball Xenoverse  e speriemo segua il trend del gioco prodotto da Dimps.

Pro

Questo titolo è fedele alla controparte realizzata da Masashi Kishimoto; Sistema di combattimento rocambolesco.

Contro

Telecamera non propriamente lucida durante gli scontri; Net-Code con qualche incertezza nel discriminare gli utenti; Ci aspettavamo qualche attività in più.