e-Gov

Il sindaco di Parigi critica le super consegne di Amazon

Il nuovo servizio Amazon di consegna di prodotti freschi e surgelati, inaugurato la scorsa settimana a Parigi, è stato fortemente criticato dal sindaco Anne Hidalgo. Ieri dall'Hotel de Ville è stato diramato un comunicato stampa che conferma l'intenzione di Hidalgo di rivolgersi al legislatore per salvaguardare gli equilibri commerciali della città e anche la condizione ambientale.

Il nuovo servizio di Amazon, riservato agli abbonati Prime che risiedono a Parigi e in periferia, prevede la consegna gratuita – a massimo 2 ore dall'ordine – di uno svariato numero di prodotti come verdura, frutta, pane, etc. Per altro tutta la settimana, da lunedì alla domenica tra le 8:00 e le 10:00. Qualcosa di simile a quanto già avviene a Milano.

amazon fresh

"Questa operazione può seriamente destabilizzare gli equilibri parigini commerciali", sostiene il sindaco. Ecco quindi "la necessità di stabilire, per legge, garanzie in grado di assicurare che tali servizi non costituiscano concorrenza sleale nei confronti dei commercianti e artigiani".

Non meno importante il fatto che l'attività di consegna possa contribuire all'aumento dell'inquinamento in città. "La città di Parigi sarà intransigente nei confronti di Amazon", prosegue Hidalgo. Insomma pugno duro e richiesta del rispetto di una politica adeguata nella gestione delle risorse umane, del parco veicoli e mantenimento della qualità della vita delle persone che vivono nei pressi del centro di stoccaggio situato nel diciottesimo arrondissement.