Auto

Ford Weather Factory, la simulazione ambientale è estrema

Ford ha attivato il Weather Factory, il nuovo centro di simulazione ambientale per il quale ha investito oltre 70 milioni di euro e che si trova a Colonia, in Germania. La struttura permette ai team di sviluppo dell'azienda di ricreare qualsiasi condizione climatica, dal gelo artico al caldo desertico, passando per l'umidità delle foreste equatoriali, al fine di testarne gli effetti sui veicoli in fase di sviluppo.

Alla semplice pressione di un tasto, il centro sperimentale, il più avanzato del suo genere, è in grado di ricreare le condizioni meteo più diverse, tra cui nevicate intense, sole abbagliante, piogge torrenziali e raffiche di vento fino a 250 km/h.

Ford ETC 3

"I diversi test consentiranno al team di sviluppo di creare veicoli in grado di affrontare ogni tipo di situazione climatica", ha affermato Joe Bakaj, Vice President, Product Development, Ford of Europe. "Muoversi all'interno di questo edificio è come fare un viaggio da una parte all'altra del mondo, e i nostri ingegneri lo faranno giorno e notte, per continuare a sviluppare i futuri veicoli best-in-class".

Da un punto di vista tecnologico, l'Environmental Test Centre è dotato della prima galleria del vento costruita per l'industria automobilistica in grado di simulare 5.200 metri, la stessa altitudine del North Base Camp di Mount Everest. L'impianto può abbassare le temperature fino a 40° gradi sotto lo zero o aumentarle fino a 55°, oltre a poter generare il 95% di umidità. Queste temperature così estreme rendono la struttura il luogo più caldo, freddo e umido d'Europa e la punta più alta dell'Europa occidentale.

Ford ETC 2

Ford Weather Factory, ora completamente operativo, permette agli ingegneri Ford di lavorare contemporaneamente su un insieme di diversi veicoli, fino a 10, testandone il comfort, la sicurezza e le funzionalità di vari sistemi, dall'impianto elettrico a quello frenante, dalla climatizzazione alle capacita di traino. "Possiamo vedere come funzionano i tergicristalli alle temperature artiche, come cambiano le prestazioni del motore in condizioni estreme e persino quantificare quanta neve potrà cadere sulla testa del guidatore quando aprirà la portiera. È il sogno di ogni ingegnere", ha dichiarato Michael Steup, Project Manager, Environmental Test Center, Ford Europa.

Nel complesso, la struttura richiede l'impiego di 11 megawatt di elettricità, sufficienti per alimentare una piccola città di 2.400 abitanti, provenienti da una fonte completamente rinnovabile ed ecocompatibile.