Ibride e Elettriche

Milano, nuovi incentivi per auto e moto a basse emissioni

Il Comune di Milano ha rilanciato il bonus dedicato all’acquisto di auto e moto a basso impatto ambientale; l’amministrazione ha comunicato che nei prossimi giorni sarà pubblicato il bando all’interno del sito ufficiale del Comune con tutti i dettagli per accedervi. Il fondo a disposizione per gli incentivi è di 3 milioni di euro e il bando è limitato ai soli cittadini maggiorenni residenti a Milano.

Considerata la cifra contenuta è verosimile che il fondo vada ad esaurirsi in davvero poco tempo. Qualora non si dovessero consumare in pochi giorni, resteranno a disposizione sino al 31 dicembre 2021 e ovviamente cumulabili con quelli nazionali previsti dal Governo. L’obiettivo del primo cittadino è quello di rinnovare il parco circolante, sia a livello di auto sia di moto. I nuovi incentivi seguono quelli offerti nel 2020 che hanno permesso la rottamazione di 794 veicoli e l’immatricolazione di quasi 1.800 nuovi veicoli a basso impatto ambientale (689 auto ibride, elettriche, bifuel, 230 scooter elettrici, 842 bici e 30 cargobici elettriche).

Allo stato attuale non ci sono molti dettagli in merito ma riguarderà vetture ibride (di qualsiasi natura, anche diesel), elettriche, a idrogeno o bifuel (metano e GPL).

Per accedere ai contributi per l’acquisto di autoveicoli ibridi (elettrico/benzina ed elettrico/diesel), elettrici, idrogeno, bifuel, i privati dovranno provvedere alla radiazione per demolizione di un veicolo per il trasporto persone alimentato a benzina fino ad Euro 3 incluso oppure diesel fino ad Euro 6 incluso. Il contributo è ridotto del 20% per chi non rottamerà e sceglierà invece di provvedere alla contestuale radiazione per esportazione all’estero di un veicolo per il trasporto persone diesel Euro 5 e 6.

Per le due ruote elettriche, invece, è previsto un contributo pari al 60% del prezzo d’acquisto fino ad un massimo di 3.000 euro.

Incentivato anche l’acquisto di un motoveicolo o ciclomotore nuovo ad alimentazione elettrica con un contributo pari al 60% del costo totale e fino al massimo di 3mila euro purché vi sia la contestuale demolizione di un veicolo trasporto persone alimentato a benzina fino a Euro 3 o diesel fino a Euro 6 oppure se lo stesso veicolo viene destinato all’esportazione (solo diesel Euro 5 e 6), oppure la radiazione di un motoveicolo o ciclomotore con alimentazione a due tempi fino a Euro 3 incluso, benzina a quattro tempi fino a Euro 2 incluso. Contributo anche senza obbligo di radiazione di un vecchio veicolo, ma pari al 40% del costo totale e fino a un massimo di 1,8 mila euro per l’acquisto di un motoveicolo o ciclomotore nuovo.