Tom's Hardware Italia
Cultura Pop

Al Salone Internazionale del Libro di Torino si legge e si gioca!

Anche giochi da tavolo e libri game al Salone Internazionale del Libro di Torino. Numerose le proposte e gli editori presenti

Dal 9 al 13 maggio ’19 il capoluogo piemontese è protagonista della 32° edizione del Salone Internazionale del Libro, con la consueta e nota pluralità di pensiero, opere e realtà editoriali che rendono questa occasione un appuntamento imperdibile e una festa per tutti gli amanti della lettura, ma non solo. Infatti, quest’anno si distinguerà rispetto al passato per le novità introdotte, come l’ampio spazio dedicato a giochi e fumetti.

L’evento gestito da Associazione Torino, la Città del Libro, e dalla Fondazione Circolo dei lettori che cura il coordinamento e l’attuazione del programma, hanno apportato una sensibile trasformazione di tutti gli spazi, in particolar modo nel padiglione 1 e nell’area Oval Lingotto, quest’ultima non più destinata alle arene, ma anche agli espositori, con la presenza di Mondadori, Sergio Bonelli Editore e Neri Pozza giusto per citarne alcuni. Ma è nell’area del padiglione 1 che vogliamo soffermarci.

Foto generiche

Si tratta di un’area molto importante, storicamente dedicata all’ospite d’onore –  quest’anno è l’emirato Sharjah, nominata dall’UNESCO Capitale Mondiale del libro 2019 – ma che a partire da questa edizione della kermesse offre ampio spazio al Lucca Comics and Games 2019 e agli editori di fumetti, libro game e giochi da tavolo con area da gioco annessa. Quello dei libri e dei giochi da tavolo si è rivelato un connubio assolutamente perfetto. Avete qualche dubbio?

I grandi classici della letteratura sono fatti per giocare

Ebbene, lo dissipiamo subito. Per capire che i due mondi coesistono molto bene, basta avvicinarsi allo stand di Asmodee, la casa editrice francese che anche qui in Italia localizza, pubblica e distribuisce giochi da tavolo e giochi di ruolo. Infatti, la nostra curiosità si è concentrata su Il Giro del Mondo in 80 Giorni (Ed. Asmodee Italia, 2017), ispirato al romanzo di Jules Verne del 1873 e amatissimo da tutti gli appassionati d’avventura. Anche in questa versione del gioco proposta da Asmodee, avremo come protagonisti Phileas Fogg ed il suo cameriere francese Passepartout, che tentano di circumnavigare il mondo in 80 giorni, per vincere una scommessa di 20.000 sterline stipulata con i compagni del Reform Club, ma stavolta avremo in più la libertà narrativa che prevede anche il dover dimostrare l’innocenza agli occhi del mondo di un furto di 50.000 sterline dalla banca di Inghilterra. Il gioco, riccamente illustrato, prevede soli 5 minuti di preparazione e altrettanta frenesia nello svolgimento, dove l’astuzia è una dote fondamentale per vincere.

Foto generiche

Restiamo in Inghilterra con Oliver Twist, il secondo romanzo pubblicato da Charles Dickens nonché una delle sue opere più celebri, anch’esso protagonista di una rivisitazione nel gioco da tavolo (Ed. Asmodee Italia, 2019). Fedele alla sua controparte letteraria, anche in questa versione da gioco fate parte di una banda di monelli di strada, che eseguono le ruberie impartite da quel delinquente di Fagin. Il gioco è diviso in due round, Giorno e Notte, e la vittoria spetterà al giocatore che avrà accumulato più ricchezze (chiaramente rubate) senza farsi beccare dalla polizia.

Oltre all’ammirazione di questi due titoli ispirati ai grandi classici della letteratura, non potevamo restare indifferenti a Mysterium, gioco collaborativo asimmetrico, dove un giocatore riveste il ruolo del fantasma e gli altri quello dei medium in un misterioso maniero abbandonato; e alla presenza di Il Trono di Spade – Il gioco del Trono, basato sull’avvincente serie televisiva della HBO e strutturato sul funzionamento del leggendario gioco da tavolo Cosmic Encounter, entrambi ancora pubblicati da Asmodee Italia.

Foto generiche

Il Sommo Antico non è passato inosservato e il mito creato da Howard Phillips Lovecraft spicca nello stand di Raven Distribution insieme a Lupo Solitario di Joe Dever. Vi segnaliamo in particolar modo i Miti di Cthulhu nell’edizione da gioco per Dungeons & Dragons di Sandy Petersen e Oltre il Cancello dell’Incubo dell’epopea di Lone Wolf del compianto Joe Dever nel ciclo dedicato di Oberon di Ian Page presente con i 4 volumi della serie.

Passando per lo stand di MS Edizioni siamo rimasti affascinati dal formato di Sherlock. Un gioco chiaramente ispirato al ciclo di avventure di Arthur Conan Doyle, che con un compatto mazzo di carte vivrete un autentico giallo, risolvendo il caso come il grande detective inglese, seguendo semplici regole, analizzando gli indizi e mettendo in campo le vostre capacità deduttive. Potete acquistarle al Salone del Libro in questi giorni, mentre sul sito ufficiale è possibile anche eseguire una partita dimostrativa.  Restando sempre su MS Edizioni e in tema letterario, se avete sempre sognato di diventare uno scrittore di successo, il gioco Paperback potrebbe stuzzicare la vostra curiosità e le vostre capacità di scegliere le giuste parole per un best-seller. Da due a cinque giocatori, le “parole” incontrano il “deck-building” in un gioco di carte incredibilmente innovativo.

Chiudiamo con Escape Tales – Il Risveglio, un gioco che ci ha catturato per la sua natura drammatica. In un gioco di carte cooperativo in stile Escape Room senza limitazioni di tempo per terminare l’avventura, Impersoniamo Samuel, vivremo il dramma della morte della moglie Jennifer, e quello di dover salvare la vita a sua figlia Lizzy.

L’ampia area dedicata ai match dei giochi da tavolo, ancora nel Padiglione 1, oltre all’affluenza dei giocatori, dimostra come questa forma di intrattenimento sia naturalmente camaleontica, riuscendo a coniugarsi con la realtà letteraria e con gli eventi di spessore come quello del Salone internazionale del Libro di Torino. Se passate da qui non esitate a visitarlo!