Cinema e Serie TV

Divano e TV: film per bambini e per tutta la famiglia!

Che si debba intrattenere un pargolo o che si voglia passare del tempo di qualità con la propria famiglia, il cinema offre diverse alternative utili a soddisfare grandi e piccini di ogni età. Oggi ci concentreremo nello specifico sui lungometraggi di animazione, offrendovi una lista di raccomandazioni provenienti da tutto il mondo. Film per bambini e non solo da guardare in compagnia comodamente sul divano di casa!

Minions

Consigliato: ogni età

I Minions sono esplosi quasi dal nulla, divenendo un fenomeno dalla portata mondiale. Personaggi di supporto della serie Cattivissimo Me, hanno valicato i confini della trilogia originale e si sono accaparrati un loro personalissimo spin-off. In Minions viene esplorato il passato dei titolari esseri gialli, ovvero si ripercorre la loro lunga ricerca per trovare un supercattivo che possa prenderli sotto la propria ala. Il ruolo ricade infine su Scarlett Sterminator, la criminale più popolare del momento, la quale deve presto confrontarsi con la loro leggendaria inettitudine. Non vogliamo indorare la pillola: la sovraesposizione mediatica dei minions può averli resi insopportabili a molti e l’episodio è certamente il meno riuscito dell’intera serie, ma la semplicità e il dinamismo della pellicola rendono l’esperienza cinematografica estremamente accessibile, raggiungendo i bambini meno consapevoli e svagando gli adulti più stressati.

La spada nella roccia

Consigliato: 5+ anni

Poco apprezzato dalla critica, ancora oggi La spada nella roccia preserva su RottenTomatoes un tiepido 63%, un giudizio tutto sommato molto castigato se si considera che stiamo parlando di un classico Disney. Va in effetti riconosciuto che, nell’ottica di una ricostruzione della leggenda arturiana, il film sia tutt’altro che fedele, eppure offre una dimensione intima di squisita fattura, garantendo la presenza di personaggi memorabili e colorati. La spada nella roccia non si fregia di una trama accattivante o di una storia sconvolgente, ma è pregno di attimi deliziosi ed estremamente leggeri che si calcificano nella memoria e accompagnano negli anni a venire. Dalle filastrocche sottomarine ai folli combattimenti magici, il lungometraggio offre un intrattenimento brioso che difficilmente sarà replicato dal remake live action a cui sta correntemente lavorando Juan Carlos Fresnadillo, regista spagnolo noto per l’horror 28 settimane dopo.

Ponyo sulla scogliera

Consigliato: 5+ anni

Uno stregone e le sue figlie magiche, divinità ancestrali e disastri naturali, una storia di sincero amore e l’attenzione per la preservazione degli equilibri: Ponyo sulla scogliera mostra tutti gli archetipi tipici delle fiabe, sondando a fondo quelle tematiche essenziali che si riscontrano nelle leggende di tutto il mondo. Una profondità emotiva che è coronata da eleganti poetiche e delle fluenti animazioni dello Studio Ghibli guidato dal regista Hayao Miyazaki. Tra le pellicole del suo repertorio, Ponyo sulla scogliera è quella più delicata e dolce, nonché la più godibile da un pubblico infantile che non è ancora in grado di cogliere tutte le sfumature di lungometraggi potenzialmente impegnativi quali La città incantata.

La famosa invasione degli orsi in Sicilia

Consigliato: 6+ anni

Forse il miglior film d’animazione italiano di sempre, La famosa invasione degli orsi in Sicilia è ispirato all’omonimo racconto di Dino Buzzati ed è un’eccellenza tragicamente passata in sordina. Partendo dal rapimento di un cucciolo di orso, la trama si dipana in direzioni inattese, analizzando le tragedie della guerra, esplorando territori fantastici e soppesando valori e insidie della società contemporanea. È una fiaba moderna arricchita da uno stile grafico unico che richiama apertamente le illustrazioni dell’opera originale. Si presenta come un atipico libro animato, un racconto complesso, ma accessibile, che è ben lontano dai canoni hollywoodiani e che proprio per questo si staglia per originalità e carattere.

Alla ricerca della valle incantata

Consigliato: 6+ anni

La filmografia dell’animatore Don Bluth meriterebbe una lista a sé. Anastasia, Fievel sbarca in America, Brisby e il segreto di NIMH: buona parte dei lungometraggi che ha toccato hanno saputo stupire e ammaliare i fanciulli e, soprattutto, gli adulti. Difficile dire quale sia la sua opera migliore, ma Alla ricerca della valle incantata è certamente uno dei suoi prodotti più accessibili e incisivi, forte di una ricca produzione sponsorizzata da Steven Spielberg e George Lucas. Narra la storia di un gruppo di giovani dinosauri alle prese con l’incontro col diverso e con la scoperta della propria identità, una vicenda di amicizia, lutto, avventura ed emozione. Pur offrendo un’esperienza narrativa affine ad altri prodotti concorrenti, Alla ricerca della valle incantata è reso forte dalla schiettezza con cui si approccia al proprio pubblico, ovvero non considera i bambini come consumatori decerebrati, ma offre loro un confronto articolato e coinvolgente.

Dragon Trainer (la trilogia)

Consigliato: 7+ anni

Punta di diamante della produzione DreamWorks, Dragon Trainer conta tre film, un paio di cortometraggi e una serie animata. Pur non avendo raggiunto la popolarità di Shrek o di Madagascar, la trilogia di Dragon Trainer ha saputo proporre al grande pubblico un copione solido e un immaginario epico, offrendo vicende di vichinghi e di draghi che non scivolano mai nella banalità. Il suo successo è in gran parte dovuto alle deliziose animazioni e a personaggi ben strutturati, ma anche alla serietà con cui affronta problematiche di un certo spessore. Ogni film introduce nuovi elementi e nuovi temi, accompagnando gli spettatori in un percorso di crescita che si chiude con un epilogo commovente ed appagante.

Spiderman – Un nuovo universo

Consigliato: 9+ anni

Con più di dieci premiazioni come miglior film d’animazione, Spiderman – Un nuovo universo è stata la rilevazione del 2019, riscattando la Sony Picture Animation dalla parabola qualitativamente discendente della sua filmografia. Con scelte d’animazione tecnicamente audaci, una trama adrenalinica e un solido materiale d’ispirazione, il film si inserisce come validissima alternativa ai film supereroistici, elevandosi al di sopra di molti degli omologhi live action. Straordinariamente chiaro nonostante la difficoltà del suo copione, Spiderman – Un nuovo universo entusiasma adulti e bambini all’unisono, mantenendo un ritmo incalzante e costante che carpisce ogni briciolo di attenzione, ricambiando con un puro appagamento sensoriale.

Coraline e la porta magica

Consigliato: 9+ anni

Pur essendo il regista di Nightmare Before Christmas, il nome di Henry Selick è stato per anni adombrato da quello di Tim Burton. Coraline e la porta magica, in un certo senso, può considerarsi come una sua rivincita, un’emancipazione artistica resa incisiva dall’audace copione vergato da Neil Gaiman, campione della letteratura contemporanea britannica. Il film ripercorre i binari tracciati da capolavori storici quali Pinocchio e Alice nel paese delle meraviglie, narrando con la tecnica dello stop-motion le vicende di una bambina alle prese con il passaggio d’età, la rinuncia delle insidie di un eccessivo infantilismo e il coraggio di affrontare il male facendosi carico delle proprie azioni.

Rango

Consigliato: 9+ anni

Rango è agli antipodi di Coraline e la porta magica: ove uno è tetro e inquietante, l’altro è coloratissimo e sgargiante. L’essenza di Rango è sintetizzabile con le azzeccatissime parole del giornalista Frank Lovece: «un equivalente per bambini di un film di Quentin Tarantino». Si tratta infatti di un western moderno dalle mille citazioni pop, di una pellicola d’azione che riesce a svestirsi completamente delle componenti violente pur preservando lo slancio tipico del genere. Si tratta di un’opera narrativamente graziosa e tecnicamente atipica, pronta a giocare fino in fondo con i suoi folli presupposti e a sfruttare con abilità i trucchi prospettici resi possibili dalle minute dimensioni dei suoi protagonisti.

Appuntamento a Belleville

Consigliato: 12+ anni

Film franco-belga-canadese, Appuntamento a Belleville è un ottimo giro di boa per traghettare i giovani cinefili dall’animazione per l’infanzia a quella mirata ad un pubblico più maturo. Il film si muove in equilibrio tra atteggiamenti adulti e dinamiche fantastiche, raccontando di ciclismo, rapimenti e sfruttamento con un tono tanto elegante da stravolgerne la brutalità senza tuttavia banalizzarla. Il suo tono e il suo ritmo sono tipicamente francesi, quindi non alla portata di tutti, ma la sua durata contenuta fa sì che la relativa lentezza non sia di peso neppure al pubblico meno navigato.