Cinema e Serie TV

Vicky il vichingo: la spada magica, la recensione del DVD


Vicky il vichingo: la spada magica
Genere
Animazione
Durata
1 ora e 14 minuti
Formato
DVD
Anno
2021

La genesi di Vicky il vichingo è molto più longeva di quanto si possa immaginare. La prima apparizione del personaggio risale infatti al 1974 grazie a un anime a sua volta ispirato da una serie di libri per bambini degli anni sessanta dello scrittore svedese Runer Jonsson. Nel 2009 e 2011 sono stati inoltre prodotti due lungometraggi live action ispirati al personaggio, Vicky il vichingo e Vicky e il tesoro degli dei mentre negli anni più recenti il franchise ha trovato nuova linfa grazie all’animazione digitale. Infatti, nel 2013 è stata prodotta una seconda serie animata, che altro non è che il remake dell’anime, realizzata in computer grafica 3D. Proprio sulle orme di questo filone, si inserisce il lungometraggio animato più recente: Vicky il Vichingo: la spada magica, distribuito in home video da aprile grazie al lavoro di Koch Media.

Foto generiche

Una lite familiare tra uomini e dei

La storia racconta le gesta del simpaticissimo Vicky, un giovane vichingo un po’ bizzarro. A dispetto delle aspettative del suo villaggio (e di suo padre in primis), egli non è infatti un guerriero brutale e forzuto, ma uno smilzo ragazzino dotato però di un’intelligenza sopraffina. Tuttavia, questo non basterà per metterlo in mostra agli occhi del suo papà che sembra preferire le gesta eroiche e barbare proprie della sua tribù. Un giorno però, dopo essere riuscito a rubare una spada magica capace di tramutare tutto in oro, il papà di Vic trasforma accidentalmente sua moglie in una statua dalla caratura pregiatissima.

Foto generiche

Per rimediare al guaio, una delegazione di vichinghi dovrà affrontare un lungo viaggio sino alle porte della leggendaria Asgard. Il percorso sarà ricco di insidie e come se non bastasse i nostri eroi dovranno vedersela anche con una ciurma di pirati rivali. Sarà proprio in queste occasioni che Vicky potrà dimostrare a tutti il suo valore creativo e non violento, conducendo la spedizione sino alla meta. Qui li attenderà un ulteriore sorpresa: la faida tra i due fratelli Thor e Loki sembra infatti non essere cessata e il dio Odino è in difficoltà ad arginare i suoi ragazzi.

Questo parallelismo tra uomini e dei, o meglio, tra i problemi generazionali presenti tanto nella famiglia di Odino quanto in quella del piccolo Vicky, è uno degli aspetti più interessanti del film. Attenzione, Vicky il Vichingo: la spada magica è primariamente un film rivolto a un pubblico di bambini. Il suo scopo è divertire e intrattenere con una storia di magica avventura capace di attirare l’attenzione dei più piccoli sino alla fine. Non c’è quindi (giustamente) molto altro spazio per tematiche più corpose o riflessioni più mature. Tuttavia resta innegabile che l’accostamento tra divinità e vichinghi sia presente e riuscito, un ottimo spunto per provare a proporre qualche spazio di riflessione anche in un prodotto di stampo più semplice e genuino.

Una spiccata e coinvolgente componente (video)ludica

La struttura narrativa di Vicky il Vichingo: la spada magica si presta notevolmente al mercato ludico. Da una parte infatti la storia sembra essere strutturata per livelli, quasi come se si trattasse di un videogioco in cui, prova dopo prova, ci si avvicina sempre più all’obiettivo. Dall’altra invece i vari ambienti e i personaggi incontrati lasciano il segno e costituiscono una galleria di icone indimenticabili che ben si prestano per una sorta di collezione. Il villaggio di Vicky, le porte di Asgard, l’isola dei pirati, le gigantesche onde marine…sono tutti elementi che connotano perfettamente il film rendendolo vivace, colorato e ricco di avventura.

Foto generiche

Il divertimento è quindi garantito e Vicky il Vichingo: la spada magica si presta a essere uno di quei film in grado di stimolare la fantasia e il lato più creativo dei più piccoli, grazie anche a un protagonista efficace in questo senso. Il giovanissimo vichingo infatti si rende riconoscibile grazie a brillanti intuizioni e a un carattere risoluto che gli permette di non farsi scoraggiare da alcun ostacolo e usare la fantasia e l’ingegno laddove i muscoli non bastano.

Foto generiche

Anche lo stile e i lineamenti utilizzati propendono verso una forma estetica accomodante e a portata di tutti. Il film si avvale infatti di tratti secchi e semplici da riprodurre, decorati con colori vivaci e brillanti che ipnotizzano lo sguardo del pubblico più infantile in maniera semplice, senza barocche intuizioni visive. Eppure lo spettacolo non manca, soprattutto nelle sequenze più concitate dove la regia si fa trovare decisamente pronta e abile nel saper restituire per immagini una tensione narrativa all’altezza del racconto (imperdibile e mozzafiato, su tutte, la scena delle minacciose onde marine).

Un’edizione DVD Home Video un po’ deludente

Sicuramente consigliamo alle famiglie di recuperare Vicky il Vichingo: la spada magica perché si tratta di un ottimo film per bambini, intelligente e divertente al punto giusto. Peccato però che l’edizione home video messa in commercio non sia proprio tra le più appetibili. Il menù è semplice e immediato e la resa qualitativa rispecchia assolutamente gli standard previsti. Tuttavia, i contenuti extra sono praticamente assenti, eccezion fatta per il trailer del film di cui, onestamente, non se ne sentiva il bisogno.

Ci rendiamo conto che, soprattutto per i prodotti pensati per i più piccoli, i vari documentari incentrati sul dietro le quinte o altri tecnicismi più specifici possano risultare superflui. Eppure Vicky il Vichingo: la spada magica è un film che, a suo modo, tematizza la creatività, quindi sarebbe stato bello poter avere l’occasione di implementare simili spunti con contenuti pensati appositamente per approfondire in famiglia questi aspetti.

Vicky il vichingo: la spada magica


Vicky il vichingo: la spada magica è un ottimo prodotto per famiglie, in grado di stimolare la creatività dei più piccoli e intrattenerli in maniera vivace e intelligente. Peccato che l'edizione home video non contenga altro che il film, ma se siete alla ricerca di un titolo giusto per pomeriggi cinefili con i vostri piccoli spettatori, non rimarrete delusi.

Pro

  • Storia appassionante e divertente
  • Apparato estetico semplice ma efficace

Contro

  • Assenza di contenuti extra