Software

Cos’è Valve Proton e perché è fondamentale per Steam Deck

Pochi giorni fa Valve ha lanciato la console portatile Steam Deck, un dispositivo simile a Nintendo Switch, ma studiato e ottimizzato per far girare i giochi di Steam. Guardando la scheda tecnica, la console portatile da 419 euro appena rivelata sembra avere specifiche hardware di tutto rispetto: è dotata di un display touchscreen dal 7”, un chip AMD custom basato su Zen 2, 16GB di RAM LPDDR5, una GPU RDNA 2 e molte altre caratteristiche interessanti.

Ma il successo di Steam Deck, oltre all’hardware, sarà appeso al suo software: la tecnologia Proton di Valve, che consente l’esecuzione dei giochi Windows su Linux. Ad oggi Proton funziona bene, ma non è ancora perfetto e il successo di Steam Deck potrebbe dipendere da quanto Valve riuscirà a perfezionarlo prima del lancio della console, previsto per dicembre.

Photo Credits: Valve

Cos’è Proton di Valve?

Steam Deck avrà una libreria più ampia rispetto alla maggior parte delle console portatili perché sarà possibile attingere ai giochi per PC esistenti nel proprio account Steam, invece di dover attendere nuove versioni dei titoli realizzate appositamente per il dispositivo. Ma la maggior parte di questi giochi sono dedicati al sistema operativo Windows, mentre Steam Deck è dotato di SteamOS 3.0, basato su Linux, quindi come far girare i giochi? La soluzione è appunto Proton, un layer di compatibilità che permette di eseguire i giochi Windows su Linux.

In passato, giocare ai giochi per PC su Linux richiedeva di utilizzare un software chiamato Wine (un acronimo per “Wine is not an emulator”, Wine non è un emulatore). Valve ha lavorato insieme agli sviluppatori di CodeWeavers per creare Proton, un fork di Wine (ovvero una versione modificata e ottimizzata), inserendo la tecnologia direttamente in Steam stesso come parte di Steam Play, l’iniziativa dell’azienda “compra una volta, gioca su qualsiasi piattaforma PC”.

Steam per Linux, attualmente, attiva Proton solamente per i giochi supportati. Ci si aspetta però che Valve renda Proton abilitato di default per tutti i titoli su Steam Deck, così da rendere l’esperienza d’uso il più semplice possibile per l’utente finale. Chiunque utilizzi Linux, in ogni caso, può attivare Proton per tutti i giochi del catalogo andando nelle impostazioni di Steam, selezionando l’opzione “Steam Play” e quindi spuntando la voce “abilita Steam Play su tutti gli altri titoli”. Qui sarà possibile attivare la tecnologia per i titoli supportati, oppure per tutti i giochi della libreria.

Quali giochi gireranno su Steam Deck grazie a Proton?

Va precisato che, così come Wine, anche Proton è una tecnologia in continuo aggiornamento. Attualmente su GitHub si trova la versione 6.3-5 rilasciata circa un mese fa, e ogni nuova versione porta migliorie nelle prestazioni e la possibilità di giocare a nuovi titoli senza particolari problemi, con al massimo piccoli bug che non invalidano l’esperienza generale.

Per scoprire se i giochi presenti nella vostra libreria di Steam gireranno su Steam Deck grazie a Proton, potete sfruttare ProtonDB, uno strumento creato dalla comunità che attualmente tiene traccia di quasi 19.000 giochi, di cui oltre 15.000 funzionanti su Linux. Se i vostri giochi preferiti non risultano compatibili, non disperate: stando alle dichiarazioni di Valve, al lancio di Steam Deck tutti i giochi del catalogo Steam saranno compatibili, quindi dovrete solo pazientare e aspettare dicembre.

ProtonDB è utilizzabile cercando manualmente i titoli di cui volete conoscere la compatibilità, oppure collegandolo direttamente al proprio account Steam, operazione che consente di scoprire in pochi minuti se la vostra intera libreria è supportata. O, eventualmente, quali giochi non potranno girare su Steam Deck.

I giochi vengono valutati e possono essere classificati come: rotto” (non funzionante), bronzo, argento, oro, platino. Quelli rotti, come è facile intuire, non girano affatto su Linux; quelli bronzo riescono ad avviarsi ma hanno parecchie problematiche; quelli argento sono titoli che funzionano con qualche problematica, ma sono giocabili; quelli oro e platino infine sono i giochi che funzionano perfettamente, rispettivamente con qualche modifica o senza alcuna modifica. C’è poi la classificazione “nativo”, contraddistinta dal colore verde, che va a indicare quei giochi che non utilizzano Proton per girare, poiché il titolo è nativamente compatibile con Linux.

Il problema dei software anti-cheat

Sfortunatamente, come vi abbiamo anticipato, titoli famosi e importanti come Apex Legends, Destiny 2, PUBG e Rainbow Six sono “rotti” e quindi non compatibili con Steam Deck. La motivazione è che le modifiche a livello di compatibilità di Proton vanno in conflitto con il software anti-cheat distribuito in questi titoli ampiamente giocati. In una FAQ di Steam Deck, Valve afferma “stiamo lavorando con BattlEye ed EAC per ottenere il supporto per Proton prima del lancio”, così che anche questi titoli possano essere giocati sulla nuova portatile di Valve.

Quello della compatibilità è un punto fondamentale: l’hardware non conta se i giocatori non possono giocare ai loro titoli preferiti su Steam Deck. Valve sa che tutto dipende da Proton e da quanto aumenterà il numero di giochi compatibili da qui a dicembre, mese in cui è previsto il lancio della console. La nostra speranza è ovviamente che tutti i giochi del catalogo Steam siano funzionanti, compresi quelli momentaneamente non compatibili a causa del software anti-cheat, così che Steam Deck possa davvero affermarsi e avere successo.