Android

Oppo Reno 3A è ufficiale: Snapdragon 665 e quadrupla fotocamera

Oppo ha annunciato solo poche settimane fa, i nuovi device della famiglia Reno 4 e nella giornata odierna ha deciso di fare un passo indietro ed aggiungere un nuovo smartphone alla serie 3. E’ infatti stato ufficialmente presentato  l’Oppo Reno 3A,  con la commercializzazione avviata in Giappone e  che prossimamente potrebbe essere estesa anche in altri paesi.

Il nuovo smartphone propone un aspetto molto simile a quello visto sul Reno 3 5G grazie all’implementazione di quattro fotocamere poste sul retro ed un notch a goccia racchiuso nella parte frontale del display.

Le differenze più importanti le troviamo sotto la scocca, con la presenza di un hardware depotenziato rispetto al modello standard. Troviamo infatti un processore Snapdragon 665, abbinato a 6 GB di RAM. Lo schermo è di tipo AMOLED e dispone di una diagonale pari a 6,44 pollici, la stessa vista sul Reno 3 e sul Find X2 Lite, cambiano le cornici che diventano leggermente più spesse.

La configurazione con quattro fotocamere sul retro include una camera principale da 48 MP f / 1.7 accompagnata da un sensore ultra-wide da 8 MP f / 2.2, un sensore di profondità da 2 MP f / 2.4 e un’unità macro sempre da 2 MP f / 2.4. La fotocamera frontale invece dispone di un sensore da 16 MP f / 2.0.

Dal punto di vista software arriva in commercio con a bordo la ColorOS 7.1. La batteria non dovrebbe essere affatto male considerato che a bordo troviamo un’unità da 4.025 mAh ma manca la ricarica rapida nonostante la presenza di una porta USB-C. Altre opzioni di connettività includono il Wi-Fi 802.11 a / b / g / n / ac sia a 2,4 GHz che a 5 GHz, l’NFC per i pagamenti in mobilità ed il Bluetooth in versione 5.0.

L’Oppo Reno 3A è disponibile all’acquisto in due colorazioni: bianco e nero ed al cambio viene proposto al prezzo di circa 330 euro.

Se siete alla ricerca di un nuovo smartphone dalle ottime prestazioni ad un prezzo molto interessante, potete acquistare l’Oppo Reno 2 su Amazon a soli 369 euro, cliccando qui.