Android

Xiaomi Mi 10T Pro 5G recensione: quando il prezzo cambia tutto


Xiaomi Mi 10T Pro 5G
RAM
8 GB
Archiviazione
128/256 GB
Schermo
6,67 pollici - Full-HD+
Fotocamera posteriore
108 MP + 13 MP + 5 MP
Batteria
5.000 mAh

Non è stato facile capire come affrontare la recensione di Xiaomi Mi 10T Pro 5G. Il motivo? Ci troviamo davanti a un dispositivo assolutamente valido sotto molti punti di vista, ma di cui probabilmente non avevamo davvero bisogno. Risulta infatti difficile inquadrare il nuovo arrivato nella proposta commerciale del produttore cinese. Siamo abituati a vedere nuovi smartphone Xiaomi con caratteristiche simili e spesso sovrapponibili a modelli già in commercio. Questo è uno dei motivi che ci ha spinto a creare una guida dedicata, per aiutare gli utenti a districarsi tra i molti modelli disponibili. Nonostante ciò il produttore non è mai stato criticabile, grazie a prezzi sempre molto concorrenziali, e inferiori ai diretti concorrenti.

Questa volta la situazione è un po’ diversa. Mi 10T Pro 5G arriva in Italia a partire da 599 euro nella versione 8/128 Gigabyte fino ad arrivare a 649 euro per la configurazione che prevede 256 Gigabyte di memoria interna. In quanto successori della fortunata serie Mi 9T, in molti ci aspettavamo un posizionamento più aggressivo. Intendiamoci, sono comunque cifre adeguate a quanto offerto ma che – oltre a metterlo in diretta concorrenza con tanti altri dispositivi (OnePlus 8, Realme X50 Pro solo per citarne alcuni) – potrebbero anche renderlo meno attraente se confrontato con il fratello maggiore Mi 10. Quest’ultimo ormai è reperibile online a cifre simili (a volte anche inferiori) e mette a disposizione quel qualcosa in più, che manca al nuovo arrivato.

Design ed ergonomia: addio leggerezza

Mi 10T Pro 5G non spicca per originalità. La scocca è realizzata in vetro ed è disponibile nelle colorazioni Cosmic Black, Lunar Silver, Aurora Blue. La prima è quella in nostro possesso ed è certamente la meno accattivante delle tre. Il pannello purtroppo trattiene troppo le impronte digitali. Bocciato dunque il trattamento oleofobico. Il vetro posteriore ospita anche il comparto fotografico, la cui sporgenza è davvero molto evidente. Non passa di certo inosservato.

Il pannello si curva leggermente sui lati prima di incontrare il il telaio laterale in alluminio, dove sulla destra Xiaomi ha posto il bilanciere del volume e il sensore biometrico per il riconoscimento delle impronte digitali all’interno del pulsante di accensione. Personalmente trovo questa soluzione molto più comoda rispetto a quella che vede il sensore integrato sotto allo schermo, ma è appunto un giudizio personale. In ogni caso il funzionamento è perfetto, il riconoscimento dell’impronta avviene sempre rapidamente. È possibile utilizzare anche il riconoscimento del volto per accedere allo smartphone.

Il bordo inferiore ospita l’altoparlante, che assieme alla capsula auricolare offre un suono stereo, di qualità che possiamo definire nella media. Troviamo poi il carrellino per le SIM (non c’è espansione di memoria, ma si possono utilizzare due schede telefoniche contemporaneamente) e la porta USB Type-C per la ricarica.

La prima sensazione non appena si prende in mano Mi 10T Pro è di assoluta solidità e buona qualità costruttiva. Le dimensioni pari a 165.1 x 76.4 x 9.3 mm e il peso di 218 grammi contribuiscono a trasmettere tale sensazione, ma non possiamo dire che è uno smartphone comodo da portare con sé, anzi è ingombrante e pesante. Se siete soliti a trasportarlo in una borsa o utilizzati indumenti con tasche ampie e profonde, probabilmente non avrete problemi, ma non pensate di farlo sparire facilmente in ogni tasca. Inoltre il peso non risulta essere molto ben bilanciato, e diventa difficile impugnarlo e usarlo con una sola mano.

Lo schermo è un pannello IPS LCD da 6,67 pollici con risoluzione Full-HD+, certificato HDR10. Tutti (o quasi) abbiamo storto il naso quando abbiamo visto l’assenza di un pannello AMOLED, presente invece su MI 10. Tutti (o quasi) dobbiamo ricrederci. Il display è di alta qualità e offre un’esperienza visiva appagante, con un ottimo contrasto, colori vivaci e ottima luminosità, da non far sentire molto la mancanza di uno schermo AMOLED.

La luminosità automatica funziona bene e non sono mai stata costretta ad agire per regolarla manualmente. Discreta la visibilità all’aperto che – in giornate molto soleggiate – potrebbe essere un po’ compromessa a causa anche dei riflessi della copertura in vetro. E poi c’è il LED di notifica, che sta ormai scomparendo, ma che è sempre un piacere ritrovare. È piccolo e discreto, in una sola parola, perfetto. Di contro manca il jack audio da 3,5 mm che personalmente preferisco sempre avere a disposizione.

Una delle caratteristiche più pubblicizzate da Xiaomi è la frequenza di aggiornamento a 144Hz, un valore poco sfruttabile al momento dato che non è supportato da tantissime applicazioni o giochi. Ad ogni modo, è innegabile la fluidità del display di Mi 10T Pro. Inoltre, grazie alla tecnologia Adaptive Sync il software adatta automaticamente il refresh rate al contenuto che stiamo visualizzando, ottimizzando così anche il consumo energetico.

Prestazioni ottime, autonomia che soddisfa

Non avevamo alcun dubbio sulle prestazioni di Mi 10T Pro. Sotto la scocca troviamo la stessa piattaforma hardware di Mi 10: Snapdragon 865, 8 Gigabyte di RAM e 128 o 256 Gigabyte di memoria interna non espandibile. Lo smartphone Xiaomi non ha affatto deluso, mostrandosi sempre fluido e reattivo. Mai alcuna incertezza o rallentamento, nemmeno quando messo sotto stress.

È reattivo e fluido in ogni operazione, anche con i videogiochi, dove si vede maggiormente il refresh rate elevato dello schermo. Molto buona anche la dissipazione del calore, difficile percepirlo sul retro, anche dopo un lungo utilizzo. Insomma, non ha assolutamente disatteso le aspettative.

Anche l’autonomia è più che soddisfacente. Durante la nostra prova la batteria da 5.000 mAh (con un utilizzo classico misto lavoro e intrattenimento) ci ha permesso di utilizzarlo per due giorni a fronte di quasi 6 ore di schermo acceso. Ad ogni modo, anche utilizzandolo più intensamente, arriverete a sera con ancora una buona percentuale di carica residua. C’è poi il supporto alla ricarica rapida da 33W, con caricatore incluso in confezione dove troviamo anche una pratica custodia protettiva.

Il merito di questi risultati va anche all’ottimizzazione software effettuata da Xiaomi. Mi 10T Pro 5G arriva con a bordo Android 10 personalizzato con l’interfaccia grafica MUI 12 che continua a perfezionarsi giorno dopo giorno. La nuova interfaccia infatti si presenta molto più pulita rispetto alle precedenti senza mettere da parte le tante funzioni disponibili così come le possibilità di personalizzazione.

Completa la connettività: Bluetooth 5.1, Wi-Fi ax dual-band, GPS A-GLONASS BDS Galileo, NFC, porta a infrarossi, ovviamente 5G. Peccato per l’assenza del jack audio da 3,5 mm già sottolineata in precedenza.

Fotocamera: risultati soddisfacenti, ma migliorabili

Mi 10T Pro 5G integra sul retro tre fotocamere. Xiaomi sceglie ancora una volta di seguire la linea introdotta con Mi Note 10 e adottare il sensore principale da 108 Megapixel, prodotto da Samsung con ottica con apertura f/1.7 e stabilizzazione ottica dell’immagine. Ad accompagnarlo ci sono un grandangolare da 13 Megapixel (f/2.4, 123°) e un ultimo sensore da 5 Megapixel (f/2.4) per le macro. Insomma, una configurazione simile a quella del fratello Mi 10.

Come avrete capito, manca un teleobiettivo, anche se devo ammettere che lo zoom 2X gestito dal sensore principale si comporta molto bene riuscendo a tirare fuori scatti soddisfacenti. In generale le foto scattate di giorno sono di alto livello tanto con il sensore principale che con il grandangolare che riesce a ridurre al minimo il classico effetto distorsione.

I colori sono vivaci, molto naturali. Le foto conservano una buona quantità di dettagli. Lo scatto e l’elaborazione dell’immagine scattata alla massima risoluzione (108 MP) sono davvero rapidi. Peccato che il risultato cali in notturna, dove si registra un’importante perdita di dettaglio e subentra del rumore digitale che tende a rendere meno realistica la foto.

C’è la modalità notturna che riesce a migliorare un po’ la scena, ma non possiamo utilizzarla con il sensore grandangolare le cui prestazioni – in assenza di sufficiente luce – calano in maniera drastica. Nella media, invece, gli scatti macro. Insomma, è innegabile il passo avanti che Xiaomi sta facendo in ambito fotografico ma resta ancora lontano dai risultati ottenuti dai top di gamma Samsung o Huawei. Ad ogni modo, al netto degli aspetti migliorabili, ci sentiamo di promuovere il comparto fotografico.

Nota di merito per le soluzioni software messe a punto dal produttore cinese. Le opzioni per la fotocamera sono davvero tante e vanno incontro alle esigenze di quegli utenti che cercano un modo per creare contenuti diversi direttamente dal loro smartphone. La funzione Clona – per esempio – permette di scattare allo stesso soggetto diverse foto in posizione diverse per poi realizzarne una singola immagine. Oppure, l’opzione Fronte-Retro consente di registrare un video contemporaneamente sia con la fotocamera anteriore che posteriore.

Buoni anche i selfie scattati con la fotocamera anteriore da 20 Megapixel, in grado di realizzare anche una soddisfacente modalità ritratto. È possibile sfruttare la modalità notte anche con il sensore frontale. I video possono essere registrati fino alla risoluzione 8K a 30 fps. La stabilizzazione contribuisce ad ottenere degli ottimi risultati anche se il consiglio è di girare in 4K a 60 fps per video più stabili. Inoltre, se si registra alla massima risoluzione non è possibile passare da un sensore all’altro per allargare o restringere la scena.

Conclusioni: chi dovrebbe acquistarlo?

Questa volta è difficile trovare l’acquirente ideale per questo smartphone. Mi 10T Pro è uno smartphone che non mostra particolari criticità. Buono schermo, ottima autonomia e prestazioni eccellenti. Il prezzo di listino di 599 euro è adeguato a quanto offerto, ma che – come detto in apertura – potrebbe non rendergli onore soprattutto se confrontato con i top di gamma dei rivali, già oggetto di deprezzamento. Stesso fenomeno che sta toccando il fratello Mi 10 che è possibile acquistare a cifre simili ma che mette a disposizione un design più ricercato e un display AMOLED.

Insomma, è uno smartphone valido, ma il rapporto qualità/prezzo questa volta non fa gridare al miracolo. Personalmente mi aspettavo quel qualcosa in più, che non c’è stato. Potrebbe però ancora riscuotere successo se – come spesso accade – nei prossimi mesi subirà il naturale calo di prezzo. Nonostante ciò, non avrà di certo la strada spianata. La grande sfida si giocherà proprio in casa. Mi 10T Pro non solo dovrà vedersela con Mi 10 (che continuerà a essere sempre più conveniente) ma anche con Poco F2 Pro, che sullo stesso sito ufficiale è proposto a 469 euro nella versione 8/256 GB. Quest’ultimo però fa parte di un brand ancora poco conosciuto dalle nostre parti.

Senza dimenticare il fratello minore Mi 10T che – con 2 GB di RAM in meno e una fotocamera da 64 Mp al posto di quello da 108 MP – ha un prezzo di listino di 499,90 euro. Paradossalmente, questo potrebbe essere la scelta più sensata per un potenziale acquirente.

Insomma, Xiaomi Mi 10T Pro è un buon prodotto, ma forse non era così necessario. O almeno, non a questo prezzo di listino.

Xiaomi Mi 10T Pro 5G

Mi 10T Pro 5G è il nuovo smartphone 5G targato Xiaomi. Offre delle prestazioni eccellenti, merito del processore Snapdragon 865 con 8 GB di RAM. Il display IPS LCD da 6,67 pollici è di ottima fattura e assicura una ottima esperienza visiva. Fluidità e velocità sono le parole d’ordine. Tre fotocamere posteriori che fanno bene il loro lavoro. Ottima l’autonomia garantita dalla batteria da 5.000 mAh. In Italia, da 599,90 euro.

 

 

8.5
8.5

Verdetto

Mi 10T Pro è uno smartphone che non mostra particolari criticità. Buon display, ottima autonomia e prestazioni eccellenti. Il prezzo di listino di 599 euro è adeguato a quanto offerto, ma che potrebbe non rendergli onore soprattutto se confrontato con i top di gamma dei rivali, già oggetto di deprezzamento. Stesso fenomeno che sta toccando il fratello Mi 10 che è possibile acquistare a cifre simili ma che mette a disposizione un design più ricercato e un display AMOLED. È uno smartphone valido ma il cui rapporto qualità/prezzo questa volta non fa gridare al miracolo. Potrebbe però ancora riscuotere successo se – come spesso accade - nei prossimi mesi subirà il naturale calo di prezzo. Unica nota davvero negativa sono le dimensioni.

Pro

prestazioni, bel display, ottima autonomia, c’è il LED di notifica

Contro

peso eccessivo, manca il jack audio, pessimo trattamento oleofobico del pannello posteriore, manca certificazione impermeabilità