Giochi PC

GTA: il CEO non è convinto dei modelli a sottoscrizione, ma Google Stadia è nei suoi pensieri

Il mondo dello streaming e dei modelli in abbonamento sono i principali argomenti dei videogiocatori, in quest’ultimo periodo, ma lo stesso si può dire delle grandi aziende. Take-Tow Interactive, compagnia madre di Rockstar Games (GTA, Red Dead Redemption) e 2K Games, sta valutando con attenzione il modo migliore per avvicinarsi a queste realtà. Lo scopriamo grazie alle parole del CEO, Strauss Zelnick, pronunciate durante una recente riunione finanziaria.

È necessario trovare il modo di rendere interessante un modello economico sia per il cliente che per tutti coloro che partecipano nella produzione e distribuzione. Può essere alquanto complicato per quanto riguarda le sottoscrizioni mensili poiché le persone consumano i videogiochi in modo differente rispetto al modo in cui consumano i prodotti di intrattenimento lineari.”

Zelnick ha spiegato che un nucleo famigliare americano medio spende circa 5 ore al giorno, con un totale di 150 al mese, consumando prodotti come le serie TV e i film. Per quanto riguarda i videogame, invece, la media è sulle 1.5 ore al giorno (45 ore la mese). Un modello in sottoscrizione ha senso per le serie TV e i film poiché le persone ne guardano molti e possono passare a qualcosa di nuovo rapidamente: si tratta di un modello “all-you-can-eat” perfetto, per piattaforme come Netflix.

Per i videogame, invece, è diverso: “Nel caso dei videogiochi, è possibile che l’utente medio spenda quelle 45 ore su uno, due o tre giochi, non certo su 70. In tal caso, se consumi al massimo tre titoli e ci giochi per tutto il mese, ed è qualcosa che accade spesso nel mondo dei videogame, allora un modello in sottoscrizione non è poi così interessante per il cliente.”

Zelnick ha specificato che non intende portare sfortuna e che Take-Two desidera sempre essere dove si trova il cliente. “È tutto da vedere, siamo di mente aperta. Vogliamo essere alla portata del cliente. Ritengo però che non sia sicuro che le sottoscrizioni abbiano un successo incredibile per l’intrattenimento interattivo, al pari di quanto hanno fatto con la musica e i film. Vedremo.

Per quanto riguarda, invece, il mondo dello streaming e in particolar modo di Google Stadia, Zelnick ha affermato che la possibilità raggiungere più persone tramite molteplici device è estremamente interessante. Nel caso nel quale Google riesca a proporre esattamente ciò che ha promesso, sopratutto in termini di latenza, Take-Two, con tutte le sue IP come GTA e NBA 2K, sarà interessata a supportare questo nuovo modello: in generale, il CEO si sente ottimista in questo senso.

Diteci, voi cosa ne pensate? Giochereste a titoli come GTA e Red Dead Redemption in streaming su un tablet, pagando un fisso mensile?

Se non potete aspettare una possibile versione in streaming, potete acquistare GTA V già ora in versione fisica, a questo indirizzo.