Altre Console

Nintendo nuovamente vittima dei leak, rivelato il codice sorgente di Wii

Ancora una volta ci ritroviamo a parlare di una spiacevole fuga di informazioni, che vede nuovamente Nintendo come vittima. Questo perché già la scorsa settimana sono state diffuse sul web numerose immagini raffiguranti Pokémon sconosciuti e mai apparsi nel mondo videoludico, nonché alcune bozze di Pokémon più familiari. Stiamo parlando di leak che sono diventati ben presto virali, poiché svelano alcuni dettagli importanti e ancora inesplorati, ricavati da una versione beta di Pokémon Oro e Argento.

Come ci fa notare Atheerios, un utente di ResetEra, questa volta sono stati hackerati i server di BroadOn – società scelta ai tempi da Nintendo per sviluppare il sistema hardware e software di Wii. Purtroppo, sono state diffuse inopportunamente moltissime informazioni e materiali che riguardano la celebre console, compresi l’intero codice sorgente, i file relativi al design e documenti molto importanti legati alla sua progettazione.

Sempre secondo Atheerios, la cosa più preoccupante per Nintendo è che sono stati diffusi i file Verilog. Precisamente, il Verilog è un linguaggio hardware, che viene utilizzato per descriverne i circuiti tramite un codice. Chi lo conosce è quindi ora in grado di apprendere com’è stato realizzato ogni singolo componente della Wii.

Come se non bastasse, la fuga di informazioni non si ferma alla Wii. Oltre al codice sorgente Pokémon e alle chiavi per tutte le console fino al DSi, sono stati estratti anche dei documenti che riguardano il GameCube, insieme a delle ROM utilizzate dal colosso nipponico per testare il Nintendo 64. Il video visibile a metà pagina, infatti, mostra una delle tante demo di quest’ultima console, che è stato caricata e presto diffusa online. Nonostante si parli di console del passato, tutto questo rappresenta una grave perdita di dati che colpisce pesantemente la privacy di Nintendo.

Se amate il brand Nintendo, non perdetevi la Nintendo Switch Lite con le sue brillanti colorazioni, pensata per il gioco in mobilità. Cliccate qui per acquistarla su Amazon.