e-Gov

Album fotografici, sette servizi internet a confronto

Pagina 1: Album fotografici, sette servizi internet a confronto

Introduzione

Vacanze, viaggi, lauree, matrimoni, ci sono un sacco di occasioni per scattare decine di fotografie. Con la diffusione delle macchine digitali il numero di scatti eseguiti è cresciuto enormemente, e, oramai, vedere qualcuno con una macchina analogica sarebbe una ragione sufficiente per tirare fuori la propria fotocamera digitale. Si tende a pensare, e dire, che "le foto digitali non sono la stessa cosa", riferendosi alle sensazioni che dà il maneggiare le foto stampate, soprattutto quando rappresentano dei ricordi importanti.

Nessuno, però, obbliga a lasciare le fotografie sul PC, o su qualsiasi altro supporto d’archiviazione. Stampare le foto digitali, infatti, è piuttosto semplice. L’album fotografico, in effetti, sembra avere davanti a sé ancora molti anni di vita. Ci si può stampare le fotografie in casa, e assemblare con cura e amore, in un album fatto a mano, unico e irripetibile. Questa scelta è quella più costosa, per via della stampante, che deve essere d’alta qualità, e degli inchiostri, che sono molto costosi. L’ostacolo maggiore non sta nel costo, in ogni caso, ma nell’abilità che bisogna possedere per ottenere un album bello e gradevole: un album fatto a mano è un regalo insostituibile, ma non tutti sono in grado di farne uno. 

Oppure ci si può rivolgere al negozio sotto casa: in questo caso è tutto più semplice, ma le possibilità offerte da un negozio, di solito, son molto limitate. In molti casi, infatti, non si va più in là della sola stampa delle fotografie.

Come ottenere un album ben fatto, con stampe di qualità e un aspetto gradevole. La risposta sono i servizi online, ogni giorno più diffusi e versatili. Se cercate libertà e controllo su tutto il processo di pubblicazione, la risposta è online.

I servizi di stampa digitale disponibili sono numerosi, e ognuno ha un diverso livello di flessibilità. Alcuni sono completamente online, mentre altri richiedono l’installazione di un client sul proprio computer, e questa è, probabilmente, la differenza più rilevante, che crea, di fatto, due distinte categorie.

Il principio di funzionamento è semplice: si caricano le foto sul server del fornitore, le si organizza in un album, e si personalizza l’aspetto, come per esempio lo sfondo da applicare. È sempre possibile scegliere le dimensioni dell’album, optare tra copertina morbida e rigida, e anche il materiale e il colore. Il risultato è un album che raccoglie le vostre foto, dall’aspetto gradevole e professionale. Potrete dire addio a quelle scomode custodie di plastica, mai della misura giusta.

Abbiamo provato sette diversi servizi: Kodak Gallery, Snapfish, Lulu Shutterfly, Photoworks, Picaboo, Blurb. I primi tre hanno una versione italiana, mentre per gli altri quattro bisogna scendere a compromessi con la lingua inglese, ma non ci vuole una conoscenza da madrelingua per usarli. Gli album finiti possono essere spediti in tutto il mondo, quindi possono rappresentare anche un’ottima idea per condividere le vostre fotografie con un parente lontano, che magari non ha molta dimestichezza con i computer.

Abbiamo confrontato questi servizi ordinando un album delle stesse dimensioni, sempre con le stese immagini, valutandone la facilità d’uso, il numero di funzioni disponibili, la versatilità del sistema d’impaginazione, i prezzi e la qualità del prodotto finito.

I prezzi che indichiamo non comprendono il costo della spedizione, che dipende dal numero e tipo di articoli ordinati, e dalla destinazione. In alcuni casi abbiamo indicato il costo per la spedizione in Italia/Europa, quando questo è particolarmente rilevante.