e-Gov

Ecco Chrome 13 e Google Voice per l’Italia

Google Voice si espande e si prepara ad arrivare anche in Italia. Il noto servizio di chiamate VoiP dell’azienda di Mountain View sarà localizzato in lingua Italiana e in altri 37 idiomi. Gli utenti avranno la possibilità di acquistare credito nella propria valuta (Euro, Sterline, Dollari Statunitensi e Canadesi) e pagare per la durata della chiamata, senza scatti alla risposta.

Il servizio di chiamate di Gmail si traduce in 38 nuove lingue

Google ha inoltre ridotto i costi delle telefonata in più di 150 destinazioni in tutto il mondo. Per esempio, chiamare un cellulare nel Regno Unito costerà 0,08 € al minuto, lo stesso prezzo applicato in Germania e Francia. Il servizio si prepara finalmente a sbarcare anche nel nostro paese, inizialmente integrato nella sezione chat di Gmail. Ma quali saranno i prezzi?

Chiamare un cellulare in Italia costerà 0,11 € al minuto, tranne che per i numeri H3G, leggermente più cari a 0,14 €. La tariffa verso i numeri fissi è invece di 2 centesimi al minuto. Per leggere la lista completa dei costi di Google Voice potete cliccare su questo collegamento.

La nuova funzione di localizzazione linguistica è già partita e Google Voice sarà disponibile per tutti gli utenti entro i prossimi giorni. Tuttavia questa non è l’unica novità dell’azienda, che ha reso disponibile per il download la versione stabile di Chrome 13.

Fra le principali novità troviamo Instant Pages, che consente di velocizzare la navigazione su Internet. Questa funzione, introdotta con l’ultima beta di Chrome, carica nella memoria i risultati più pertinenti delle proprie ricerche, in modo da diminuire i tempi d’attesa per l’apertura dei siti web.

Un’altra gradita aggiunta a questa versione di Chrome è l’anteprima di stampa, disponibile al momento soltanto per gli utenti Windows e Linux, e alcuni miglioramenti alla barra degli indirizzi, che ora permette di cercare con maggiore efficienza i siti web già visitati.

In totale, Chrome 13 integra più di 5200 miglioramenti e 13 patch per bug considerati ad “alta priorità“. Per leggere la lista completa dei fix di sicurezza potete leggere il post ufficiale sul blog di Google Chrome, cliccando su questo indirizzo.