Home Cinema

High definition, Blu Ray e VAIO, il punto di vista Sony

Pagina 1: High definition, Blu Ray e VAIO, il punto di vista Sony

Alta definizione, tecnologie emergenti e notebook VAIO. Per fare il punto della situazione abbiamo rivolto alcune domande a Paolo Caperchione, Marketing Manager, Gildas Pelliet, Deputy Managing Director e Minoru Kobayashi, Marketing AV-IT Director di Sony Itala S.p.A.

Cosa intende Sony per Alta Definizione?

Sony offre e offrirà agli acquirenti di prodotti HD Ready – televisioni, videocamere, proiettori e computer – un miglioramento sostanziale dell’esperienza visiva. La parte dei contenuti sarà rivoluzionata inizialmente grazie a Sky che ha avviato, per la prima volta in Italia, un bouquet di trasmissioni in Alta Definizione. Le prime prove di questa nuova tipologia di trasmissione satellitare ci hanno soddisfatto, il bitrate è elevatissimo e offre quanto serve alla tecnologia attuale. L’Alta Definizione garantisce inoltre miglioramenti sostanziali anche nella sezione audio, dove una qualità elevata è legata sia ai sistemi usati per l’ascolto – home theater in primis – sia alla qualità del contenuto. Per esempio, con l’avvento dei film su supporto Blu-ray avremo un miglioramento anche nell’area audio.

Per riferimento leggete: Sony e Sky: assieme per l’Alta Definizione

Qual è a suo parere la diagonale minima per godersi l’Alta Definizione su uno schermo televisivo?

Il punto d’ingresso potrebbe essere un televisore 32" LCD, ovviamente HD ready con ingresso HDMI. Tuttavia, un 40” è decisamente meglio per avere un’esperienza HD ancor più spettacolare e completa.

Come riferimento riportiamo di seguito alcuni modelli, con relativo prezzo di vendita:

  • KDL46X2000AEP: 46″ LCD Full HD, SPVA panel, Live Colour Creation, Tuner Digitale, BRAVIA ENGINE EX, Prologic 2, 2HDMI, 2 Component, PC input  6.000,00€
  • KDL46V2000AEP: 46″ LCD HD Ready, SPVA panel, Live Colour Creation, Tuner Digitale, BRAVIA ENGINE, TruSurround, HDMI, Component, PC input      4.200,00€
  • KDL46S2000E: 46″ LCD HD Ready, SPVA panel, Tuner Digitale, BRAVIA ENGINE, TruSurround, HDMI, Component, PC input    3.500,00€      
  • KDL40V2000AEP: 40″ LCD HD Ready, SPVA panel, Live Colour Creation, Tuner Digitale, BRAVIA ENGINE, TruSurround, HDMI, Component, PC input      3.000,00€
  • KDL40S2000E: 40″ LCD HD Ready, SPVA panel, Tuner Digitale, BRAVIA ENGINE, TruSurround, HDMI, Component, PC input    2.600,00€      
  • KDL32V2000AEP: 32″ LCD HD Ready, SPVA panel, Live Colour CreationTuner Digitale, BRAVIA ENGINE, TruSurround, HDMI, Component, PC input 2.000,00€  
  • KDL32S2000E: 32″ LCD HD Ready, SPVA panel, Tuner Digitale, BRAVIA ENGINE, TruSurround, HDMI, Component, PC input    1.600,00€    
  • KDL26S2000E: 26″ LCD HD Ready, Tuner Digitale, BRAVIA ENGINE, TruSurround, HDMI, Component, PC input 1.250,00 €       

Sony ha abbandonato la tecnologia Plasma e ora produce solo LCD. Ci spiega i motivi di questa scelta?

In ogni tecnologia ci sono pro e contro. Gli LCD in passato avevano alcuni punti negativi ma Sony ritiene di avere eliminato questi difetti già a partire dall’attuale generazione di schermi LCD – la settima. Uno dei punti a favore dei Plasma era, in passato, la dimensione degli schermi. Oggi però le tecnologie sviluppate per gli LCD permettono di raggiungere dimensioni paragonabili a quelle dei Plasma, tanto che noi per primi consigliamo il 32” come punto di ingresso, ma pensiamo che gli schermi maggiori siano preferibili per la visualizzazione dei contenuti in Alta Definizione. Inoltre, gli schermi di ultima generazione Sony vantano delle tecnologie volte a migliorare contrasto e altri dettagli dell’immagine, tra le quali il Bravia Engine e Live Color Creation, tese alla massima resa dei colori. Anche i consumi degli schermi LCD sono più bassi, mentre, per contro, il Plasma consuma molto di più. Tra l’altro, anche il mercato si sta orientando verso gli schermi LCD: basti pensare che a marzo 2006 il mercato degli LCD era circa 6 volte quello dei Plasma.

Sony è criticata per l’uso di tecnologie proprietarie. Avete cambiato la vostra posizione?

La politica di Sony è cambiata. Le varie divisioni di prodotti Sony oggi usano molti standard aperti. HDMI per esempio non è una connessione proprietaria, così come il Blu-ray, che è supportato da un’alleanza che comprende tra gli altri, Dell, Apple e HP. Un altro esempio: oggi i notebook Sony VAIO hanno anche uno slot per Secure Digital e non solo quello per il formato proprietario Memory Stick.

In generale possiamo rassicurare i consumatori che Sony è sensibile ai loro commenti, e a quelli che si trovano sui siti web dedicati alle tecnologie come il vostro.

Il 2006 è l’anno dell’Alta Definizione. Quali sono i prossimi passi di Sony?

Molti sono e saranno i tasselli che Sony andrà a inserire. A giugno arriva il nuovo TV LCD BRAVIA da 46" Full HD della Serie X2000, che vanta il nuovo logo Full HD 1080 grazie alla risoluzione nativa di 1920×1080 in modalità progressiva; entro l’anno saranno disponibili altri quattro modelli Full HD. A novembre arriva l’attesissima Playstation 3, che porterà l’Alta Definizione Sony nel mondo del videogioco. È inoltre già disponibile sul mercato la videocamera digitale per filmare in HD, HDR-HC3. Sempre a giugno sarà disponibile il primo notebook VAIO con drive Blu-ray.

In breve, già oggi con i prodotti Sony si può filmare, guardare, e manipolare video in Alta Definizione.