Telco

Il 55% degli italiani non conosce i vantaggi del roaming UE

Solo un italiano su due sa che dal 15 giugno 2017 viaggiando in Europa si può usare il proprio cellulare come se si stesse a casa: il cosiddetto "roaming like home", insomma.

È questo uno dei dati più eclatanti che emergono dall'ultimo sondaggio di Eurobarometro dedicato al compleanno del "roaming zero". La consapevolezza di quanto accaduto, per di più, è in leggera flessione. Si è passati dal 67% dell'anno scorso, all'attuale 55%. Un fenomeno per altro diffuso in Europa, poiché superato il clamore mediatico tutti gli europei sembrano aver un po' dimenticato. Se la scorsa estate il 71% risultava informato, oggi sono solo il 62%.

UE
Consapevolezza

Uno dei motivi potrebbe essere legato alla propensione a viaggiare all'estero. Il campione italiano ha rivelato che negli ultimi 12 mesi non è stato all'estero il 68%, contro una media comunitaria del 53%. I più grandi viaggiatori sono stati i lussemburghesi, austriaci, sloveni, olandesi, irlandesi e svedesi con percentuali comprese tra l'85% e il 68%.

Leggi anche: Roaming UE addio, la guida definitiva per sapere tutto

Il 65% degli italiani però ne hanno beneficiato, se si considerano anche famigliari o amici, contro una media europea del 69%. Il 31% ha continuato a fare chiamate come a casa, mentre il 40% meno. Un dato che ci distingue dagli altri paesi è però legato al traffico dati: il 47% ha agito come se fosse a casa, contro una media comunitaria del 34%. Nessuno, come gli italiani, si è fatto meno problemi in tal senso.

UE 2
Beneficio

Però nel rispondere se le chiamate all'estero siano più care il 35% ha risposto di sì, rispetto al 31% della media UE.  

"Siamo lieti di constatare che le persone utilizzano più spesso e più liberamente il telefonino quando si spostano all'interno dell'UE, specialmente per quanto riguarda l'utilizzo di dati mobili. A riconoscere i vantaggi del roaming senza costi aggiuntivi sono soprattutto i giovani e le persone che viaggiano di frequente", hanno commentato Andrus Ansip, Vicepresidente responsabile per il Mercato unico digitale e Mariya Gabriel, Commissaria per l'Economia e la società digitali.

ue
Tarrife più alte, uguali o più basse? 

"Questo è un esempio di come l'UE migliora concretamente la vita dei cittadini europei. Il roaming a tariffa nazionale funziona e sta diventando un'abitudine: i consumatori manifestano il loro apprezzamento, i consumi crescono e la domanda di servizi mobili durante gli spostamenti nell'UE è molto alta. Un vantaggio sia per i consumatori che per gli operatori. Il forte aumento del traffico in roaming ha un effetto positivo anche sul ricavo all'ingrosso per gli operatori".

ue
Viaggi all'estero negli ultimi 12 mesi

Sul fronte del mercato unico digitale bisogna ricordare anche che dal 1° aprile di quest'anno i cittadini europei possono portare con sé i loro abbonamenti digitali, mentre a partire dal 3 dicembre i consumatori europei che acquistano beni e servizi online potranno cercare le offerte migliori in tutta l'UE senza essere discriminati in base alla nazionalità e al paese di residenza.

"Nel complesso la Commissione ha presentato 29 proposte legislative nel quadro della strategia per il mercato unico digitale. Di queste, 16 sono ormai state concordate, e le prime ad entrare in vigore riguardano le nuove norme sul roaming, la portabilità dei contenuti online e le norme contro i blocchi geografici ingiustificati", hanno concluso i Commissari.


Tom's Consiglia

In viaggio uno dei dispositivi più utili è sicuramente il powerbank: per uno smartphone un modello da 20.000 mAh può bastare.