Spazio e Scienze

Lezione di rifiuti elettronici alle Elementari grazie a RAEE@scuola

Ieri ad Alessandria ha preso il via la quarta edizione del progetto RAEE@scuola promosso dall'Associazione Nazionale Comuni Italiani (ANCI). L'iniziativa di educazione ambientale è stata ideata per diffondere fra i giovanissimi, a partire dalla quarta elementare fino alle scuole medie, l'importanza e le modalità per la raccolta differenziata dei rifiuti RAEE (Waste of Electric and Electronic Equipment).

RAEE2 JPG

Quest'anno saranno coinvolti in tutto 50 Comuni italiani, per un totale di oltre 45.000 alunni delle scuole primarie e secondarie di primo grado. L'iniziativa parte con la distribuzione negli istituti di un kit informativo. Gli studenti poi saranno invitati a portare da casa piccoli RAEE, come per esempio telefonini vecchi, giochi elettronici, piccoli elettrodomestici come gli asciugacapelli, e gettarli quindi negli appositi contenitori posizionati nelle scuole.

RAEE JPG

La raccolta durerà tre settimane, al termine delle quali il materiale verrà ritirato dagli addetti del servizio di igiene urbana del Comune di riferimento e trasportato presso il Centro di Raccolta. Ricordiamo che ogni italiano produce in media 14,7 kg di RAEE, di cui soltanto circa 4 kg pro-capite viene correttamente raccolto e avviato al recupero.

Leggi anche: Riciclo dei prodotti elettronici in Europa: ancora non ci siamo

L'ultima relazione di Nazioni Unite e Interpol rivela che l'Italia è tristemente in media con il resto di Eurolandia: solo un terzo dei rifiuti elettronici europei è correttamente riciclato, mentre un gran numero di cellulari, computer e televisori vengono illegalmente scambiati o smaltiti. Da qui l'importanza di portare avanti fin dalla scuola elementare un progetto di educazione ambientale che insegni ai giovanissimi, e si auspica anche alle proprie famiglie, come devono essere smaltiti i rifiuti elettronici.