Home Cinema

Recensione Amazon Fire Cube


Amazon Fire TV Cube
Assistente Vocale
Alexa
Wi-Fi
Bluetooth
Microfoni
8

Amazon ha trovato un grande successo con la sua Fire Stick, un oggetto relativamente poco costoso che permette di migliorare il proprio televisore. Una scelta ovvia per un TV di vecchia generazione, privo di software smart, ma un’opzione interessante anche per chi vuole arricchire una smart TV con funzioni più moderne, senza necessariamente spendere grosse cifre. E infatti potete avere la Fire Stick per 30 euro, o 60 euro se volete la versione 4K.

Ora Amazon ha portato anche in Italia la sua Fire Cube TV. Il concetto è simile a quello della Fire Stick: si collega al TV tramite HDMI e dà accesso a una piattaforma software che sostituisce e arricchisce quella del televisore. Il telecomando incluso è praticamente identico a quello della Fire Stick, così come le funzioni di base: anche Fire Cube è infatti in grado di riprodurre video 4K HDR.

Il Fire Cube è anche uno smart speaker Amazon Echo, e questa è la differenza fondamentale. In quanto tale ha un microfono integrato e sempre attivo, che risponderà a una varietà di comandi, compresi alcuni utili per muoversi tra i menu (scorri avanti, cambia pagina, riproduci il primo risultato).

Ha anche una piattaforma hardware più potente, che rende l’interfaccia più veloce e reattiva. Ma a meno che non abbiate davvero molta fretta, probabilmente non è un dettaglio di quelli che fanno la differenza.

Un altro dettaglio che potrebbe essere rilevante per voi è che Fire Cube si può collegare anche tramite cavo Ethernet, e che il necessario adattatore è incluso nella confezione. Se avete difficoltà a fare streaming usando il solo Wi-Fi, allora potrebbe essere importante.

Design

Come il nome lascia facilmente intuire il Fire Cube è … non un cubo. Misura infatti 86,1 x 86,1 x 76,9 mm, quindi possiamo dire che è quasi un cubo. È sicuramente abbastanza piccolo da trovare posto vicino al televisore, e se non fosse possibile posizionarlo correttamente rispetto al telecomando, sarà utile la prolunga IR inclusa nella confezione. Si tratta di un piccolo accessorio che potrete posizionare davvero dovunque, e che può ricevere i segnali dal telecomando e mandarli al Fire Cube, se per qualche ragione non potete metterlo in una posizione da dove sia possibile “vederlo”.

Se fosse necessario, non si perde molto, visto che il Fire Cube è un oggetto abbastanza anonimo, in plastica nera lucida con un LED blu nella parte superiore. Non è proprio qualcosa che vorreste mettere in mostra, ma è abbastanza discreto da non disturbare l’estetica del vostro salotto.

Sopra al Fire Cube ci sono quattro pulsanti, tre per controllare il volume e uno per avviare Alexa. Quest’ultimo non ci sembra particolarmente utile, visto che basta pronunciare “Alexa” a voce alta (e volendo potete chiedere a lei di alzare o abbassare il volume).

I microfoni funzionano piuttosto bene, e il Fire Cube vi sente anche se siete lontani. Riesce a comprendere correttamente molto di quello che gli si dice, ma abbiamo notato qualche comprensibile difficoltà se c’è della musica o l’audio di un film.

Dietro troviamo la porta HDMI, quella per l’estensione IR, il connettore di alimentazione e una porta microUSB (per la connessione Ethernet). La porta HDMI si collega al televisore: il Fire Cube è un accessorio CEC, il che è un’ottima cosa perché potrete usare il telecomando del televisore per mettere in pausa la riproduzione, oppure di usare il telecomando Amazon per regolare il volume del televisore.

Purtroppo però nella confezione non c’è un cavo HDMI, quindi dovrete comprarne uno apposta per collegare la Fire Cube, se non ne avete uno in più che potete usare.

Amazon Fire Cube andrà posizionato facendo attenzione che la soundbar o il televisore non ostruiscano i microfoni, così che il dispositivo vi possa sempre sentire correttamente. Fatto questo, il nuovo prodotto Amazon si presenta come un ottimo supporto per il controllo della TV e degli altri dispositivi compatibili che avete in casa, dal campanello alle lampadine, arrivando alla macchina del caffè.

Software

Al primo avvio Amazon Fire Cube richiede qualche minuto di “lavoro” per la prima configurazione e il download degli aggiornamenti. Una volta superato questo piccolo ostacolo vi troverete di fronte a una spiccata preponderanza dei contenuti Amazon. Le altre app che installerete (Youtube, Netflix, Disney+ o altro) si trovano nella seconda riga, e poi una terza riga di altri contenuti Amazon. È una cosa del tutto prevedibile, e su Apple TV la situazione è simile, ma avremmo preferito un approccio più bilanciato.

Se non è il momento di guardare un film o una serie TV, Amazon Fire Cube offre anche Spotify, Amazon Music e altre app musicali. Potrete ascoltare la musica direttamente dal Fire Cube ma l’esperienza non è un granché; probabilmente è meglio collegarsi all’home theatre o alla soundbar, se avete intenzione di usarla per la musica.

Se invece pronunciate “Alexa, metti della musica” e il Fire Cube è collegato al televisore, il dispositivo Amazon accenderà la TV per potervi far sentire la musica. Starà poi a voi impostare il TV in modalità Solo Audio.

Volendo si può usare Fire Cube anche come console da gioco, a patto che vi accontentiate dei semplici giochi Android disponibili sull’App Store di Amazon. Volendo usarlo in questo modo dovrete anche procurarvi un controller compatibile, a meno che non vogliate giocare con il telecomando.

Prestazioni

L’interfaccia di Fire TV Cube è decisamente scattante, merito sicuramente del processore più potente rispetto alla prima versione (mai arrivata in Italia). Amazon l’ha inserito per rendere possibile la riproduzione 4K 60 FPS, mentre la maggiore reattività del software si può considerare un gradito “effetto collaterale”.

Partendo da una riproduzione su Prime Video, tornare in Home e passare a Netflix o RaiPlay è una questione di pochi secondi. Noi lo abbiamo provato con una modesta rete Wi-Fi a 2.4 GHz, e anche con questo tipo di rete se la cava molto bene. Con il cavo LAN tutto diventa praticamente immediato.

Quanto alla qualità video, non abbiamo notato differenze con le app native sul Samsung Q800T 8K che abbiamo usato per i test. Avviando Prime Video, Netflix, Raiplay o un’altra delle app più diffuse, non era possibile distinguere quella del televisore da quella del Fire Cube. Tutto funziona a dovere, ma il catalogo di app non è ancora ottimale per quanto riguarda l’Italia. NowTV per esempio non è disponibile, vi consigliamo quindi di verificare che le vostre app preferite siano presenti.

Con i contenuti a bassa risoluzione (fino a 1080p) e senza HDR, come con i televisori entra in gioco l’upscaling. A questo riguardo non c’è molto che si possa dire, perché gli algoritmi della Fire TV inevitabilmente si uniscono a quelli del televisore, ed è difficile dire se un certo risultato sia merito dell’uno o dell’altro.

Ciò che conta però è che abbiamo rilevato prestazioni di upscaling adeguate con tutti i contenuti che abbiamo provato, ed è la buona notizia che speravamo di darvi.

Ovviamente quando si parla di qualità video a “comandare” sono le prestazioni del televisore a cui la Fire Cube è collegata, ma se pensate di collegarla a un vecchio TV, senza particolari capacità software, allora questo dispositivo Amazon potrà dare un notevole contributo alla qualità video finale.

Naturalmente potete usare Alexa per impartire comandi al Fire TV Cube. Le sue capacità di eseguire azioni sono le stesse di un Amazon Echo, oltre a quelle specifiche di questo dispositivo: può cercare e mostrare video, eseguire richieste come “scorri avanti”, “riproduci il terzo” o ancora “cerca film di fantascienza”. L’unica cosa a cui dovete fare attenzione è, come accennato, la posizione del dispositivo: se sarà troppo vicino agli altoparlanti del TV, o peggio ancora alla soundbar, il Fire TV Cube non potrà sentirvi a meno di premere il pulsante apposito sul telecomando – che è utile ma non proprio l’ideale.

Resta poi il valore intrinseco dei prodotti Amazon Echo, cioè la possibilità di controllare altri oggetti smart collegati alla propria casa, di ascoltare musica, o anche di vedere sul televisore le immagini delle vostre videocamere di sicurezza (e questa non è niente male, lo ammettiamo).

Ci sono anche alcuni limiti tipici di Alexa, come il fatto che bisogna dire esattamente certe parole, e in una certa sequenza, affinché il comando sia eseguito. Diversamente la sentirete dire “non ho capito”, o peggio ancora se ne resterà in silenzio.

Due parole anche sulle prestazioni audio: gli altoparlanti integrati nel Fire TV Cube non sono malaccio, ma è quanto di meglio si possa dire a riguardo. Possono andar bene, anche benissimo, per ascoltare le risposte di Alexa, o per delle chiamate vocali se avete amici che usano un Echo. Ma se volete dire “Alexa metti della musica”, sarà meglio tenere la soundbar collegata.

Conclusioni

Amazon Fire TV Cube costa 119,99 euro, al netto delle promozioni. Vale a dire che costa il doppio di una Fire Stick 4K, e 30 euro in più rispetto alla nuova Google Chromecast con Google TV (più adattatore LAN).

Ne vale la pena? Probabilmente, per la maggior parte delle persone, la Fire Stick 4K è la scelta migliore. Volendo poi c’è anche la Xiaomi TV Stick, che costa ancora meno e ha AndroidTV come sistema operativo; quest’ultima è un’opzione valida solo se cercate di spendere poco, visto che non può riprodurre video 4K.

Il Fire TV Cube è il migliore dispositivo di streaming offerto da Amazon, e in quanto top di gamma è ragionevole che costi più degli altri. Ma non siamo certi che la spesa sia del tutto accettabile, proprio in virtù del fatto che con dispositivi meno costosi si ottiene un’esperienza simile.

Il prezzo tuttavia non è fuori contesto: nella confezione c’è un’estensione IR (ma non un cavo HDMI), e il fire TV Cube è anche uno smart speaker. Tanti piccoli extra che, messi insieme, danno senso al prezzo di questo prodotto. Oltre al fatto che è anche il dispositivo Amazon TV con il più ampio supporto di funzioni video avanzate, il che per qualcuno potrebbe essere una differenza rilevante.

Nell’insieme questo Fire TV Cube è qualcosa di più rispetto alla semplice somma delle sue parti. Se decidete di spendere qualcosa in più e prendere questo dispositivo, difficilmente avrete di che lamentarvi.

Amazon Fire TV Cube

Amazon Fire TV Cube è un dispositivo per lo streaming multimediale ad alte prestazioni, unito a uno smart speaker con Amazon Alexa. È eccellente sotto ogni punto di vista, ma difficilmente se ne può giustificare il prezzo.

8
8

Verdetto

Amazon Fire TV Cube è un dispositivo per lo streaming fantastico, capace di generare video di alta qualità e caratterizzato da una piattaforma hardware potente, che rende il software veloce e reattivo. Può anche comandare altri dispositivi smart e integra Alexa. Fantastico, ma è comunque difficile giustificare la spesa.

Pro

Smart speaker integrato
Software veloce
Ottimi algoritmi di upscaling

Contro

Non c’è un cavo HDMI incluso
Qualità audio appena sufficiente
La homepage è dominata dai contenuti Amazon
Mancano alcune app