e-Gov

Vecchie lampadine in pensione, è finita un’epoca

Le lampadine a bulbo incandescente vanno in pensione. Dal primo settembre, infatti, i negozi dell'Unione Europea non potranno più vendere le storiche lampade da 100 watt. Progressivamente, nel tempo, il bando sarà esteso anche ai modelli a più basso wattaggio; entro il 2012 saranno praticamente vietati tutti.


CFL, l'era delle lampadine a risparmio energetico

L'obiettivo è quello di ridurre i consumi energetici, favorendo la diffusione delle nuove lampade CFL (fluorescenti compatte) – capaci di risparmiare fino all'80% di energia rispetto ai modelli a incandescenza. Inoltre, è stato stimato che questa rivoluzione domestica consentirà di ridurre anche le emissioni di anidride carbonica.

BEUC, l'Organizzazione UE dei Consumatori, è convinta che i cittadini della Comunità Europea potranno trarre vantaggi economici dall'operazione. "I benefici per consumatori e ambiente sono benvenuti. Tuttavia sono necessari ulteriori sforzi per una pacifica progressiva eliminazione delle lampadine a incandescenza", ha sottolineato Monique Goyens, direttore generale di BEUC.

Secondo Stephen Russell, segretario di ANEC, l'organizzazione che cura gli interessi dei consumatori in relazione agli standard UE, l'unico problema al momento è rappresentato dai livelli di Mercurio delle vecchie lampade. Fra qualche settimana tutti i centri di vendita dovrebbero essere in grado di ritirare le lampadine per il riciclo, ma eventuali problemi organizzativi potrebbero avere effetti negativi sull'ambiente.

News correlate
I Sony Bravia VE5 integrano tecnologie atte a diminuire il consumo energetico…. (leggi tutto)
Le nuove Master LED hanno un'operatività 30 volte superiore rispetto alle versio… (leggi tutto)
La General Electric ha terminato la produzione di lampadine, e punta su LED e OL… (leggi tutto)