Home Cinema

Video HDR al top anche sulle normali TV, è la magia Disney

Una nuova tecnica per la gestione delle immagini sviluppata da Disney Research Zurich potrebbe favorire la visione di video high dynamic range (HDR) di maggiore qualità sui nostri schermi, siano essi monitor o TV. La nuova tecnologia è infatti in grado di preservare gran parte del dettaglio visivo ed eliminare il ghosting (effetto scia) e altri artefatti indesiderati.

Disney HDR tone mapping

L'HDR permette di ottenere immagini con una gamma più ampia di illuminazione e contrasto rispetto a quanto possibile tradizionalmente. In questo modo si ottengono immagini più naturali. Attualmente l'HDR supera la gamma dinamica che la maggior parte dei televisori e dei monitor riesce a riprodurre, quindi un video HDR deve passare attraverso un processo chiamato tone mapping per adattare le immagini alle limitazioni dei display.

Disney HDR tone mapping

Clicca per ingrandire

Esistono già tecniche simili a quella di Disney, ha affermato Tunc Aydin, ricercatore dell'azienda, ma il problema è che mentre riducono la gamma dinamica del video, perdono alcuni dettagli visivi o introducono effetti indesiderati, come lo sfarfallio della luminosità o il ghosting.

Il metodo di local tone mapping sviluppato da Aydin e i suoi colleghi adotta un approccio che scompone il segnale in un layer base e uno con i dettagli. In questo modo il layer base può essere ridotto preservando la maggiore quantità di dettagli e il contrasto. Il team di Disney ha introdotto anche l'uso di un filtro temporale sul layer destinato ai dettagli e un filtro spazio-temporale sul layer base.

Sony TV R483 da 102 cm/40 con DVB-T2 Sony TV R483 da 102 cm/40″ con DVB-T2
Samsung UE32F5000 TV LED,Full HD, Display da 32 Pollici, USB, 100hz, Nero Samsung UE32F5000 TV LED,Full HD, Display da 32 Pollici, USB, 100hz, Nero

I ricercatori, infine, hanno sviluppato un'interfaccia che permette agli utenti di effettuare il tone mapping interattivo quando il layer di base e quello con i dettagli sono precalcolati. Così facendo la tecnica di tone mapping ha dimostrato di funzionare con movimenti e cambi di luce complessi e in situazioni di scarsa illuminazione in cui il rumore della videocamera è elevato.