Ibride e Elettriche

Cupra Born, la prima elettrica spagnola farà più di 500 km

Precedentemente nota come El-Born, la prima auto elettrica del marchio spagnolo utilizza la piattaforma MEB ereditata dal gruppo Volkswagen e segue pertanto numerosi aspetti della ID.3 che attualmente troviamo in circolazione.

Il capo della ricerca e sviluppo Werner Tietz ha anche promesso che la Born offrirà un’esperienza di guida distinta rispetto alle varianti analoghe del gruppo VW; stando a quanto riferito, sarebbero state effettuate numerose modifiche a livello di telaio, manovrabilità e trasmissione. Inoltre, sarà presente un controllo dinamico del telaio abbinato ad un sistema ESC di tipo “sportivo” capace di conferire un maggiore piacere di guida. Lo sterzo progressivo e l’elevata manovrabilità assicureranno inoltre una risposta pronta in quasi tutti gli scenari di utilizzo.

La Born sarà disponibile con tre tagli di batteria: 45 kWh, 58 kWh o 77 kWh. In base alla capacità l’autonomia dichiarata può spingersi sino a 540 km, naturalmente nel ciclo WLTP. Le motorizzazioni attese sono le medesime di ID.3 e Q4 e-tron, pertanto sarà disponibile nella configurazione da 150 o 204 Cv. Coloro che necessitano o apprezzano un boost prestazionale aggiuntivo, Cupra mette a disposizione il pacchetto e-Boost che innalza la potenza a 231 Cv.

In base alla potenza, Cupra Born potrà coprire lo scatto da 0 a 100 km/h in 9 o in 6,6 secondi. Naturalmente, come la maggior parte delle elettriche, le prestazioni migliori si ottengono da 0 a 50 km/h dove la piccola spagnola registra valori inferiori ai 3 secondi.

Due le velocità di ricarica disponibili in base alla tipologia di batteria scelta: 100 kW o 125 kW. Quest’ultima, abbinabile solo con il pacco batteria da 77 kWh, garantisce un’autonomia di 540 km e un guadagno in DC di 100 km in appena 7 minuti. Rispetto ad ID.3 le dimensioni sono praticamente invariate, l’unica vera differenza risiede nell’impostazione che, qui, sembra più indirizzata ad un utilizzo sportiveggiante. In perfetta linea con gli stilemi del marchio, l’auto ha linee chiare, un muso aggressivo e muscoli ben in vista; discorso analogo per i cerchi, disponibili con misure comprese tra 18 e 20″, che sono caratterizzati da un look giovanile e ricercato.

All’interno troviamo un touchscreen da 12 pollici abbinato ad un head-up display e un quadro strumenti completamente digitale. Prevista, infine, piena compatibilità con Apple CarPlay e Android Auto. Molte delle funzioni possono essere gestite in remoto utilizzando l’applicazione My CUPRA. Cupra afferma che gran parte degli interni della Born è prodotta utilizzando materiali che a basso impatto ecologico. Ad esempio, i sedili avvolgenti sono realizzati in Seaqual, un filamento costruito utilizzando la plastica marina riciclata.

Diversi i sistemi di sicurezza attiva previsti: dal Cruise Control adattivo sino ai sistemi di guida assistita e autonoma capaci di riconoscere i segnali stradali. Cupra Born arriverà in Italia solo dopo l’estate. Attesa in concessionaria a settembre, sarà acquistabile normalmente oppure con una formula di noleggio, analoga a quella che Volkswagen propone anche su altri modelli elettrici. Nessuna indiscrezione sui listini anche si prevede un prezzo di partenza di circa 40mila euro.