Motorsport

Formula 1, presentata la nuova monoposto ufficiale

Tra un aggiornamento alle regole a cambiamenti al calendario causa Covid, la Formula 1 ha trovato il tempo per presentare ufficialmente la monoposto 2022. In occasione del Gran Premio di Silverstone, è stato mostrato alla stampa il prototipo ufficiale della nuova vettura, cioé la base cui dovranno attenersi tutte le squadre per realizzare le rispettive monoposto. Prima di iniziare qualsiasi descrizione, basta una rapida occhiata all’immagine sottostante per capire che le novità non saranno poche.

L’obiettivo dichiarato più volte era rendere più “pulita” l’aria dietro alle auto, così da semplificare la guida per chi segue facilitando sorpassi e spettacolo (due aree in netta crisi nella F1 attuale). Per raggiungere tale scopo, è stata semplificata l’aerodinamica e rivisti gli alettoni che sono il punto chiave nella gestione dell’aria in transito attorno al veicolo. Detto questo, buona parte delle loro caratteristiche rimane invariata, DRS compreso.

La seconda novità più importante riguarda le gomme, con i cerchi che passano da 13 a 18 pollici con tanto di apposite coperture. Queste ultime rientrano nella strategia legata all’aerodinamica, migliorando la gestione dell’aria e tutte le turbolenze connesse. Obbligando le squadre all’uso di quelli che sono effettivamente dei copricerchi, viene anche limitata la possibilità di nuovi “trucchi” per controllare l’aria attorno alle ruote.

Passando sotto alla monoposto, verrà usato un fondo più piatto e uniforme rispetto a quello attuale che aumenterà l’effetto suolo e l’aderenza complessiva. Allo stesso modo, ci saranno nuovi canali per il passaggio dell’aria sotto la vettura, pensati per non danneggiare l’aerodinamica delle auto dietro. Anche qui, l’obiettivo resta aumentare il controllo degli “attaccanti” nelle fasi di sorpasso e quindi l’imprevedibilità delle gare.

Guardando carburanti e peso, ci sono alcune novità da segnalare e non tutte positive. Nel primo caso, la percentuale di Etanolo arriverà al 10% sulla strada che porterà all’uso di carburanti del tutto sostenibili nei prossimi anni. Meno incoraggiante l’aumento di peso, con quasi 40 Kg extra dovuti in gran parte alle nuove ruote e ai sistemi di sicurezza aggiuntivi. Tanto più che i motori rimarranno gli stessi e con l’aerodinamica ridotta potrebbe esserci un netto calo nella velocità complessiva.

Da Senna a Hamilton, la storia ufficiale della Formula 1 nel libro che potete trovare su Amazon.