Ibride e Elettriche

Prova, Hyundai Santa Fe: il SUV ibrido che fa invidia alle tedesche

Le necessità di spazio richiesta dalle famiglie è sempre più chiara e le pretese dei consumatori verso le auto sono sempre maggiori, per questo i SUV sono ormai diventati la categoria di veicolo più venduto; la capacità di coniugare visibilità ottima, comodità e spazio per i bagagli ha velocemente fatto innamorare gli utenti che ormai non considerano più le station wagon come alternative valide se non in rari casi.

Federicovecchio.com

In un mondo in cui l’aggiornamento tecnologico è la differenza tra una successo o un flop di un veicolo, il marchio coreano Hyundai ha deciso di rinnovare il modello di punta – Hyundai Santa Fe – introducendo interessanti ed importanti novità per il 2021. La vettura si presenta con un design accattivante al frontale, il quale è dominato da un’enorme calandra che incastona al suo interno le luci anteriori mentre i DRL sono posti appena sopra; l’aspetto è imponente e dà l’impressione di alta qualità costruttiva. Degno di nota è anche il posteriore, ora più slanciato e moderno grazie ai fari a LED uniti da una striscia rossa.

Hyundai Santa Fe è la più grande vettura prodotta dal marchio, superando di ben 29 cm la Hyundai Tucson e garantendo uno spazio interno ampio e senza alcun compromesso, con anche la possibilità di 2 posti extra nel bagagliaio portando il numero massimo di occupanti a 7 e garantendo comunque un bagagliaio sfruttabile anche in questa configurazione. Si capisce subito di essere su un’automobile destinata al comfort non appena ci si siede sui sedili posteriori, il cui schienale può essere addirittura inclinato singolarmente.
Il vano bagagli è di 571 litri nella configurazione a 5 posti, che possono arrivare fino a 2041 abbattendo tutti i sedili. Tutto questo spazio interno, ovviamente, si riflette anche nelle dimensioni del veicolo che risulta lungo 479 cm, largo 190 cm ed alto ben 171 cm, pesando poco meno di 2000 kg in ordine di marcia.

Federicovecchio.com

Federicovecchio.com

Il risultato è un veicolo perfetto per le famiglie numerose ed utilizzabile, contro ogni pronostico, comodamente anche in città grazie alle avanzatissime fotocamere presenti sul mezzo che riescono a far capire gli ingombri con facilità anche ai guidatori meno esperti; un altro punto a favore di questo veicolo è la motorizzazione che è una delle novità principali dell’edizione 2021, infatti Hyundai ha rinunciato totalmente ai propulsori diesel in favore di soluzioni ibride e ibride plug-in su base benzina.

La versione da noi testata era il 1.6 T-GDi HEV 4WD che è un motore turbo benzina ad iniezione diretta da 180 cv abbinato ad un propulsore elettrico da 60 cv, in modalità ibrida si hanno quindi a disposizione ben 230 cv. La dimensione della batteria stessa è di 1,49 kWh ed è posta sotto il sedile del passeggero.
La presenza di entrambi i propulsori permette alla centralina di alternare in maniera intelligente l’utilizzo di ciascuno, passando da modalità full electric – ove possibile – a modalità full hybrid in situazione dove è richiesta maggiore potenza fino ad usare anche solo il motore termico e ricaricare la batterie ibrida durante le percorrenze autostradali.
I consumi registrati, considerando la massa del veicolo, sono simili ai 14,5 km/l dichiarati nel ciclo WLTP, registrando picchi di 13 km/l in situazioni di pieno carico ed in salita.

Federicovecchio.com

Hyundai Santa Fe è dotata di una trazione a quattro ruote motrici abbinata ad un selettore di guida che permette di cambiare i comportamenti del veicolo in base al tipo di terreno su cui si è in quel momento, personalmente l’abbiamo usata nella maggior parte dei casi in Comfort – adatto per l’asfalto stradale – e abbiamo provato ad usarla in modalità MUD quando siamo andati in campagna su un breve tratto sterrato umido e l’auto si è comportata in maniera efficace.

La versione da noi provata era la 20th Anniversary, ovvero una variante celebrativa che vanta una dotazione elevatissima tra cui ogni tipo di ADAS (centraggio di corsia, monitoraggio angolo cieco, cruise control adattivo e molto altro) e gli interni in pelle, il tetto panoramico e il navigatore. Sull’esemplare provato mancavano, purtroppo, i sedili ventilati ed il frigorifero nel portaoggetti che sono però disponibili come optional. 

Federicovecchio.com
Federicovecchio.com

La qualità delle finiture interne ci ha veramente stupito, i materiali sono morbidi e ben studiati e l’unica parte del veicolo che ci piacerebbe vedere aggiornata in futuro  è la console centrale, al momento ricca di tasti analogici e con poco spazio per gli oggetti – simile a Hyundai Nexo – mentre ci piacerebbe un approccio più moderno con delle soluzioni touch e vani per gli oggetti più capienti.

Hyundai Santa Fe ci è davvero piaciuta, il comfort è sorprendente e ci ha permesso di guidare più di 2000 km senza mai avere mal di schiena, le sospensioni hanno una taratura molto morbida e improntata al comfort e questo permette di guidare su strade sconnesse senza nemmeno accorgersene. Le finiture interne sono di livello molto alto ed i materiali trasmettono grande qualità al tatto; non vediamo l’ora di provare la versione plug-in per poterle mettere a confronto. Prezzo? Poco più di 58mila euro nell’allestimento 20th Anniversary.

Hyundai Santa Fe

In generale, Hyundai Santa Fe è un veicolo decisamente interessante per chi è alla ricerca di comfort a 360 gradi: dall'autostrada sino alla strade bianche campagnole. Notevole l'insonorizzazione di bordo così come le finiture e il design. Elevati invece i consumi, complice una massa intorno alle 2 tonnellate. Migliorabile invece la console centrale che appare sin troppo simile a quella di Nexo e quindi ricca di comandi analogici.

Pro

  • Comfort generale
  • Insonorizzazione
  • Design
  • Finiture

Contro

  • Consumi elevati
  • Plancia centrale
  • Storage