Ibride e Elettriche

Prova, Peugeot 208 elettrica: raffinata e sportiva

La più seducente delle segmento B elettriche è francese. Peugeot 208 è probabilmente uno dei modelli più interessanti, meglio riusciti e belli da guidare, oggi disponibili tra le compatte da città. In versione elettrica, guadagna ulteriore dinamismo, dato dall’erogazione istantanea di coppia del motore elettrico, che dona maggiore brillantezza e divertimento. L’aspetto estetico, rimane uno degli elementi più apprezzabili.

Le linee sono molto personali: accattivanti, aggressive ma non per questo stucchevoli o prepotenti. Il disegno della carrozzeria è davvero convincente, e fare la differenza sono i dettagli: soprattutto nella zona anteriore, si notano le sagome delle luci diurne che ricordano quasi gli artigli di un leone (non a caso, simbolo di Peugeot..). Al posteriore trovano posto invece i gruppi ottici con spettacolare effetto 3D. Sorprendente, considerando che si tratta pur sempre di una compatta appartenente a un marchio generalista. A Peugeot, bisogna però rendere merito di aver, dalla nuova 508 in poi, iniziato a realizzare vetture davvero ben riuscite.

Un altro aspetto che conferma la qualità della vettura, è l’abitacolo. Completamente riprogettato rispetto alla passata generazione, punta tutto su ergonomica e tecnologia. La posizione dei comandi è rivolta verso il conducente, a cominciare dallo schermo del sistema di intrattenimento di bordo: da 10″, ha grafiche molto chiare ed è ricco di contenuti. La navigazione è chiara e fluida e anche le indicazioni vocali sono date con il giusto tempismo. Non manca la compatibilità con Apple Car Play e Android Auto. Un po’ sottotono invece la definizione della retrocamera: davvero non altezza del resto delle funzionalità.

Vincente la scelta di mantenere numerosi tasti fisici: simili a tasti di pianoforte, si raggiungono facilmente e consentono di navigare tra i vari menù in modo semplice e intuitivo, senza doversi distrarre dalle fasi di guida. Scenografico il quadro strumenti 3D: con un complesso e raffinato sistema, restituisce le informazioni di guida e navigazione quasi come fosse ologrammi. Funzionale ed efficace, è davvero una soluzione unica nel segmento di Peugeot 208.

Lo schema propulsivo di Peugeot 208 elettrica, è comune ad altri modelli dell’ex gruppo PSA. La batteria da 50 kWh alimenta un motore elettrico da 136 Cv: l’accelerazione da 0 a 100 km/h è coperta in 8,1 secondi, mentre la velocità massima è di 150 km/h. Numeri che si traducono in prestazioni brillanti in città, dove le dimensioni compatte consentono di muoversi con grande disinvoltura nel traffico. Grazie al Peugeot I-cockpit (il volante di piccole dimensioni..), l’auto risponde con estrema sincerità ed efficacia alle sollecitazioni dell’automobilista; lo sterzo è leggero e molto preciso, e ciò asseconda una già di per sé ottima agilità.

Piacevole anche la risposta delle sospensioni, che non hanno mai scaricato l’urto sulla schiena degli occupanti. La città rimane l’ambiente ideale della vettura; territorio dove si esalta, è anche il misto. Qui, l’agilità e la buona stabilità, unite alla brillantezza del motore, consentono di togliersi più di qualche soddisfazione al volante. I tratti a scorrimento veloce rimangono quelli più sofferti: a 130 km/h, la 208 soffre e lo si nota sia in termini di insonorizzazione (non buona), sia in termini di autonomia.

Quest’ultimo aspetto, varia a seconda dell’utilizzo dell’auto. In città non è difficile arrivare a percorrere anche 280 km con un pieno di energia, sfruttando le soventi frenate e ripartenze. Il dato deve essere rivisto al ribasso sui tratti a scorrimento veloce: qui è difficile riuscire a raggiungere i 200 km di percorrenza, anche in modalità Eco. I sistemi di assistenza alla guida sono tutti di ultima generazione, ben calibrati aumentano il senso di sicurezza sia attiva sia passiva. Sottotono anche la capacità del bagagliaio, limitata dalla batteria posta sotto il pianale.

La ricarica può avvenire sia in corrente alternata, sia in corrente continua. Nel primo caso, Peugeot 208 supporta fino a un massimo di 11 kW, mentre scegliendo la DC, si possono immettere fino a 100 kW. In questo modo, si recupera fino all’80% di ricarica in circa 30 minuti. Una soluzione utile quando si decide di intraprendere un lungo viaggio, anche se prima di mettersi al volante, è necessaria un’attenta pianificazione. Nella versione elettrica, Peugeot 208 aggiunge ulteriore brillantezza e dinamismo a un prodotto già molto riuscito. Consigliata soprattutto per chi viaggia spesso in città: qui problemi di autonomia non ci sono, e al volante non sarà difficile togliersi più di qualche soddisfazione. Prezzi da 33.850 euro.

Peugeot e-208

In conclusione Peugeot 208 elettrica ci ha sorpreso e segue, sommariamente, le caratteristiche di Opel Corsa-e della quale condivide numerosi aspetti. Apprezziamo lo stile giovanile e audace scelto dagli ingegneri francesi, così come le numerose soluzioni tecnologiche inserite nell'abitacolo. Rivedibile la retrocamera posteriore, vero tallone d'Achille, e l'autonomia in autostrada.

Pro

  • Stile audace e convincente
  • Guida brillante e raffinata
  • Soluzioni tecnologiche per l'abitacolo davvero scenografiche

Contro

  • Definizione della retrocamera sottotono
  • Capacità del bagagliaio ridotta
  • L'autonomia sui tratti a scorrimento veloce scende in modo sensibile