Auto

Stellantis alla conquista del mercato elettrico: numerosi modelli in arrivo

FCA e PSA si sono unite in un matrimonio chiamato Stellantis che promette un futuro brillante per entrambi puntando sulla condivisione delle piattaforme; il gruppo sarà formato da 14 marchi, partendo da brand popolari fino ad arrivare a quelli premium, il tutto unito dal comune denominatore dell’elettrificazione, diviso tra ibridi, plug-in e full electric.

Questa è la ricetta vincente di Stellantis, un’unione che dona vigore a due colossi che rischiavano di perdere opportunità cruciali nei prossimi anni e che ora hanno le possibilità economiche e la volontà per avere successo; brand iconici come Jeep, Alfa Romeo e Fiat saranno affiancati da Peugeot, Citroen e Opel che a loro volta si troveranno a dividere lo spazio con il cavallino rampante della Ferrari.

Non mancano anche nomi come Maserati, Lancia e DS che sono affiancate dalle sorelle oltreoceano di Chrysler Dodge e Ram; il portfolio del marchio è ampio e decisamente convincente che mira al dominio del settore elettrico nei prossimi anni e dovrà vedersela con Tesla e il gruppo Volkswagen.

Proprio con quest’ultimo, la battaglia risulta aperta e feroce in quanto l’obiettivo è diventare uno dei leader sulla piazza EV e dovrà combattere con l’agguerrito colosso tedesco che ha già investito più di 70 miliardi di euro; la gamma Full Electric del nuovo marchio Stellantis conta già 7 modelli ( Peugeot 2008, 208, Opel Corsa, Ds3 Crossback E-tense, Citroën ë-C4 e Opel Mokka) tutti basati sulla medesima piattaforma CMP Multienergy che permette di costruire sia vetture termiche che elettriche andando a facilitare la produzione in larga scala.

L’architettura è francese ed è nata da un progetto in collaborazione con i cinesi di Dongfeng e sarà la base su cui si costruiranno i primi modelli del nuovo gruppo; nella fabbrica polacca di Tichy, dove vengono prodotte le 500 e le Ypsilon, stanno allestendo le linee per la produzione dell’erede della Fiat Punto, del SUV segmento C Alfa Romeo e la piccola di casa Jeep che verrà presentata nel prossimo futuro.

La piattaforma condivisa permette quindi a Stellantis di recuperare terreno nel confronto dei suoi rivali. L’asso della manica è però la piattaforma eVmp, 100 % elettrica sviluppata da PSA e donata a Stellantis; si farà strada dal 2023 per i veicoli medi e grandi;  la strategia del CEO Tavares è quindi quella di sviluppare 2 o 3 piattaforme modulari per i modelli di massa e puntare sulle architetture Maserati per il fronte premium, in quanto il marchio modenese diventerà la punta di diamante del settore E-Tech.