IT Pro

Cresce l’interesse per il networking SDN di Avaya

Avaya punta sulla software transformation nel networking, un approccio con cui si è proposta di creare nuove opportunità per i CIO e i responsabili IT fornendo loro tecnologie di rete che abilitino sensibili risparmi di budget e una parallela crescita dell’efficienza complessiva. La società ha comunicato che sta osservando una crescita molto forte nell'adozione delle sue soluzioni a partire dallo sviluppo della rete Avaya per le Olimpiadi invernali di Sochi 2014.

Il problema per molte aziende, ha evidenziato, è che le reti tradizionali utilizzate oggi dalla maggior parte delle società causano effetti deleteri sul business e sulla carriera molto più di pesanti di quanto si pensi. Inoltre, un sondaggio ha rilevato che un’azienda su 5 ha licenziato un dipendente IT a causa del downtime della rete. Il centro della faglia nelle attuali reti legacy risiede nell’eccessiva complessità, nei protocolli multi-layered delle reti hardware-centric oggi presenti nella maggior parte delle aziende.

L'architettura di rete  Avaya si basa sul concetto SDN e automatizza la gestione della rete

Non deve sorprendere quindi che le aziende vogliano semplificare e migliorare la performance e l’efficienza della rete e dei data center e in tal senso alcuni utilizzatori si stanno muovendo verso implementazioni di Software-Defined Networking.

Ed è proprio quello che Avaya si è proposta di rendere facile con la sua Avaya Fabric Connect Networking, una soluzione che permette, osserva, di semplificare l'ambiente di rete e la sua configurazione nonché automatizzare la rete su base end-to-end.

Nella pratica, ha spiegato Anna Banfi, marketing manager di Avaya, si riducono da oltre 20 ad uno solo i protocolli utilizzati nelle reti legacy, cosa che costituisce una notevole semplificazione dell'ambiente di rete.

Non ultimo, osserva l'azienda, la piattaforma Fabric Connect permette di ridurre gli errori di configurazione perchè si fa carico di distribuire automaticamente i parametri necessari nel momento in cui si attiva un nuovo servizio di rete. Nello specifico, il personale addetto dovrà solo configurare i dispositivi di rete periferici senza dover intervenire sugli switch di backbone.