Tom's Hardware Italia
IT Pro

Microsoft si affida a Webtrends per il testing

L'azienda utilizza Webtrends Optimize per creare un programma di testing allargato

Microsoft ha scelto la soluzione Optimize di Webtrends per costruire un programma di testing per l'intera organizzazione. L'esigenza  derivava dal fatto, ha spiegato l'azienda, che Microsoft gestisce decine di proprietà digitali frequentate da milioni di visitatori ogni giorno. Microsoft.com, l'homepage aziendale, è uno dei siti più visitati al mondo ed è dedicato a una varietà di funzioni, dalla costruzione del brand alle vendite, dal supporto ai prodotti alle notizie.

 Obiettivo di Microsoft era aumentare il coinvolgimento dei visitatori, sostenere le conversioni e costruire una visione olistica del percorso del cliente attraverso un programma di testing all'interno dell'intera azienda.

Surface Pro 3 OPTIMIZE (2)

Agli inizi del 2014, l'azienda ha avviato un processo di selezione per valutare i fornitori di servizi di testing e targeting e ha individuato in Webtrends Optimize la soluzione più adatta a rispondere ai requisiti della sua struttura organizzativa.

Un altro aspetto importante per Microsoft che ha portato alla scelta di Webtrends è stato l'approccio olistico che questa applica al testing. I consulenti di Webtrends sono diventati una vera e propria parte del team Microsoft.

Attualmente, il team di Microsoft dedicato all'ottimizzazione è impegnato nel diffondere il programma di testing all'interno dell'azienda. Il team gestisce direttamente i test per l'homepage microsoft.com e coordina l'uso di Optimize in oltre 20 business unit. Alcuni di questi gruppi utilizzano Webtrends per gestire tutte le aree dell'ottimizzazione, dalla strategia al design, dal copywriting all'esecuzione. Altri, ricorrono al team Webtrends per il supporto e la formazione durante la definizione delle strategie e l'esecuzione dei test usando l'editor visuale, un'interfaccia intuitiva che fa parte di Optimize per la creazione di contenuti e l'esecuzione dei test.

Uno dei test è stato effettuato sulla barra di navigazione nell'homepage. Il processo non è stato semplice: la complessità della barra di navigazione ha comportato attente considerazioni su elementi quali il posizionamento, la tassonomia e le gerarchie. Webtrends doveva isolare ciascun singolo componente per capire con precisione dove vi fossero problemi o vantaggi, quindi iterare e testare nuovamente.

"In questo caso abbiamo dimostrato che test ponderati e iterativi erano il modo migliore per giungere a una barra di navigazione che rispondesse alle esigenze di business senza sacrificare performance e esperienza utente", commenta Joe Worthey, consulente Webtrends per l'ottimizzazione.

Un altro tipo di test è stato effettuato agli inizi del 2015 con l'obiettivo di incrementare gli acquisti online della linea di prodotti Surface di Microsoft. Il team creò una pagina con il nuovo testo implementando un test tramite l'editor visuale per determinare se esso fosse in grado di aumentare il click through rate (CTR) sul tasto "Acquista".

Dopo avere effettuato due test A/B su un periodo di otto giorni, la nuova proposta ha portato ad un incremento del 36% delle conversioni sul tasto "Acquista", del 5,5% del fatturato per transazione per il prodotto Surface Pro 3 e del 9,5% per tutti i prodotti.