Cinema e Serie TV

Crudelia, il nostro incontro con Emma Stone e il cast

Crudelia racconta la storia di uno dei villain più celebri del mondo Disney: Crudelia De Mon, il cui nome in lingua originale è Cruella De Vil.

Il film live action di Crudelia sarà distribuito dal 28 maggio sulla piattaforma di streaming Disney+ con accesso VIP, il che significa che sarà necessario acquistare un biglietto virtuale per poterlo guardare. Per abbonarvi alla piattaforma potete cliccare qui.

La locandina italiana di Crudelia
Crudelia

In attesa dell’uscita del film abbiamo avuto modo di partecipare, anche se solo virtualmente, a una conferenza stampa internazionale a cui hanno preso parte diversi professionisti che hanno contribuito a dare vita a questa pellicola che possiamo considerare un prequel del film di animazione Disney La Carica dei 101, del 1961. Fra di loro, anche il regista Craig Gillespie e le attrici Emma Stone (Estella/Crudelia) ed Emma Thompson (la Baronessa von Hellman).

Crudelia: gli artisti dietro il film

Crudelia è un film il cui impatto visivo è sfolgorante, abbagliante, imponente. Trattandosi di un film incentrato sul mondo della moda, l’attenzione riservata al lato artistico e ai costumi di scena è impressionante. A parlarcene più nel dettaglio sono stati, nella prima parte della conferenza stampa, il regista di Crudelia Craig Gillespie, la costumista Jenny Beavan, la truccatrice Nadia Stacey e la production designer Fiona Crombie. A fare da moderatrice all’evento e a porre le domande, la critica e giornalista Grae Drake. La prima domanda punta immediatamente a eviscerare le ragioni della scelta di un soggetto “difficile” come la cattivissima Crudelia De Mon.

Quale diresti fosse il tuo obiettivo principale facendo questo film su un personaggio principale che è rinomato nella storia per essere uno dei cattivi più malvagi di sempre?

Craig Gillespie I cattivi lo sono sempre così divertenti da rappresentare, perché hai più libertà di fare cose che non sono del tutto appropriate o di superare i limiti e creare questi personaggi straordinari.

Jenny Beavan ha in seguito parlato di come il look di Estella e del suo alter ego Crudelia riflettano in qualche modo la differente natura di questi due aspetti così differenti della medesima persona. Ma anche i capelli e il make up dei due personaggi sono molto differenti. Ne ha parlato Nadia Stacey.

Puoi parlarci di come  capelli e trucco cambiano per te quando lavori a questi due personaggi?

Nadia Stacey Penso che la cosa più importante per me sia che capelli e trucco, ed è una cosa che non si è mai vista prima in un film, siano usati come uno strumento di inganno. Sai, lei deve nascondersi dalla Baronessa. E così, quando vediamo Estella per la prima volta, deve essere credibile che sia una ragazza che sta crescendo in quell’epoca a Londra. E poi sta creando questa persona in Crudelia. E così, quando inizia ad arrivare per la prima volta a questi momenti da tappeto rosso, tutti i make up sembrano quasi elle maschere, perché deve travestirsi. Quindi avevo bisogno che la differenza tra i due look fosse enorme. Hai parrucche del XVIII secolo e un trucco anni ’60, creando così un tale mashup di look!

Estella...
Crudelia

...e Crudelia: un bel cambiamento!
Crudelia

Craig Gillespie ha poi svelato che l’aspetto del personaggio di Artie è ispirato all’estetica di David Bowie, prima di specificare che sapeva che ci sarebbero stati diversi inserti musicali in Crudelia, per cui ha girato alcune scene lasciando spazio anche per la musica.

Abbiamo già visto quanto i look di Estella e Crudelia siano differenti, e questo anche grazie alle parrucche.

Quanto tempo serve per fare i capelli bianchi e neri di Crudelia ogni giorno?

Nadia StaceyEra più facile per la giovane Estella perché avevamo una parrucca fatta per Tipper. Molto più difficile per Emma Stone. Ho avuto solo due parrucche per molto tempo. E così, quando ha una acconciatura con la frangia, la frangia è un pezzo separato, quindi cambiavo i dettagli, li toglievo, li aggiungevo. sarebbe stato più facile con solo uno o due stili. Ma una volta che inizi e hai la libertà creativa di giocare con questi look la domanda era: “Cosa potrò fare dopo? Come posso cambiarlo?

Fiona Crombie ha poi parlato di quanta attenzione dovesse essere posta nei dettagli inquadrati dalla telecamera e della scelta cromatica di determinate scene, che riflette in qualche modo la tematica trattata. Anche l’aspetto di Crudelia riflette quello di chi ha ispirato i suoi look, argomento trattato da Jenny Beavan, vincitrice del Premio Oscar come costume designer di Mad Max: Fury Road.

Chi è la più grande ispirazione per il design di Crudelia de Mon?

Jenny BeavanPenso che lei sia venuta fuori dalla sceneggiatura, in realtà. e dalla storia. Perché sappiamo dove va a finire: Glenn Close, ovviamente. E penso che le ispirazioni siano state varie perché è così diversa in tutti i suoi look. Penso di aver guardato così tante cose, quindi ovviamente Vivienne WestwoodAlexander McQueen e John Galliano, e BodyMap. Ma volevo anche fare un omaggio a questa cosa moderna per cui ci troviamo ora, grazie a Dio, a riutilizzare cose. E questa è l’idea ala base del vestito rosso, che lei crea con un vestito che trova nel negozio vintage di Artie.

È possibile che ci saranno dei contenuti extra di qualsiasi tipo nella versione home video, come scene che non sono state usate?

Craig Gillespie Penso che ci siano forse una o due cose, ma quasi tutto è nel film.

Emma Stone ed Emma Thompson: le protagoniste di Crudelia

Dopo la conclusione della prima parte dell’evento abbiamo assistito a una sessione di disegno dal vivo dell’artista che ha creato gli schizzi artistici per Crudelia, Thom Botwood. In seguito, la conferenza stampa è ripresa con una esaustiva intervista a Emma Stone, che interpreta Estella/Crudelia, ed Emma Thompson, la gelida baronessa.

Crudelia

La storia raccontata nel film è a tinte a tratti piuttosto fosche, ed Emma Stone ha manifestato il proprio apprezzamento per il fatto che Disney abbia lasciato agli artisti la libertà di trattare anche le tematiche più oscure.

Sei rimasta sorpresa da quanto Disney ha permesso che questo film fosse deliziosamente oscuro?

Emma StoneLo sono. Voglio dire, Craig e Tony hanno scritto e fatto quello che volevano fare. E penso che sia decisamente oscuro per un film Disney. Un po’ come un tipo di film R-Rated davvero intenso. Era più oscuro di quanto abbia visto in un film Disney da molto tempo.

La domanda seguente è stata invece rivolta a Emma Thompson:

La Baronessa è nuova in questo universo, ed è favolosa e anche un incubo vivente. Com’è stato il processo per crearla?

Emma ThompsonOh, beh, sai, ho attinto alla mia vita, ovviamente. Voglio dire, penso che se mio marito fosse stato nella stanza avrebbe detto: “E non serve recitare, davvero”. È stato così divertente farla, perché penso di aver chiesto per parecchi anni se potessi essere una cattiva, una vera e propria furfante. Tutti hanno creato la baronessa, e poi sono intervenuta e ho solo recitato le parole.

Gli abiti del film Crudelia sono strepitosi, ma non sono certo comodi da indossare.

Quali sono gli aspetti pratici nell’indossare queste incredibili creazioni?

Emma Thompson La mia biancheria intima era come il sistema di corde di una nave; era perfino difficile andare alla toilette. Anche le scarpe sono state una vera sfida, perché non indosso niente di più alto degli infradito nella vita reale. La biancheria intima però è stata una grande prova. Se hai carne, allora quello che puoi fare è prendere la carne e stringerla nel mezzo. Va su e giù, come il dentifricio nel tubetto. Quindi puoi davvero creare forme piuttosto estreme, e questo è davvero molto divertente. Non è straordinariamente comodo al centro del tubetto di dentifricio, ma la nostra meravigliosa sarta e designer, Jenny Beavan, si è divertita così tanto solo tirando il corsetto, rendendolo abbastanza stretto, in modo che pezzi di me potessero schizzare fuori dalla parte superiore del costume. E poi si spingevano di nuovo un po’ dentro, venivano fori di nuovo e li rischiacciavano dentro.

Crudelia

Ma anche gli abiti indossati da Crudelia sono eccentrici ed eccessivi, quasi surreali. E ce n’è uno in particolare che ha colpito particolarmente Emma Stone.

Qual è stato l’abito più folle che hai indossato come Crudelia di cui sei così orgogliosa che ti ha fatta sentire Crudelia de Mon al cento per cento?

Emma Stone Il mio vestito preferito è il vestito che indosso sul camion della spazzatura. Non potresti mai indossarlo nemmeno lontanamente nella vita reale! Ma, ad essere onesta, c’era anche quello folle con la gonna con cui copro la macchina. E anche quello è stato epico. Cercando di salire su un’auto e poi coprire un’intera macchina con un movimento della gonna è stato semplicemente fantastico!

Al che Emma Thompson ha replicato che Emma Stone ha dovuto ripetere la scena “un milione di volte, perché era difficile“. Deve essere stato difficile anche interpretare due personaggi così diversi fra loro, sia esteticamente che caratterialmente, come Estella e Crudelia.

Tra Estella e Crudelia, quale personaggio preferisci per te stessa, e quale personaggio è stato più una sfida per te?

Emma Stone C’è una sorta di rifiuto di Estella che arriva a un certo punto. Estella è dolce, ma non è completa. Quindi direi che c’è qualcosa in Crudelia di piuttosto allettante, perché lei è semplicemente ciò che è. È in piena accettazione e autonomia. Quindi sono un po’ interessata a quel mondo Crudelia. Detto questo, lei fa alcune cose, oltrepassa alcuni limiti che non credo di dover necessariamente oltrepassare. Ma a essere onesta, io preferisco Crudelia.

Emma Stone ha poi risposto a una domanda che riguarda il suo personaggio, la baronessa, e il suo rapporto con Estella/Crudelia.

Puoi parlare di come hai affrontato il rapporto della baronessa con Estella?

Emma Thompson È indurita, completamente, e crede nella durezza. Pensa che sia l’unico modo. Come Emma, sono molto interessata al lato oscuro di un personaggio femminile, perché è permesso così raramente a questi personaggi di essere oscuri. Sai, dovremmo tutte essere carine e buone, non è vero? La baronessa è risoluta, e lei dice questa cosa meravigliosa , dice: “Se non fossi stata risoluta, avrei dovuto mettere il mio genio nel cassetto”, come tante altre donne di genio, che sono morte senza produrre nulla e senza usare il loro genio. Quindi mentre, come dice Em, non percorrerei necessariamente quel sentiero, il suo impegno per la sua creatività è piuttosto ammirevole, e difficile, probabilmente.

Crudelia

Emma Stone ha proseguito parlando anche del fatto che il modo migliore per rappresentare sullo schermo un cattivo non è quello di pensare a quel personaggio come il cattivo.

Emma Stone Pensi che qualcuno di malvagio cammini nel mondo pensando di essere malvagio? Voglio dire, non credo proprio. Credo che pensino di aver ragione. Quindi chi cammina pensando qualcosa tipo: “Sono il cattivo”. Non ha davvero senso per interpretare un essere umano. Ma forse per interpretare un qualche tipo di robot.

Il personaggio della Baronessa sembra essere semplicemente freddo, ma è più profondo di quanto potrebbe sembrare.

Hai tratto ispirazione da qualcuno in particolare?

Emma ThompsonLa mia esperienza di persone davvero meschine e narcisiste in quel modo è piuttosto rara. Ma ce ne sono abbastanza nel mondo dello spettacolo. Non farò nomi. E suppongo che la baronessa sia una miscela di tutti i tipi di persone. Venale, lei è piuttosto venale. È come se non potesse sopportare che qualcun altro possa avere successo. Deve distruggere tutta la concorrenza. Quindi, in effetti, appare e si presenta come questa personalità molto forte, ma in effetti, ovviamente, è molto debole e contiene i semi della sua inevitabile distruzione, perché non può riconoscere il talento in nessun’altra persona. Quindi, quando finalmente vede qualcuno che è non solo talentuoso, ma in realtà più talentuoso di lei, e più giovane e più bella di lei, lei lo trova davvero molto difficile.

Emma Stone ha poi parlato di come è stata scelta per interpretare Crudelia e del processo di gestazione del film.

Emma Stone Non è stato così semplice come ricevere una telefonata per interpretare Crudelia. È stato sei anni fa. Voglio dire che è passato molto tempo prima che girassimo il film. C’era una specie di idea. Sai, Disney ha tutte questo IP, tutti questi personaggi, e ci sono stati alcuni brainstorming. E in realtà è stato un processo di circa quattro anni e scrittori diversi e cose diverse si sono succeduti, e sembrava davvero che non avremmo mai potuto fare il film di Crudelia. Ho pensato di prenderla e metterla negli anni ’70 ed è tanto Crudelia quanto lo è Crudelia della Carica dei 101. Quindi credo che una volta che Craig e Tony sono saliti a bordo è diventato tutto molto eccitante, e così è stato tipo: “Oh mio Dio, stiamo facendo Crudelia. È incredibile!“.

Crudelia

Crudelia è un personaggio sfaccettato, che fa del suo dualismo il proprio punto focale, come anche lo è la lotta costante fra i punti deboli e quelli più forti del carattere di questo affascinante personaggio, che riesce, parafrasando Emma Stone, a trasformare le proprie debolezze in punti di forza, in qualche modo. L’attrice ha poi proseguito spiegando che anche la sua crudeltà può essere vista un po’ come un punto di forza, poiché in essa il personaggio di Crudelia dimostra forza, e non debolezza.

Con Emma Stone, Emma Thompson, Joel Fry, Paul Walter Hauser, Emily Beecham, Kirby Howell-Baptiste e Mark Strong, Crudelia sarà proiettato nelle sale italiane dal 26 maggio e dal 28 maggio in streaming su Disney+ con Accesso VIP. Indossate questo bellissimo top che fa parte del merchandise ufficiale di Crudelia. Lo trovate qui su Amazon.