Cinema e Serie TV

The Batman: Robert Pattinson parla dei suoi predecessori

In questo periodo di lockdown con tutte le produzioni ferme a causa dell’emergenza sanitaria provocata dall’epidemia di Coronavirus, molti attori e registi stanno concedendo lunghe interviste per parlare dei loro progetti sospesi o in attesa di debuttare non appena la situazione non si sarà definitivamente sbloccata. È questo il caso di Robert Pattinson, novello Bruce Wayne e Batman, che ha concesso una lunga intervista a GQ in cui ovviamente ha toccato anche l’argomento The Batman, il film diretto da Matt Reeves, che lo vedrà indossare i panni dell’iconico eroe DC.

L’attore, che ha pochi giorni fa compiuto 34 anni, si è soffermato nello specifico sulle interpretazioni precedenti dell’eroe.

The Batman

Pattinson ha detto infatti che ha rivisto recentemente Batman and Robin e guardando i contenuti speciali del film è rimasto sorpreso di come George Clooney già nel 1996/1997 avesse timore della tradizione di attori venuta prima di lui. Fra Christian Bale e Ben Affleck, spiega Pattinson, il punto è che le critiche fanno parte di questa eredità.

L’attore ha poi confessato che poche cose nella vita possono appassionare ancora prima di iniziarle e The Batman è stata una di queste. Interpretare Batman è qualcosa che dà energia, è diverso da qualsiasi ruolo perché è difficile che passi inosservato e questo spinge a dare il massimo sia dal punto di vista fisico che mentale.

Qualche settimana fa il regista Matt Reeves ha spiegato che The Batman non sarà una storia sulle origini ma che comunque saranno parte integrante della narrazione in quanto hanno contribuito a rendere Batman il personaggio che vedremo sullo schermo. Bruce Wayne è in difficoltà e sta lottando per superare una serie di ostacoli e un trauma. Il che non significa necessariamente che comprenda quello che ha inevitabilmente messo in moto: Batman si sta ancora “formando”. Al centro c’è l’idea della parte più recondita di sé stessi e quello che guida ognuno di noi nella vita… quanto questi due fattori possono essere sfruttati anche se non si riesce a pieno a comprenderli. Ci sarà molta psicologia ed emotività che saranno elementi che verranno esplorati insieme alla corruzione che dilaga a Gotham che è un tema quanto mai rilevante. ed oggi particolarmente sentito più che in altri momenti storici.

Sul tono del film era invece intervenuto Andy Serkis che interpreterà Alfred in The Batman definendolo “oscuro”.

In attesa dell’arrivo di The Batman recuperate la trilogia di Christopher Nolan in un unico cofanetto blu-ray cliccando QUI.