Tom's Hardware Italia Tom's Hardware
CPU

Core i7-9700K, spunta la recensione di un engineering sample

Il sito El Chapuzas Informático è entrato in possesso di un engineering sample del futuro Core i7-9700K e ne ha pubblicato una recensione con più o meno un mese di anticipo sulla presentazione della famiglia Intel Core di nona generazione.

Il Core i7-9700K è un processore a 8 core senza Hyper-Threading, con una frequenza base di 3,6 GHz e un Turbo boost massimo di 4,9 GHz su un singolo core. Il Turbo boost con tutti i core attivi si ferma invece a 4,6 GHz. Per il resto il processore offre 12 MB di cache L3, una GPU integrata HD Graphics 630, 16 linee PCI Express 3.0 e ha un TDP di 95 watt.

Intel Core i7 9700K

Il sito ha accoppiato il Core i7-9700K a una scheda madre Z390 non ancora annunciata, un paio di moduli G.Skill TridentZ a 3600 MHz e una MSI GeForce GTX 1070 Gaming Z.

Per quanto riguarda i test sintetici (ne mostriamo un paio, andate alla recensione per gli altri), il 9700K si è posizionato davanti all'8700K e al Ryzen 7 2700X in wPrime single-thread, mentre è finito dietro alle due CPU nella versione multi-thread.

Intel Core i7 9700K Benchmarks 01
Intel Core i7 9700K Benchmarks 03

Il Core i7-9700K finisce dietro a Ryzen 7 2700X e 1700X in Cinebench 15 x64 e nel test sulla memoria di AIDA, mentre è davanti al top di gamma AMD in x264, ma la differenza è risibile. Il processore si è comportato meglio nei test grafici sintetici e nei giochi, anche se in tutta onestà appare solo marginalmente più rapido di un 8700K.

Intel Core i7 9700K Juegos 02
Intel Core i7 9700K Juegos 03

Il sito è riuscito a portare il sample a 5 GHz con tutti i core attivi e 1,4 volt, usando un sistema di raffreddamento Corsair H80i GT. Un risultato inferiore a quello ottenuto su altri sample, a dimostrazione che non solo l'OC è una "lotteria", ma anche che i test su un engineering sample potrebbero non essere del tutto indicativi delle soluzioni commerciali.

Insomma, pur dandoci un'occhiata, prendeteli con cautela: BIOS, driver e altri particolari potrebbero cambiare il comportamento prestazionale del chip da qui al debutto.