Software

macOS Big Sur: novità e Mac compatibili

Durante il WWDC 2020, Apple ha presentato non poche novità: abbiamo visto iOS 14, il nuovo macOS, iPadOS 14, WatchOS 7 e soprattutto Apple Silicon. Quest’ultimo è probabilmente l’annuncio più interessante per gli appassionati di hardware: da qui a due anni i Mac abbandoneranno i processori Intel, per passare a dei SoC progettati internamente da Apple e basati su architettura ARM. 

Il nuovo macOS Big Sur, questo il nome in codice, non si farà certo trovare impreparato: l’OS abbandona l’iconica “X” a cui ci siamo abituati negli ultimi anni, passa alla versione 11.0 e integra nativamente la compatibilità con Apple Silicon, così da supportare al meglio sia i futuri Mac che i Developer Transition Kit: si tratta nello specifico di Mac Mini dedicati agli sviluppatori, che integrano al loro interno un SoC A12Z, 16GB di memoria RAM e un SSD da 512GB. Le app sviluppate direttamente da Apple saranno subito aggiornate per supportare i SoC ARM Apple Silicon, ma gli sviluppatori avranno bisogno di questo kit per poter aggiornare i loro software.

Ovviamente macOS Big Sur supporterà anche gli attuali Mac con CPU Intel; il CEO Tim Cook ha assicurato che i PC marchiati Apple riceveranno ancora diverse versioni di macOS prima di vedere la fine del supporto.

Le novità

Com’è lecito aspettarsi da una nuova “Major Release”, macOS Big Sur include anche tante altre novità oltre al supporto ad Apple Silicon. Abbiamo ad esempio una dock e un centro notifiche ridisegnati, barre laterali all’interno di alcune app come Foto e Mail e tante novità per l’applicazione Messaggi, che arriva ad avere le stesse funzionalità che ritroviamo su iPhone e iPad come discussioni, messaggi di gruppo migliorati, menzioni e possibilità di bloccare le conversazioni in alto.

L’aggiornamento più importante vede protagonista il browser web Safari. Una delle novità più interessanti è un migliore supporto alle estensioni, che saranno sempre disponibili al download tramite il Mac App Store. A questo proposito Apple ha annunciato il supporto all’API WebExtensions, che dovrebbe semplificare di molto il porting delle estensioni sviluppate per altri browser, come Chrome e Firefox. Non mancano i miglioramenti in termini di prestazioni: la nuova versione del browser è infatti fino al 50% più veloce di Chrome.

Abbiamo poi novità anche in merito a privacy e sicurezza: la nuova versione di Safari avrà infatti maggiori funzionalità di protezione dei dati, tra cui un sistema di prevenzione del tracking che sarà in grado di produrre un report settimanale, grazie al quale potremo tenere traccia dei tracker che sono stati bloccati.

Tra le nuove funzionalità del browser web abbiamo poi un traduttore integrato, che permetterà di tradurre intere pagine web con un semplice click, una nuova pagina iniziale personalizzabile e un sistema di gestione delle schede ridisegnato e migliorato.

Da non dimenticare anche una novità che interessa le AirPods, le popolari cuffie true wireless di Apple, che grazie a macOS 11.0 Big Sur saranno in grado di passare da un dispositivo Apple a un altro in maniera rapida. La nuova versione del sistema operativo porta con sé anche un sistema di ricarica della batteria ottimizzato, aggiornamenti più veloci e la presenza di widget ridisegnati, ora disponibili in diverse dimensioni.

Chiudiamo con il software Mappe, completamente ridisegnato per macOS Big Sur. Ora è possibile sfruttare la funzionalità Guide per ottenere informazioni da fonti verificate su cose da fare e luoghi da scoprire, oppure creare itinerari personalizzati di parchi, ristoranti e luoghi di svago preferiti, che possono poi essere condivisi facilmente con amici e familiari. La funzionalità Look Around permette di avere una vista a 360 gradi del posto, inoltre è possibile ottenere mappe dettagliate degli interni di aeroporti e centri commerciali. L’integrazione nell’ecosistema Apple permetterà di pianificare itinerari di viaggio in bici e con veicoli elettrici direttamente sul Mac, per poi trasferirli su iPhone per averli sempre a portata di mano.

Quali sono i Mac compatibili?

In apertura vi abbiamo riportato come Tim Cook abbiamo voluto sottolineare che anche i Mac con CPU Intel saranno compatibili con il nuovo macOS 11.0 Big Sur, ma quali sono i modelli precisi? Qui sotto vi lasciamo un elenco che potete consultare rapidamente.

  • MacBook: 2015 o successivi;
  • MacBook Air: 2013 o successivi;
  • MacBook Pro: Late 2013 e successivi;
  • Mac Mini: 2014 e successivi;
  • iMac: 2014 e successivi;
  • iMac Pro: 2017 e successivi;
  • Mac Pro: 2013 e successivi.