Software

Voxloud, le PMI affrontano lo smart working in modo efficiente con il centralino in cloud

Voverc si rinnova con la volontà di posizionarsi agli occhi del mercato come soluzione unica per tutte le PMI italiane. La prima azienda in Italia a sviluppare e vendere sul mercato una soluzione di centralino telefonico interamente in cloud diventa Voxloud, presentando nuovi prodotti in grado di supportare le aziende che si stanno affacciando al mondo dello smart working e vanno incontro ad alcune difficoltà.

Il lockdown ha fatto capire alle persone che per molti lavori non è necessario essere ogni giorno in ufficio, e uno strumento come il centralino in cloud aiuta sicuramente ad organizzare al meglio il lavoro agile” – spiega Leonardo Coppola, co-founder di Voxloud.

Il cambio nome non porta però a cambiare l’obiettivo. Voxloud persegue sin dalla nascita nel 2015 la volontà di rendere sia più accessibile economicamente che più user friendly nell’utilizzo, un simile strumento anche alle piccole PMI che vogliono avere un profilo professionale con i propri clienti, attraverso l’uso di un centralino. Voxloud rappresenta infatti una soluzione estremamente versatile e alla portata di tutti. Un centralino basato sul cloud che si può attivare in soli 59 secondi e che pone un’estrema attenzione all’esperienza utente in tutte le sue fasi. Rapidità, velocità, nessun montaggio richiesto da parte di un tecnico e nessuna formazione del personale necessaria per l’utilizzo. Questi i punti di forza di Voxloud rispetto ad altri centralini aziendali e che si sta dimostrando essere una soluzione rapida e sempre più al passo con il processo di digitalizzazione che stiamo tutti vivendo in modo più accelerato.

Lo attestano anche le vendite, aumentate nell’ultimo periodo del +27% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, un segno molto chiaro di come le attuali tecnologie permettano a chiunque di vedere un centralino full VoIP come qualcosa di lontano e inaccessibile, ma anzi come una proposta concreta e alla portata di tutti. “Si tratta di un sistema molto comodo e facilmente accessibile all’utente finale, che può personalizzarlo autonomamente in ogni aspetto. In più essendo in cloud permette di non dover essere in ufficio o in negozio per rispondere al telefono e di poter gestire da remoto gli ordini. Una soluzione particolarmente efficiente anche per tante attività commerciali” – prosegue Leonardo Coppola.

Nuove funzionalità per potenziare l’esperienza in cloud delle PMI

Ad oggi le prime funzioni integrate nel centralino cloud di Voxloud riguardano l’integrazione dello stesso con il CRM dell’azienda e che permette quindi di avviare, eseguire e tenere traccia delle chiamate del centralino direttamente dal CRM usato. Per il momento vengono infatti supportati i servizi usati dai software più utilizzati di CRM e marketing automation ovvero: Intercom, Salesforce, Zoho, Hubspot, Keap, Zendesk e Google Contacts. C’è poi la possibilità di personalizzare la coda delle chiamate, dal sottofondo musicale al messaggio inviato, oltre al poter scegliere quanto tempo mantenere una chiamata in coda e chi dovrà rispondere. La nuova funzione Numero Verde permette di configurarlo autonomamente e senza costi di attivazione o costi fissi mensili, in quanto il servizio è totalmente ricaricabile direttamente dal proprio pannello di controllo. In ultimo è in fase beta la funzione di videoconferenza, che permette di poter gestire in modo autonomo le videochiamate attraverso un’interfaccia user friendly e dotando ogni utente del centralino Voxloud di una stanza virtuale dedicata, con URL condivisibile in qualsiasi momento per poter invitare i vari partecipanti.

Scelte che vanno ancora di più nella direzione intrapresa da Voxloud fin dalla sua nascita, ovvero quella di costruire un sistema di centralino cloud che fosse verticale sulla sola comunicazione aziendale oltre che aperto e facilmente integrabile con altri software, mentre la maggior parte dei sistemi oggi disponibili sono chiusi e non personalizzabili a seconda delle proprie esigenze.

La prossima sfida: l’apertura del canale rivenditori

Ora ci apriamo al canale indiretto di vendita (dai system integrator fino ai service provider) fornendo ai rivenditori una piattaforma pronta all’uso e adattabile a qualsiasi operatore telefonico, senza necessità di investimenti in tecnologie grazie al cloud.” Si tratta di una scelta matura, oltre a rappresentare un segnale di crescita della startup dopo 5 anni di attività. “Siamo partiti nel 2015 con una piccola grande ambizione: quella di contribuire a rivoluzionare e far stare al passo con i tempi il settore delle telecomunicazioni in Italia” – conclude Leonardo Coppola – “È un percorso in divenire ma se all’inizio ci siamo scontrati con diversi ostacoli, tra i quali la diffidenza degli investitori e la pigrizia delle aziende a passare ad un sistema in cloud, oggi invece vediamo che c’è sempre più presa di coscienza da parte anche delle piccole e medie imprese, come degli esercizi commerciali, che la digitalizzazione è il presente e non più il futuro.