Tom's Hardware Italia
Software

Windows 7, brutte notizie per i giocatori: niente più aggiornamenti di sicurezza dal 2020

Il 14 gennaio del 2020 Microsoft terminerà il supporto esteso per Windows 7, non distribuendo più aggiornamenti di sicurezza. Tra un anno dunque i videogamer che vogliano giocare in sicurezza dovranno considerare il passaggio a Windows 10.

Microsoft ha annunciato che il supporto esteso per Windows 7, che garantisce cioè i soli aggiornamenti di sicurezza, terminerà il 14 gennaio 2020. Dopo quella data i videogamer che vogliano giocare in sicurezza dovranno per forza prendere in considerazione il passaggio a Windows 10.

Windows 7 è un sistema ormai datato da un punto di vista temporale. Rilasciato nel 2009, non riceve più aggiornamenti funzionali dal 2015, ma è stato uno dei più apprezzati dagli utenti e ancora oggi è molto utilizzato dai gamer. Su Steam infatti risulta al secondo posto con una quota del 26,08%, mentre Windows 10 è ormai al 64%.

Fino ad oggi gli utenti più nostalgici, quelli con macchine un po’ meno potenti o semplicemente quelli che apprezzano tuttora la leggerezza e la responsività di Windows 7 hanno avuto comunque gioco facile, perché appunto il cosiddetto periodo di supporto esteso, ha garantito la sicurezza del sistema operativo.

Tra un anno però tutto cambierà e bisognerà fare i conti con un OS molto meno sicuro man mano che i mesi passeranno. Entro il 14 gennaio 2020 dunque in molti dovranno prendere una decisione drastica: giocare esclusivamente in locale, isolando la propria macchina dal Web, oppure passare a Windows 10. Voi cosa farete?

È il costo di Windows 10 a frenarvi? Se vi accontentate del download del solo sistema operativo, rinunciando al packaging fisico, acquistare la licenza di Windows 10 Home a 32 o 64 bit costa solo 49 euro.