IA più intelligente delle persone, manca pochissimo: parola di Musk

Elon Musk, fondatore di SpaceX e CEO di X, prevede che l'intelligenza artificiale sarà più intelligente di qualsiasi essere umano entro il 2025

Avatar di Marco Silvestri

a cura di Marco Silvestri

Editor

Elon Musk ha recentemente rilasciato dichiarazioni che alimentano il dibattito sull'avanzamento dell'intelligenza artificiale e sui suoi possibili risvolti. In risposta a un episodio del podcast "Joe Rogan Experience", che vedeva ospite il futurista Ray Kurzweil, Musk ha predetto che l'AI supererà l'intelligenza di qualsiasi essere umano entro il 2025, e quella dell'intera umanità entro il 2029.

Durante il podcast, Kurzweil ha condiviso la sua visione secondo cui l'intelligenza artificiale al livello umano diventerà realtà entro il 2029, affermando di essere considerato conservativo nelle sue previsioni. Elon Musk, tuttavia, si è spinto oltre, suggerendo che già nel prossimo anno l'IA potrebbe superare l'intelligenza di qualsiasi singolo individuo, e che entro il 2029 potrebbe eccellere oltre ogni capacità umana combinata.

L'AGI sarebbe indistinguibile da un essere umano in termini di conversazione e capacità, ma con un'efficienza molto maggiore

Musk non è nuovo a proclami audaci riguardo l'IA. Già nel novembre del 2023, aveva condiviso la sua visione di un futuro in cui l'AI "farà tutto", descrivendola come "la forza più dirompente nella storia" durante una discussione con il Primo Ministro britannico Rishi Sunak al Summit sulla Sicurezza dell'AI. Secondo Musk, l'accelerazione dell'IA supera di gran lunga quella di qualsiasi altra tecnologia nella storia, crescendo in capacità di un fattore cinque o dieci all'anno.

Le discussioni tra Kurzweil e Musk si concentrano sull'intelligenza generale artificiale (AGI), significativamente diversa dalle IA attualmente note, come i modelli di linguaggio avanzati, i chatbot o i generatori di arte. L'AGI, per come viene definita, sarebbe indistinguibile da un essere umano in termini di conversazione e capacità, ma con un'efficienza molto maggiore e senza bisogno di pause per mangiare, dormire o rilassarsi.

Mentre alcuni temono l'ascesa dell'AGI, altri, come Sam Altman, fondatore e CEO di OpenAI, la vedono come la tecnologia più potente mai inventata dall'umanità, promettendo un mondo trasformato dalla riduzione dei costi e dall'aumento della qualità dell'intelligenza. Indipendentemente dalle tempistiche previste, la maggior parte degli esperti concorda sul fatto che ci troviamo sull'orlo di una rivoluzione AGI, segnando un punto di svolta nella storia dell'intelligenza umana e artificiale.