Android

Asus ROG Phone mostra i muscoli al test di resistenza

Asus ROG Phone – il potente smartphone pensato per il mondo gaming – è passato sotto le grinfie del noto Youtube JerryRigEverthing che l’ha sottoposto alle sue solite torture per verificare il grado di resistenza. Il dispositivo non si è fatto trovare impreparato passando il test a pieni voti.

Rog Phone è protetto frontalmente dal vetro Gorilla Glass 5 che inizia a graffiarsi a partire dal livello 6 della scala di Moh, con scanalature più profonde al livello successivo. Si tratta di un risultato in linea con i dispositivi che appartengono allo stesso segmento. Per intenderci, iPhone Xs e Samsung Galaxy Note 9 hanno raggiunto lo stesso risultato.

La parte posteriore dello smartphone realizzata prevalentemente in vetro ha resistito bene ai graffi così come i sensori della fotocamera posteriore, il sensore biometrico e il logo RGB. Nemmeno l’AeroActive Cooler – la ventola esterna per il raffreddamento che assicura una diminuzione della temperatura di circa 4 gradi. Quest’ultima presenta un pannello posteriore in plastica che – si sottolinea nel video – è uno dei peggiori materiali termicamente conduttivi.

Durante la prova di esposizione al calore, i pixel del display AMOLED da 6 pollici hanno cominciato a spegnersi – mostrando una striscia bianca – senza tornare poi alla normalità. Infine, non è mancato il temuto bend test durante il quale lo smartphone viene piegato esercitando una forte pressione. Il ROG Phone è sopravvissuto anche a questo nonostante qualche piccola flessione e qualche strano rumore.

Insomma, possiamo affermare che ha superato brillantemente le prove a cui è stato sottoposto. Oltre ad avere potenza da vendere grazie alla presenza di una piattaforma hardware da top di gamma, Asus ROG Phone – di cui potete leggere la nostra recensione qui – si è mostrato anche molto resistente a testimonianza dell’ottimo lavoro fatto dal produttore taiwanese.

Asus ROG Phone è disponibile sul sito ufficiale a 899 euro con 8 GB di RAM e 128 GB di storage. Lo trovate a questo link.