Android

Honor V40 è ufficiale: primo smartphone dopo l’addio a Huawei, tornano i servizi Google?

Honor V40 è stato ufficialmente presentato nelle ultime ore in Cina, con la presentazione che ha acquisito una doppia valenza. Da una parte infatti, si tratta del primo smartphone dell’azienda ad arrivare dopo la separazione da Huawei e dall’altra potrebbe segnare il ritorno dei Google Mobile Services, finora sostituiti dagli HMS.

Honor V40

È importante sottolineare come l’Honor V40 è stato in gran parte sviluppato quando Honor si trovava ancora sotto l’ala del colosso cinese, con molte tecnologie ereditate dalla ormai ex casa madre e linee di design ispirate ai prodotti Huawei. La prima somiglianza che salta subito all’occhio è la presenza di una doppia fotocamera anteriore con una forma identica a quella vista sul P40 Pro, così come posteriormente, l’alloggiamento delle fotocamere presenta un aspetto simile al top di gamma Huawei. Sicuramente si tratta comunque di un notevole passo avanti rispetto alla precedente generazione.

Honor V40

Passando alle caratteristiche del display, troviamo un pannello OLED molto impegnativo da 6,72 pollici esaltato dalla presenza di un refresh rate da 120Hz e dalle curvature presenti ai lati, assieme ad una frequenza di campionamento del touch pari a 300Hz. È presente anche il supporto all’HDR10. I doppi altoparlanti implementati all’interno del device vanno a migliorare invece ulteriormente l’esperienza di ascolto durante la visione di un filmato o mentre si sta affrontando una sessione di gaming.

Una novità molto importante è poi nascosta sotto la scocca: lo smartphone utilizza un processore Mediatek Dimensity 1000, non di ultimissima generazione, al posto di un SoC Kirin, utilizzato invece nei modelli passati. Honor ha accoppiato il SoC a 8GB di RAM e 256GB di memoria interna. La separazione tra i due brand è dunque evidente anche nella scelta del fornitore dei nuovi processori. Anche la batteria non sembrerebbe essere niente male, vista l’unità da 4.000mAh con supporto alla ricarica rapida via cavo da 66W ma anche a quella wireless da 50W.

Honor V40

Per quanto riguarda il comparto fotografico posteriore, troviamo un sensore principale da 50MP, affiancato da un ultrawide da 8MP ed un sensore macro da 2MP. Frontalmente, invece, trovano spazio un sensore primario da 16MP ed un sensore secondario utile a rilevare la temperatura colore. Il nuovo top di gamma dell’azienda è basato su Android 10 con interfaccia proprietaria Magic UI 4.0.

Considerato che le vendite sono, al momento, esclusive per la Cina, dove non è possibile accedere ai servizi Google, non possiamo fornire una risposta sulla possibilità che i device Honor siano già in grado di tornare ad utilizzare il sistema di servizi del colosso di Mountain View. La risposta potrà arrivare solo nel momento in cui lo smartphone sarà distribuito anche sul mercato internazionale ma, stando a quanto riportato nelle scorse settimane, è molto probabile che sia questo device come quelli che arriveranno in futuro possano contare sui Google Mobile Services.

Honor V40

Le vendite dell’Honor V40, almeno in questa fase, saranno limitate alla Cina con prezzi a partire da 3.599 yuan (circa 450 euro) per la versione da 128GB e 3.999 yuan (circa 500 euro) per la variante da 256GB. Tre le colorazioni disponibili al lancio: Magic Night Black, Titanium Silver e Rose Gold, pensata principalmente per un pubblico femminile.

Su Amazon puoi trovare l’ottimo medio di gamma, il Realme 7 Pro con 8GB di RAM e 128GB di memoria interna, in offerta, con uno sconto del 22%. Clicca qui.