Smartwatch

Huawei Watch GT 3 recensione, lo smartwatch elegante adatto a tutti?

Se da una parte stiamo assistendo a un sempre più costante appiattimento del mercato smartphone, il settore smartwatch continua invece a entusiasmare. Sia per le varie opzioni di design a disposizione delle aziende, sia per le diverse categorie d’uso nelle quale i produttori possono cimentarsi, il mercato degli orologi intelligenti è sempre più in fermento.

Non è però facile per le case produttrici andare a trovare il giusto equilibrio quando si tratta di presentare sul mercato un nuovo smartwatch, con il rischio di non saper mixare le varie anime (sportiva e smart) e proporre all’utente una via di mezzo non poi così soddisfacente. Questo Huawei Watch GT 3, protagonista della recensione odierna, saprà rappresentare il giusto compromesso?

Huawei Watch GT 3

Estetica e costruzione

Essendo gli smartwatch dei prodotti sempre costantemente al nostro polso, uno degli aspetti più importanti da valutare è certamente la cura estetica e il design. In questo ambito Huawei Watch GT 3 si dimostra come un prodotto in grado di saper unire l’animo sportivo ed elegante (seppur più sbilanciato verso il primo), con una costruzione e una piacevolezza durante l’uso veramente ai vertici della categoria.

Huawei Watch GT 3

Se da un lato non sono un grande fan di questo cinturino in silicone (dotato però di sistema di sgancio/aggancio rapido da 22mm) che tende a trattenere troppo la polvere e i segni durante l’utilizzo, devo dire che tutti gli altri elementi di design di questo prodotto convincono, e non poco. Il riferimento va certamente al corpo in alluminio, solido e resistente, ma anche alla qualità dei due tasti funzione laterali (di cui uno in grado di ruotare ed essere quindi adatto all’iterazione e navigazione a scorrimento dei vari menù), per una resa generale quindi promossa a pieni voti.

Huawei Watch GT 3

La parte inferiore dell’orologio è dove invece trova posto la sensoristica dedicata all’analisi dei nostri parametri di salute (ne parleremo meglio più avanti nella sezione dedicata di questa recensione) e dove va innestato il caricatore magnetico per ricaricare la batteria.

Watch GT 3 funziona con smartphone non Huawei?

Ho voluto dividere questa sezione della recensione in più parti, avendo avuto occasione di provare questo Huawei Watch GT 3 sia con un terminale Huawei sia con un iPhone, per scoprire se potesse o meno rappresentare un’alternativa valida ad Apple Watch.  In questo modo potrete vedere le differenze durante i diversi approcci e quali siano invece le parti comuni per scoprire come effettivamente questo smartwatch si possa comportare nella vita di tutti i giorni.

Huawei Watch GT 3 con un terminale Huawei

Il nuovo corso software di Huawei si sa, è basato ormai sul nuovo software HarmonyOS. Anche per gli smartwatch del brand trova quindi posto la nuova personalizzazione, con tante opzioni dedicate e studiate proprio agli indossabili.

Alcune di queste opzioni vedono però esclusiva prerogativa dell’utilizzo in abbinata con uno smartphone in grado di offrire la possibilità di installare gli HMS (Huawei Mobile services) in abbinata con l’applicazione Huawei AppGallery. Il riferimento va per esempio al supporto al nuovo assistente vocale Celia, così come alle mappe Petal Maps, entrambi servizi che non ho potuto per esempio utilizzare nelle mie giornate in abbinata con iPhone.

Huawei Watch GT 3

Si tratta certamente di una limitazione dettata proprio da HarmonyOS, che si presenta sempre più come un sistema software multi-device, come da piani del brand, più che un semplice e mero sistema operativo mobile. Queste restrizioni appena indicate rappresentano però le sole aree nelle quali andrete a trovare differenza e mancanza, in quanto tutte le altre saranno in grado di essere usufruite tanto con uno smartphone Huawei, tanto con smartphone della concorrenza (anche quindi con iPhone).

L’unica differenza sarà infine quindi la necessità di dover installare l’applicazione di supporto Huawei Health (presente sia sugli store Android che iOS), presente invece di default sugli smartphone Huawei.

Huawei Watch GT 3 con un iPhone

Superato l’ostacolo rappresentato dal dover installare l’applicazione Huawei Health sul vostro iPhone, vi troverete davanti a un’interfaccia completa al pari di quanto possibile su di un terminale Huawei, al netto delle due funzioni sopra descritte che non troveranno posto e non potranno essere attivate e utilizzate.

La piena compatibilità con le chiamate bluetooth rappresenta però un ottimo punto di partenza ed è certamente da considerarsi con un peso maggiore rispetto alle funzioni mancanti. Tutta l’area notifiche e di tracciamento degli sport sarà quindi garantita senza problemi, con una qualità e affidabilità in tema connessione fra orologio e smartphone che non mi ha dato nessun tipo di problema nelle mie giornate d’uso.

Huawei Watch GT 3

Come si comporta Huawei Watch GT 3?

Sgombrato il campo dalla parte meramente tecnica, vi passo ora a parlare di come si comporti questo Huawei Watch GT 3 nella prova di tutti i giorni, andandovi a raccontare la mia esperienza per quanto riguarda l’autonomia, lo sport e la parte smart delle notifiche.

Batteria e autonomia

Huawei Watch GT 3 si è dimostrato un compagno affidabile durante le varie giornate d’uso. Sia in configurazione always on (quindi con display in grado di mostrare sempre l’ora), sia con semplice riattivazione con gesto di rotazione del polso, i dati di scarica sono stati in linea con quanto dichiarato dall’azienda.

In giornate in cui sono stato in grado di censire attività sportive ho notato una scarica di circa il 20% giornaliero con display sempre attivo, e del 15% quando questa opzione è stata tenuta disattivata. In giornate senza tracciamento di attività con semplice rilevazione del battito cardiaco ho notato una scarica invece del circa 10% quotidiano senza always on attivo, e del 15% con funzione attivata.

Questi dati ovviamente possono differire da uso ad uso, con numeri influenzati dalla frequenza di notifiche e dalla tipologia di allenamento che andrete a effettuare

Sport

Sono tanti gli sport e le attività monitorabili da questo Huawei Watch GT 3, per quella che reputo l’area meglio riuscita del prodotto. Sia tramite widget direttamente sul display del vostro orologio, sia tramite utilizzo dell’applicazione di supporto, potrete leggere i dati relativi ai vostri allenamenti e far partire direttamente il tracking dell’attività sportiva.

L’interfaccia è chiara e semplice, ben studiata e divisa, fruibile tranquillamente anche con semplici tap e swipe sul display, ricordando però anche il sempre l’ottimo tasto rotante a scocca utilissimo durante gli allenamenti per non obbligarci a toccare sempre il nostro orologio.

Huawei Watch GT 3

Per quanto riguarda la sensoristica hardware troviamo un rilevatore di battito cardiaco, l’analisi dell’ossigenazione del sangue e anche un sensore per il controllo della temperatura corporea superficiale. I dati possono poi essere condivisi anche con applicazioni di terze parti (i dati salute verranno per esempio condivisi con l’applicazione salute di Apple installata sui vostri iPhone), per un interazione sportiva che mi sento di giudicare come positiva e senza grandi difetti.

La presenza poi sul display non solo dei nostri dati sportivi, ma anche di un vero e proprio assistente digitale che ci guiderà durante il nostro sport, è un plus non da poco offerto da Huawei sui proprio smartwatch e che trovo come l’ideale per tutti coloro alle prese magari con nuovi allenamenti.

Notifiche e funzioni smart

Giudizio che non può essere così positivo per quanto riguarda la parte smart di questo Huawei Watch GT 3. L’interazione con le notifiche in ingresso rimane poco più di quanto potremmo ottenere con una banale smartband (il riferimento può andare anche alla mia fidata Huawei Watch Fit che ho al polso da diversi mesi), con mancanze che a questo prezzo dovrebbero secondo me essere evitate.

Il riferimento va all’impossibilità di rispondere alle notifiche stesse, e al fatto che vengano mostrate in una maniera poco chiara (mancano le emojii) e confusionaria (il feed delle notifiche non prevede alcun tipo di raggruppamento) rendendo l’interazione frustrante e poco utile.

Huawei Watch GT 3

In questo aspetto trovo ci sia ancora da lavorare per cercare di rendere realmente smart un’area in cui ancora nessun produttore (a parte Google con il suo WearOS, Samsung con il suo TizenOS e Apple con i suoi smartwatch) ha dimostrato di sapersi trovare pronto a soddisfare le richieste degli utenti, attenti si ad avere al polso un assistente per la propria salute, ma non pronti a mettere così da parte notifiche ed eventuali funzionalità extra.

HarmonyOS su Huawei Watch GT 3

Detto delle funzioni e della parte sostanziosa, trovo che anche l’analisi visiva ed estetica di HarmonyOS su smartwatch meriti una menzione nel corso di questa recensione, perché se è vero che magari lato funzionalità poteva essere fatto qualcosa di più, trovo che la coerenza grafica di questo software sia incredibilmente piacevole, nonostante la sua gioventù. Fra le varie funzioni offerte all’utente sono da citarsi:

  • Bussola
  • Sveglia
  • Altimetro/Barometro
  • Timer-Cronometro
  • Funzione “trova il mio smartphone”
  • Funzione musica (con accesso alla memoria interna da 4GB dello smartwatch e riproduzione stand-alone delle tracce)
  • Analisi dello stress
  • Mappe (solo con smartphone Huawei)
Huawei Watch GT 3

Una suite completa già out-of-the-box con tutte le funzionalità tipiche degli smartwatch moderni, offerti qui con una grafica curata e trasversale, in grado di dare all’utente soddisfazione durante la navigazione.

La promessa poi della sempre costante crescita dello store AppGallery potrebbe portare a novità continue, con applicazioni e giochi di terze parti che potrebbero fare il loro arrivo presto su questo Huawei Watch GT 3 (in maniera maggiore a quanto garantito già da ora e magari anche su device non Huawei come detto precedentemente nel corso di questa recensione).

Il giusto compromesso?

Sinceramente, mi sento di non poter esprimere un giudizio pienamente positivo sulla capacità di questo Huawei Watch GT 3 di rappresentare il giusto compromesso tanto atteso nel mercato smartwatch di “fascia media”.

Si tratta infatti di un prodotto ottimo per quanto riguarda costruzione ed area fitness/salute, ma che mette ancora troppo in secondo piano le notifiche e le funzionalità smart, dimostrandosi così ancora troppo sbilanciato come tanti dei suoi competitor.

Le potenzialità di HarmonyOS sotto questo punto di vista però potrebbero presto andare a migliorare questo aspetto (l’unico veramente deficitario in un quadro altrimenti molto positivo), andando a donare maggiore completezza ad uno smartwatch che comunque fin da ora potrà rappresentare un ottimo compagno al vostro smartphone, qualunque esso sia, come dimostrato poco sopra.

Se non siete quindi fanatici da notifiche al polso e vi potete limitare a gestire le chiamate tramite speaker, questo Huawei Watch GT 3 vi conquisterà grazie alla sua cura estetica ed ad un area sport che trovo fra le più curate al momento disponibili sul mercato, grazie anche all’applicazione Huawei Health, uno dei prodotti software meglio riusciti dell’azienda.

Huawei Watch GT 3


Huawei Watch GT 3 è certamente un ottimo orologio sportivo, dotato di funzioni legate alla salute ed al benessere di prim'ordine, che mette però ancora troppo in secondo piano le funzionalità smart. Può essere utilizzato trasversalmente con smartphone dotati di sistema operativo diverso (con poche limitazioni oggettive), anche se certamente esprime il massimo in abbinata con un terminale Huawei-HarmonyOS. Costruzione ed estetica, unita ad una coerenza grafica software e ad un area salute/sportiva sono certamente gli assi nella manica che utilizza per stupire e convincere.

Pro

  • Display luminoso e reattivo
  • HarmonyOS completo e curato graficamente su smartwatch
  • 5ATM di resistenza
  • Area sportiva ben curata
  • Autonomia promossa
  • Tasto rotante sulla ghiera

Contro

  • Ancora poca attenzione all'area notifiche
  • Feed vibrazione non dei migliori
  • Cinturino in dotazione non dei migliori