Tom's Hardware Italia
Apple

iPhone 2020: tre modelli, 5G e tutti con display OLED?

Gli iPhone 2020 potrebbero integrare tutti un display OLED con diagonali diverse: 5,4", 6,7", 6,1". I primi due (modello base e variante Max) supporterebbero la connessione 5G.

Gli iPhone 2019 non sono ancora stati presentati, ma già si inizia a parlare della generazione del prossimo anno. Le prime indiscrezioni arrivano dall’analista Ming-Chi Kuo, da sempre vicino alle vicende di Cupertino. Come previsto, Kuo ha affermato che Apple lancerà i primi iPhone 5G nel 2020 presentando tre modelli. Tra questi, il modello principale avrà dimensioni più compatte.

Il rapporto sostiene che le tre varianti integreranno tutti un display realizzato con tecnologia OLED ma con diagonali diverse. Il successore di iPhone Xs dovrebbe essere il modello più compatto integrando uno schermo da 5,4 pollici rispetto ai 5,8 pollici del modello attuale. Mentre la variante Max avrà un pannello da 6,7 pollici. Entrambi con supporto 5G.

La novità sarebbe rappresentata da quello che sarà il modello più economico dei tre. Quest’ultimo integrerebbe per la prima volta un display OLED da 6,1 pollici. L’attuale iPhone Xr, al contrario, dispone di un pannello IPS LCD. Inoltre, iPhone Xr 2020 non supporterà il nuovo standard di rete e resterà fermo alla connettività 4G LTE.

Secondo Kuo, gli modelli 5G utilizzeranno un modem Qualcomm supportando le tecnologie mmWave e sub-6 GHz in quanto non è previsto che Apple disponga di un proprio chip 5G prima del 2022. Questo vuol dire che per i prossimi anni, l’azienda di Cupertino dipenderà notevolmente da produttori come Qualcomm, con il quale ha da poco ritrovato la pace.

Gli iPhone 2019, invece, sembra che saranno dotati ancora di chip a marchio Intel, probabilmente perché gli ordini erano già stati inviati nel momento in cui Apple e Qualcomm hanno firmato l’accordo che porterà il colosso di San Diego a fornire chip per i prossimi 5 anni.

iPhone Xr è acquistabile con uno sconto di quasi 200 euro su Amazon a questo link.