Android

UE contro i colossi tech: verso lo stop alle pre-installazioni delle app e non solo

L’Unione Europea si prepara a rivoluzionare il mondo mobile. Secondo quanto riportato da Financial Times, il nuovo Digital Service Act – attualmente al vaglio della Commissione UE – potrebbe apportare delle limitazioni alle attività svolte dai colossi tecnologici come Google, Facebook, Apple e Amazon. Nello specifico, questi potrebbero essere obbligati a condividere i dati in loro possesso con le società rivali più piccole, oltre al possibile divieto di pre-installare app e servizi sui dispositivi mobile quali smartphone, tablet e laptop.

Aziende come Amazon e Google non potranno usare i dati raccolti sulle loro piattaforme per le proprie attività commerciali a meno che non rendano questi dati accessibili agli utenti business attivi nelle stesse attività commerciali” riporta la fonte. Il Digital Service Act – che sarà presentato dalla Commissaria Antitrust dell’Unione Europea Margrethe Vestager a fine anno – potrebbe impedire ai colossi di offrire una corsia preferenziale ai propri servizi ai danni dei rivali.

L’UE potrebbe vietare la pre-installazione delle app proprietarie dei big-tech su smartphone e laptop e vietare a quest’ultimi di stringere accordi con i produttori di hardware che li costringono a installare i loro software. Limitazioni che richiamano la vicenda che ha visto Google ricevere una multa da 4,3 miliardi di euro per abuso di posizione dominante in ambito Android. Infine, le nuove regole potrebbero lasciare agli utenti la possibilità di disinstallare le applicazioni già presenti.

Come detto, le nuove regole dovrebbero entrare in vigore entro la fine dell’anno. Solo in quel momento scopriremo quali mosse l’UE ha deciso di adottare. Non è escluso comunque che le società interessate possano avere a disposizione un periodo di transizione per adeguarsi al nuovo quadro normativo.

Se siete alla ricerca di uno smartphone economico, consultate la nostra guida “I migliori smartphone sotto 100 euro“.