Tom's Hardware Italia
Giochi PC

Anthem: producer e director non lavorano più sul gioco, cosa succede in BioWare?

Anthem è in cattive acque e alcune figure principali hanno abbandonato la barca: vediamo cosa è stato dichiarato dai producer del gioco.

Anthem, oramai sarete stanchi di sentirlo ripetere, non è in un buon momento e secondo molti non lo è stato fin dal D1. Dopo gli iniziali problemi tecnici, i giocatori si sono ritrovati tra le mani un progetto a corto di endgame e di loot. I più “fedeli” appassionati attendevano l’arrivo di nuovi contenuti, ma BioWare ha deciso di ritardare i piani di pubblicazione per poter lavorare sul gioco nel suo stato attuale. Questo non ha fatto altro che infastidire ancora di più i fan che hanno man mano abbandonato l’opera, causando anche problemi al matchmaking. Anche gli streamer hanno perso interesse vero Anthem, causando così un enorme calo di visibilità su Twitch.

Ora, veniamo a sapere che anche alcune figure interne di primo piano di BioWare si sono allontanate da Anthem. Parliamo di Mark Darrah (executive producer), Michael Gamble (lead producer) e Jonathan Warner (game director). Come viene riportato dallo stesso Michael Gamble, le persone attualmente a capo del progetto sono Ben Irving (lead producer) e Chad Robertson (head of live service).

Secondo quanto suggerito tramite Twitter da Mark Darrah, i tre potrebbero ora essere al lavoro su Dragon Age 4. La domanda che sorge spontanea ora è: questo passaggio di testimone era stato preventivato fin dall’inizio, oppure EA ha deciso di cambiare le figure a capo del progetto Anthem per poter dare una scossa al gioco?

Ovviamente non abbiamo una risposta ufficiale: Darrah stesso afferma solo che di “non essere al lavoro su Dragon Age 3” né su “Dragon Age 5“: il riferimento è ovvio, ma manca comunque una vera dichiarazione in merito. Anche Dragon Age 4 non sembra aver passato anni facili, inoltre. Come vi abbiamo riportato nel nostro articolo dedicato, l’ennesimo report di Jason Schreier ha svelato che l’opera è stata cancellata e modificata completamente durante lo sviluppo, per volontà di Electronic Arts. Pare un momento difficile per BioWare: speriamo solo che tutti i progetti attualmente in corso possano beneficiare del supporto e delle persone adeguate. Voi cosa ne pensate?