Altre Console

Castelvania, il titolo perduto per Dreamcast è giocabile

Non è la prima volta che sentiamo una storia di questo tipo, vero? Correva l’anno 1999 e l’industria videoludica era assai diversa da quella attuale in un lontano E3 di quell’anno viene annunciato un titolo che di li a poco doveva essere distribuito per la famigerata console di Sega, la tanto amata Dreamcast. Il brand di Castelvania all’epoca era davvero molto forte e non aveva di certo bisogno di presentazioni. Il titolo per la nostra amata PS1 era diventato già un cult da un paio di anni e di conseguenza Sega voleva sfruttare questo suo brand sicuramente per vendere qualche console in più. Ed è cosi che venne presentato Resurrection.

Castelvania

Un titolo completamente in 3D che non si distaccava tanto da quello che avevamo visto in SOTN. Sicuramente non tutti si ricorderanno del titolo in questione, anche perché come dice il titolo stesso di questa notizia, purtroppo l’opera non vide mai la luce. Pare che lo sviluppo sia arrivato soltanto al 25% della sua totalità, ma grazie ad un noto sito che raccoglie un sacco di perle dimenticate del Dremcast sembra che sia addirittura giocabile, in piccola parte.

All’interno di questa notizia vi lasciamo sicuramente il trailer che potete ammirare con cura, e poi il sito da dove è possibile apprendere molto di più del titolo in questione. D’altronde la saga di Castelvania ha si settato degli standard per il suo genere, ma è anche vero che nelle ultime generazioni ha subito non pochi alti e bassi. Inoltre sembra che Resurrection sarebbe dovuto essere un titolo che andava a raccontare la genesi della famiglia Belmont, dato che la protagonista era Sofia Belmont, primo membro della leggendaria famiglia.

Ovviamente quando abbiamo questo tipo di notizie un po’ di nostalgia arriva e fa tana nella nostra mente, portandoci magari a quando eravamo “più ingenui” e anche pochi pixel a schermo ci lasciavano immaginari mondi ricchi di vita.

Se avete bisogno di credito per il PSN, potete trovarlo qui insieme all’abbonamento di un mese