Giochi PC

Recensione StarCraft 2, la degna conclusione di una saga epica

Introduzione

Quando StarCraft II: Wings of Liberty ha fatto il suo debutto nel 2010, i giocatori hanno avuto la possibilità di rituffarsi in uno dei giochi RTS più famosi mai realizzati. Da quel momento ad oggi StarCraft 2 non ha fatto altro che guadagnare ancora più popolarità, grazie soprattutto al successo dei giochi MOBA come LOL e Dota 2, e alla spinta delle piattaforme di streaming.

Con Legacy of the Void, Blizzard non solo aggiunge un altro capitolo all'epica saga spaziale, ma cerca anche di rinvigorire la scena multiplayer con nuove unità, modalità di gioco e alcune modifiche al bilanciamento del gioco per rendere le partite ancora più competitive.

Un gioco per tutti

Screenshot2015 11 13 23 30 21 w 755

Per chi fosse da poco approdato in questo universo, StarCraft II vi mette al comando di una delle tre razze che si danno battaglia da molto tempo. La campagna single player di Legacy of Void si focalizza sui Protoss, la razza altamente sviluppata dal punto di vista tecnologico e dotata di poteri psichici, contro le altre due, gli umani (i Terran) e quella insettoide Zerg. Il vostro dovere sarà costruire e gestire risorse, costruire edifici e produrre unità per eliminare i nemici. Senza possibilità di mettere in pausa il gioco per prendere con comodità le decisioni tattiche, dovrete pianificare le vostre mosse e tenere sott'occhio tutti gli aspetti gestionali in tempo reale.

Certo non è una cosa semplice, ma la campagna single-player di StrarCraft II è sempre stata perfettamente modellata per offrire una difficoltà crescente e accompagnarvi all'interno della storia, e Legacy of Void non è un'eccezione. I quattro livelli di difficoltà permetteranno a tutti di divertirsi, dai neofiti del genere ai super appassionati.

Campagna single player

Screenshot2015 11 14 00 11 49 w 755

Legacy of Void riprende la storia dalla fine della precedente espansione Hearth of the Swarn, dove la "fu umana" Kerrigan ritorna nei panni della Regina delle Lame nonché leader degli Zerg, riuscendo ad avere la sua vendetta sull'imperatore corrotto dei Terran, Arcturus Mengsk. La scena è ora incentrata sull'enigmatico Templare Oscuro Zeratul, che sta cercando di convincere i suoi simili che c'è un grande pericolo da affrontare.

Dalla profondità del Void, che esiste oltre le normali regole dell'universo, un antico nemico Amon sta cercando di riprendere la sua forma con l'intento di cancellare tutte le altre fonti di vita, Zerg, Terran e Protoss inclusi.

Screenshot2015 11 14 22 55 49

Ma Zeratul ha bisogno di alleati per fermare il nuovo nemico, e deve reclutare gli antichi nemici per affrontare tutti assieme un nemico più grande e minaccioso.

Legacy of the Void consiste in un prologo di tre missioni (disponibili gratuitamente tramite Battle.net), che permettono di entrare nel vivo della storia, più una campagna principale di 19 missioni e tre missioni di epilogo. Ogni missione dura all'incirca dai 30 ai 45 minuti (dipende dalla difficoltà), per un totale di 15/20 ore per completare tutta la campagna. Non è moltissimo – nemmeno poco – ma fidatevi, ogni minuto è prezioso.

La prima missione presenta la strategia di combattimento dei Protoss, e permette di prendere dimestichezza con le dinamiche del gioco e i controlli. Per chi ha già giocato agli altri capitoli e conosce la serie sarà l'occasione per familiarizzare con le nuove unità. Come per la precedente espansione, avrete la possibilità di selezionare differenti abilità e miglioramenti per ogni unità, che permettono agli Zealot di ricomparire dopo essere stati uccisi, o ai Colossi di sparare una potente palla di energia, anziché due raggi come farebbero di base.

Screenshot2015 11 14 21 10 15

La principale differenza in Legacy of the Void è che anziché avere accesso all'eroe, come Kerrigan, potrete usare la nave spaziale Protoss, la Lancia di Adun, per richiamare attacchi spaziali o la dislocazione di unità di combattimento. Quando completate gli obiettivi bonus delle missioni, sarete premiati con della "solarite", un materiale che userete per migliorare o modificare queste abilità in base al vostro stile di gioco.

Giocare con un amico

Con Legacy of the Void è possibile affrontare partite multiplayer competitive assieme a un amico. Con la modalità Arconte due giocatori controlleranno la stessa armata, quindi si potranno differenziare i compiti e le responsabilità. Uno potrà occuparsi delle risorse e delle costruzioni, l'altro della gestione militare, ad esempio.

La seconda modalità consiste in missioni co-op, dove due giocatori dovranno combattere contro l'intelligenza artificiale in vari scenari e con differenti obiettivi, come l'abbattimento di alcuni convogli, o la protezione di unità.

Screenshot2015 11 13 23 55 07

Per aggiungere un po' di pepe in questi scenari, potrete scegliere un eroe tra Kerrigan (Zerg), Jim Raynor (Terran) o Artanis, il nuovo leader dei Protoss. La scelta dell'eroe influenza le unità disponibili per ogni razza e le abilità selezionabili.

Questa aggiunta cambia lo stile di gioco, ed è un ottimo motivo per giocare e rigiocare questa modalità.

C'è anche una modalità di tornei automatica che vi darà l'abilità di gareggiare contro altri giocatori con la vostra esperienza, facendovi provare l'ebrezza dell'eSport.

Nuove unità

I Terran possono contare sulle nuove unità Cyclone e Liberator (Liberatore), due unità robot. Il Cyclone è una torretta montata su un carrarmato che usa una tecnica che permette di abbattere sia unità di terra sia di aria, anche in movimento. Il Liberatore è un'unità di fascia media, equipaggiata con dei missili, che può trasformarsi in un'unità anti artiglieria di terra.

Gli Zerg accolgono un'evoluzione dei Roach in Ravagaer, un'unità che permette di attaccare a distanza con della bile corrosiva che ha un effetto rallentante sulle unità colpite – e può anche dissolvere il campo di forza Protoss. Un'altra unità, il Lurker, è una reminiscenza di StarCraft: Brood War e reintroduce un'unità d'assedio di terra come evoluzione dell'Hydralysk.

I Protoss sono stati graziati con gli Adepti, un'unità leggera in grado di teletrasportarsi a corta distanza e di emettere un'onda d'urto che danneggia i nemici. Poi c'è il Disruptor, una sorta di Sentinella fatta di steroidi. Può diventare invulnerabile per un breve lasso di tempo e rilasciare una nova di purificazione, in grado di danneggiare pesantemente i nemici.

Grafica e audio

Screenshot2015 11 14 00 47 54

Non ci sono grandi novità sotto il profilo grafico o sonoro. La grafica ha il suo stile, o piace, o non piace, ma di certo non tradisce le aspettative di un appassionato. Lo stesso vale per gli effetti sonori, mentre la colonna sonora, una parte importante della campagna, è forse un po' sottotono rispetto a quella dei due capitoli precedenti.

Verdetto

Legacy of the Void sancisce la fine di StarCraft II, nel perfetto stile a cui ci hanno abituato le due espansioni precedenti.

La nuova modalità Arconte e le missioni co-op sono una grande aggiunta, anche per i nuovi giocatori che ora possono affrontare con un amico in maniera più "rilassata" anche le sfide più difficili.

Screenshot2015 11 14 01 06 28

Le nuove unità e i cambiamenti atti a bilanciare le razze rendono le partite multiplayer più competitive, anche se i veri professionisti sono i soli che potranno sbilanciarsi su un giudizio definitivo a riguardo.

StarCraft II è probabilmente finito qui, ma siamo certi che non è anche la fine del franchise; aspettiamo da un momento all'altro l'annuncio di StarCraft III, o di qualche espansione. 

Se non avete mai giocato a StarCraft II, forse è arrivato il momento giusto di acquistare tutti  i capitoli, e gustarsi decine di ore di gioco, nonché una storia curata nei dettagli, epica e memorabile. E ovviamente le infinità di ore che potrete passare in modalità multiplayer se il gioco vi prenderà abbastanza per iniziarvi su questa via degli eSport!

Starcraft II: Legacy of the Void
Starcraft 2: Legacy Of The Void Starcraft 2: Legacy Of The Void
Starcraft 2: Legacy Of The Void - Collector's Limited Starcraft 2: Legacy Of The Void – Collector's Limited