e-Gov

Abbiamo la soglia di attenzione peggiore di un pesce rosso: colpa della tecnologia

La nostra soglia di attenzione è minore di quella di un pesce rosso. Colpa della tecnologia, o meglio del costante flusso d'informazioni che arriva da Twitter, Facebook e siti web. Tante, troppe notizie: cerchiamo di leggerle tutte e di conseguenza la soglia di attenzione, la capacità di concentrarsi su una singola cosa, si abbassa.

A darci la triste notizia è Microsoft. L'azienda ha intervistato duemila persone e si è anche avvalsa di uno studio condotto su un altro campione di 112 persone – con tanto di monitoraggio dell'attività cerebrale tramite elettroencefalogramma.

pesce rosso

Se da una parte la nostra abilità di fare più cose simultaneamente – detta multitasking – è migliorata negli ultimi anni, è la nostra capacità di dare rimanere focalizzati ad averne risentito. Nel 2000 la soglia di attenzione media era di 12 secondi, ma oggi è solo di 8 secondi. Il pesce rosso è in grado di rimanere attento per 9 secondi.

"I canadesi (al centro del test) con stili di vita più digitali (quelli che consumano più informazioni, gli appassionati di social media o i più rapidi ad adottare le nuove tecnologie) faticano a concentrarsi in ambienti in cui è richiesta attenzione prolungata", si legge nello studio.

"Mentre gli stili di vita digitali riducono la capacità di attenzione prolungata generale, è vero solo nel lungo termine. Questo tipo di persone ha esplosioni intermittenti di grande attenzione. Sono migliori nell'individuare quello su cui vogliono focalizzarsi oppure no e hanno meno bisogno di elaborare cose in memoria".

Samsung Galaxy S5 Samsung Galaxy S5

Secondo Bruce Morton, ricercatore del Brain & Mind Institute della University of Western Ontario, non c'è da preoccuparsi. I tempi cambiano e ci adattiamo, è una risposta naturale: consumiamo più informazioni e la "digeriamo" più rapidamente, e il nostro appetito non fa che aumentare.

"Alla sua invenzione l'automobile era una novità. Il pensiero di avere un dispositivo di intrattenimento in auto era ridicolo perché la macchina era l'intrattenimento", ha affermato il professore. "Dopo un po', viaggiando per otto ore di fila, se ne aveva abbastanza. Il cervello si annoiava. È così sono comparse le radio e gli schermi. Perché? Perché dopo i primi 10 minuti di guida se ne ha abbastanza".

"Solo perché possiamo allocare l'attenzione in modo diverso in funzione delle tecnologie che usiamo, ciò non significa che il modo in cui la nostra attenzione può funzionare sia cambiato. Le tecnologie digitali s'incastrano perfettamente con le capacità di trattamento delle informazioni del nostro cervello".