Fotografia

Conclusioni


Pentax K-1 Mark II
Sensore
Full frame
Risoluzione
36,4 Mpixel
Autofocus
33 punti
Processore d'immagine
PRIME IV
Innesto obiettivo
Pentax K, KA, KAF, KAF2 e KAF3, FA
Pagina 9: Conclusioni

Al termine della nostra prova, ci chiediamo se la Pentax K-1 II possa essere considerata una valida alternativa alle reflex Canon e Nikon di prezzo confrontabile. Stiamo parlando delle full frame intorno ai 2000 euro per il solo corpo, quindi nello specifico della Canon EOS 5D Mark III e della Nikon D810.

La risposta è senz’altro affermativa. Il costruttore resta fedele alla sua filosofia costruttiva continuando a proporre fotocamere realizzate senza compromessi, in grado di resistere a condizioni climatiche avverse e particolarmente robuste per sopportare un utilizzo anche gravoso come quello in campo professionale e prosumer.

pentax k 1 II foto articolo 073

Dopo averla provata in svariate condizioni, possiamo affermare che la K-1 II si adatta bene alla maggior parte delle situazioni di ripresa ad eccezione della fotografia sportiva o d’azione, dove reflex anche meno costose riescono a far meglio grazie ad un autofocus più sofisticato, e nella fotografia in condizioni di scarsa illuminazione, dove purtroppo la resa agli alti ISO potrebbe costituire un problema. Con qualche limite nella messa a fuoco in modalità tracking e nella registrazione dei filmati, dove non offre la versatilità delle concorrenti, la K-1 II è in grado di soddisfare le esigenze del fotografo esigente che cerca il pieno controllo manuale e ampie possibilità d’intervento sui parametri di scatto. Senza dubbio, la miglior reflex digitale mai prodotta da Pentax e uno dei migliori corpi macchina presenti attualmente sul mercato.

Alla luce di queste considerazioni, il prezzo risulta adeguato alla qualità del prodotto e alle soluzioni tecniche adottate, alcune delle quali esclusive.

Potete scaricare tutte le foto a dimensione originale da questo link.

Pentax K-1 Mark II

Una reflex con un corpo macchina eccellente, che fa della robustezza e dell'affidabilità i suoi punti di forza. Proposta ad un prezzo di poco inferiore ai 2000 euro per il solo corpo, permette di portare a casa risultati certi in qualsiasi condizione, grazie ad un sensore da 36,4 Mpixel e alla potenza del processore Prime IV, che assicurano un'eccellente qualità dell'immagine in combinazione alle migliori ottiche disponibili nel catalogo del costruttore giapponese.

Pro

  • Il corpo macchina a prova di polvere e umidità e la capacità di resistere al freddo sono caratteristiche che non passano certo inosservate. Abbiamo poi uno stabilizzatore a 5 assi integrato nel corpo macchina, una versatilità che si spinge oltre quella dei concorrenti diretti (basti pensare alla presenza di Astrotracer, correzione dell'orizzonte e GPS), ampi controlli sulla gamma dinamica, esposimetro affidabile, ottimo mirino e un monitor posteriore unico nel sistema di articolazione. L'ergonomia è altresì eccellente, come il rapporto qualità/prezzo.

Contro

  • Il rumore agli alti ISO ne limita l'utilizzo sopra a 6400, l'autofocus in modalità tracking/continua – malgrado i miglioramenti rispetto alla versione precedente – non sempre è in grado di seguire il soggetto ed è comunque molto dipendente dall'obiettivo utilizzato. Il modo movie, inoltre, soffre per la mancanza dell'autofocus e non è possibile riprendere in 4K. Un po' limitata la scelta degli obiettivi.