Tom's Hardware Italia
Telco

Ericsson Mobility Report stima 10 milioni di abbonamenti 5G entro fine 2019

L'Ericsson Mobility Report 2019 stima che entro il 2024 vi saranno 1,9 miliardi di abbonamenti 5G nel mondo.

La 5G sta per travolgere il mercato mondiale: Ericsson ha stimato che entro la fine del 2019 gli abbonamenti raggiungeranno quota 10 milioni. E con la progressiva implementazione delle reti e quindi della copertura (circa il 45%) entro il 2024 ci si aspetta ben 1,9 miliardi di abbonamenti.

Tutto questo è dovuto al fatto che il 35% del traffico mobile sarà veicolato entro cinque anni via 5G, anche grazie alle sinergie con le architetture di vecchia generazione. Ericsson ha corretto al rialzo le precedenti stime che indicavano in 400 milioni il numero di abbonamenti, invece che quasi cinque volte di più come adesso.

“L’edizione di giugno 2019 dell’Ericsson Mobility Report prevede infatti 1,9 miliardi di abbonamenti 5G nei prossimi 5 anni (dai 1,5 miliardi previsti nell’edizione di novembre 2018), con un aumento di quasi il 27%”, puntualizza l’azienda. “Si prevede che la copertura 5G raggiungerà il 45% della popolazione mondiale entro la fine del 2024. Questo dato potrebbe aumentare fino al 65%, poiché la tecnologia di condivisione dello spettro consente implementazioni 5G su bande di frequenza LTE”.

Diversi operatori nel mondo sono convinti di riuscire a raggiungere una copertura 5G del 90% entro la fine dell’anno, ma è probabile che la confusione che regna nel settore industriale – in relazione alle forniture – possa complicare un po’ il cammino. La questione Huawei e ZTE non è ancora risulta. È pur vero però che i principali produttori di smartphone stanno per avviare la distribuzione dei loro primi prodotti compatibili.

Ci si aspetta che la diffusione degli abbonamenti 5G sia più veloce in Nord America, regione in cui gli abbonamenti mobile 5G arriveranno a quota 63% del totale nel 2024. Il Nord Est asiatico segue al secondo posto (47%) e l’Europa al terzo (40%)”, prevede Ericsson.

Secondo Fredrik Jejdling, Executive Vice President e Head of Networks di Ericsson, “il 5G sta definitivamente decollando e a un ritmo rapido. Ciò riflette l’entusiasmo di operatori e consumatori per questa tecnologia. Il 5G avrà un impatto positivo sulla vita delle persone e sulle imprese, generando guadagni che vanno oltre l’IoT e la Quarta Rivoluzione Industriale. Tuttavia, i benefici completi del 5G possono essere raggiunti solo con la creazione di un solido ecosistema in cui tutti i partner tecnologici, regolatori, di sicurezza e dell’industria hanno un ruolo da svolgere”.

La questione di fondo è che sulla crescita del traffico globale dati – circa l’82% – non vi sono molte opzioni alternative. “Si prevede che raggiunga 131 EB (exabyte) al mese entro la fine del 2024, periodo in cui si ritiene che il 35% del traffico transiterà su reti 5G”, conclude Ericsson. “A livello globale le connessioni IoT cellulari sono 1 miliardo, cifra che dovrebbe raggiungere i 4,1 miliardi entro la fine del 2024, di cui il 45% sarà di tipo Massive IoT. I settori che utilizzano Massive IoT includono le utility con i contatori intelligenti, l’healthcare sotto forma di device medici indossabili, e i trasporti con sensori di rilevamento”.