e-Gov

Google Maps, Nicaragua e Costa Rica ai ferri corti

Poco più di un mese fa, Google Maps ha provocato un incidente diplomatico tra Costa Rica e Nicaragua, a causa dei confini errati fra i due paesi (Google Maps, scintille fra Nicaragua e Costa Rica). La vicenda è stata ripresa da numerosi giornali per qualche giorno, per poi cadere nel dimenticatoio.

L’incidente di frontiera tra Costa Rica e Nicaragua, attribuito in un primo momento a un errore commesso da Google Maps (e prontamente ammesso dal colosso dei motori di ricerca), si sta rivelando molto più grande e complesso di quello che sembrava all’origine.

Clicca per ingrandire

Un paio di mesi fa truppe nicaraguensi hanno occupato la Isla Calero, una piccola isola nel delta del fiume San Juan che in quella zona delimita il confine tra i due Paesi. L’isola appartiene alla Costa Rica, che ha prontamente denunciato l’invasione, ma a quel punto il governo di Managua ha fatto riferimento a Google Maps, secondo cui quei pochi ettari di terra rientravano nei confini del Paese più a nord.

Mappa del territorio – clicca per ingrandire

Nel giro di qualche giorno l’equivoco è stato chiarito, l’azienda di Mountain View ha fatto pubblica ammenda e ha corretto le carte geografiche disponibili in rete, ma le truppe nicaraguensi non hanno abbandonato l’isola e per di più hanno iniziato imponenti opere di deforestazione e sbancamento con grandi macchine per movimento terra che continuano tuttora. Tutto questo mentre la Costa Rica, che non ha esercito, continua ad appellarsi a organismi internazionali, dalla Corte Internazionale di Giustizia dell’Aja all’Organizzazione degli Stati Americani, alla quale aderiscono tutti i 35 Paesi del continente, mentre personalità di spicco, come il presidente dell’Ecuador, si stanno offrendo come mediatori.

Clicca per ingrandire

Ma perché il governo di Managua sta facendo tutto questo? Ufficialmente per dragare quella parte del fiume e aprire un varco al fine di facilitare la navigazione dal mar dei Caraibi verso l’interno del Paese, il che peraltro sarebbe anche legittimo se soltanto il territorio interessato appartenesse al Nicaragua. In realtà si fa sempre più insistente un’ipotesi che, se trovasse conferme, andrebbe a toccare immensi interessi di livello mondiale.

Facendo un salto indietro nella Storia, alla fine dell’Ottocento, scopriamo che il primo progetto di un canale per collegare gli oceani Atlantico e Pacifico prevedeva l’utilizzo proprio del rio San Juan tra il mar dei Caraibi e il grande lago Nicaragua e la costruzione di un “piccolo” canale tra questo bacino e il Pacifico. All’inizio del secolo scorso gli Stati Uniti tentarono di conquistare il Nicaragua proprio per realizzare questo progetto, ma i centroamericani respinsero l’invasione. Contemporaneamente i francesi che avevano iniziato la costruzione del canale di Panama abbandonarono l’impresa per problemi economici e fu così che subentrarono gli statunitensi a completare l’opera nell’istmo.

Clicca per ingrandire

Attualmente il governo del Nicaragua è capeggiato da Daniel Ortega, leader del Fronte Sandinista di Liberazione Nazionale che pose fine alla dittatura di Somoza nel 1979, già presidente della Repubblica dal 1985 al 1990, legato a Fidel Castro e a Hugo Chávez, presidente del Venezuela, dal quale il Paese centroamericano riceve cospicui aiuti economici.

Proviamo allora a immaginare cosa significherebbe la creazione di una via alternativa al canale di Panama, in posizione geograficamente avvantaggiata per i trasporti est-ovest dell’emisfero settentrionale, gestita al di fuori di qualsiasi possibile influenza statunitense: anche limitando ogni considerazione ai solo aspetti puramente commerciali, basti pensare che attualmente transitano (pagando un caro pedaggio) dal canale di Panama oltre 160 milioni di tonnellate di merci l’anno, destinate a raddoppiare con l’ampliamento che dovrebbe essere terminato entro il 2014 con un costo di oltre 5 miliardi dollari.

Clicca per ingrandire

Forse dietro la sparuta presenza di militari nicaraguensi sulla microscopica Isla Calero c’è qualcosa di più che un banale errore cartografico.

ringraziamo Pino Bruno e Bepi Costantino per la collaborazione