Sicurezza

Hacker CIA ladri di merendine, ogni giorno una fiesta

La notizia assurda del giorno arriva dall'altra parte dell'Oceano Atlantico e parla di CIA, hacking e merendine. Proprio così, avete letto bene.La CIA ha infatti licenziato alcuni consulenti, colpevoli di aver creato un hack per bypassare le "difese" di un distributore automatico e ottenere snack gratuiti. Il valore del furto del secolo? 3314 dollari e 40 centesimi.

snack

Lo "schema del furto" prevedeva di scollegare un cavo che connetteva i distributori al sistema di pagamento elettronico FreedomPay, dopodiché si potevano usare "FreedomPay Card senza fondi" per comprare gli snack senza sganciare un dollaro. Non fatichiamo a a immaginare le grandi feste durante le pause sigaretta.

Dopo questa serie di colpi in stile Ocean's Eleven dei poveri l'Ufficio di Ispezione Generale degli USA (OIG) ha installato telecamere di sicurezza presso alcuni distributori chiave, in cui si verificavano numerosi furti. Quanto basta per cogliere in flagrante numerosi furboni, identificati facilmente come consulenti dell'Agenzia.

Gli investigatori sono riusciti a risalire a un consulente, considerato la mente geniale responsabile di questo schema di furti grazie alla "sua conoscenza delle reti informatiche". L'impiegato ha ammesso di aver testato positivamente l'hack prima di condividere la tecnica con diversi colleghi.

kit kat
Kit-Kat finiti

Come risultato, tutti i membri della banda hanno ammesso i furti, riconsegnato i loro badge e abbandonato la sede della CIA scortati dalla sicurezza. Ciliegina sulla tortina: i rispettivi datori di lavoro hanno deciso di licenziare i colpevoli. Un bel prezzo da pagare per qualche snack gratuito.

Probabilmente sarebbe stato meglio limitarsi al vecchio metodo che prevede di sbatacchiare il distributore. Certo, avrebbero perso un po' di dignità, ma probabilmente avrebbero conservato il posto di lavoro.