Tom's Hardware Italia
Telco

L’AGCOM ha sanzionato Vodafone per 580mila euro: mancata trasparenza informativa

L'AGCOM ha comminato una sanzione di 580mila euro a Vodafone per mancata trasparenza e completezza delle informazioni in sede di rimodulazione.

L’AGCOM ha sanzionato Vodafone per 580mila euro poiché ha rilevato una mancata trasparenza e completezza delle informazioni in relazione alle manovre di modifica unilaterale delle condizioni contrattuali delle offerte di telefonia fissa e mobile attuate nei mesi di settembre, ottobre e novembre 2018.

“Il mancato rispetto degli obblighi previsti in materia di trasparenza e completezza delle informazioni, nonché di tempi e modalità di esercizio del diritto di recesso, ha leso il diritto di una vasta platea di utenti di disporre di elementi contrattuali essenziali al fine di confrontare le diverse offerte presenti sul mercato e operare scelte contrattuali consapevoli”, spiega l’AGCOM. “In particolare, la Società, in occasione di varie modifiche unilaterali di contratti di telefonia fissa e mobile, ha fornito agli utenti informative carenti e fuorvianti, rendendo difficoltoso il legittimo esercizio del diritto di recesso e addebitando importi non dovuti in conseguenza del recesso. La violazione, pertanto, può ritenersi di durata media e di entità consistente”.

Nel dettaglio il Garante ha rilevato che dal 3 settembre 2018, alcune offerte di rete mobile prepagata sono aumentate di euro 1,99 al mese, dal 13 ottobre 2018, alcune offerte su SIM dati hanno subìto un aumento mensile pari a euro 4,00, dal 10 novembre 2018, è stato attuato un aumento mensile delle offerte di rete fissa pari a euro 2,50.

Nei testi delle informative in questione, Vodafone, tra l’altro, ha precisato che “i clienti che decidono di recedere e hanno un’offerta che include telefono, smartphone, tablet, “Mobile Wi-Fi”, Vodafone TV o prevede un contributo di attivazione a rate, continueranno a pagare le eventuali rate residue addebitate con la stessa cadenza e con lo stesso metodo di pagamento che hanno scelto”.

Il problema è che a partire da agosto 2018 l’AGCOM ha ricevuto numerose segnalazioni da parte di utenti che hanno evidenziato di aver aderito – poco tempo prima rispetto alla ricezione dell’SMS informativo relativo alle modifiche contrattuali in esame – a offerte proposte attraverso teleselling ovvero presso i punti vendita, le cui condizioni economiche erano particolarmente vantaggiose (in alcuni casi garantite “per sempre”) e, stando a quanto riferito in sede precontrattuale, non avrebbero subìto alcuna imminente variazione. Inoltre “hanno lamentato di aver ricevuto, dopo aver esercitato il diritto di recesso, l’addebito in un’unica soluzione delle rate previste per l’acquisto di un terminale, pur avendo richiesto di mantenere la cadenza di pagamento a suo tempo prescelta”.

Vodafone sostiene di aver informato correttamente tramite SMS, sul sito aziendale e in fattura, ma l’AGCOM non ha ritenuto il comportamento soddisfacente e adeguato in ogni dettaglio.