Criptovalute

Le banche Indiane contro le criptovalute: arrivano mail sui rischi d’investimento

Le banche in India hanno iniziato a informare gli investitori di criptovaluta sui rischi associati al mercato, secondo i rapporti dei media locali. Le principali banche private come HDFC Bank, Axis Bank e ICICI Bank hanno infatti inviato e-mail ai clienti che hanno investito in criptovalute, motivate dal fatto che gli scambi di criptovaluta hanno iniziato un’ampia campagna pubblicitaria nel Paese.

La preoccupazione principale è che potrebbe comportare che molti investitori disinformati investano capitali nel mercato, che può essere altamente volatile. Le banche evidenziano nella mail che queste pubblicità stanno evidenziando alti tassi di rendimento, che attirano investitori con poca conoscenza dello spazio crittografico. Un funzionario bancario ha dichiarato: “La nostra preoccupazione è che possiamo mettere tutti i tipi di algoritmi per rintracciare i clienti che stanno mettendo soldi in cripto e hanno conversazioni con loro per stare attenti, oltre a questo non possiamo fare molto perché sono i soldi dei depositanti”.

Tuttavia, l’avviso ha già visto alcune critiche da parte degli investitori, che sottolineano il crollo della terza banca più grande dell’India (all’epoca) nel 2020, Yes Bank, affermando che, se ci sono dei rischi, sono già presenti nel sistema bancario indiano.

Il sistema bancario indiano ha i suoi problemi e quelli nel settore blockchain e criptovaluta credono che i cambiamenti tecnologici possano effettivamente avvantaggiare la sua economia in crescita. Molti dei poveri dell’India non hanno accesso ai servizi finanziari di base e l’industria delle criptovalute cambia tutto questo con solo uno smartphone e una connessione Internet.

I Paesi in via di sviluppo, in particolare, trarranno vantaggio da gran parte della tecnologia. Il governo sembra riscaldarsi a questa idea, poiché sembra essersi allontanato dal voler vietare le criptovalute. La voce più recente suggerisce che classificherà le criptovalute come materie prime.

I gruppi pro-criptovaluta sono attualmente in trattative con il governo, sperando di aiutarli a formulare regolamenti che andrebbero a beneficio dell’economia proteggendo al contempo gli investitori. La prossima sessione del parlamento vedrà probabilmente qualche discussione sulla regolamentazione delle criptovalute, che potrebbe porre fine a un lungo periodo di incertezza nel Paese.